fbpx
Celebrità

The Flash: Victor Garber aka Martin Stein parla del suo ruolo nelle scene con Firestorm

Nell’ultima puntata di The Flash, 1.14 “Fallout” (potete trovare la nostra recensione qui), un nuovo super eroe è nato. Un po’ problematico da gestire, Firestorm è la combinazione delle qualità fisiche di Ronald Raimond (Robbie Amell) e la mente brillante di Martin Stein (Victor Garber). Proprio il sessantacinquenne attore ha rilasciato alcune dichiarazioni a TheWrap.com circa il suo ruolo nelle riprese d’azione, dicendo di essere grato di averle lasciate al più giovane Robbie Amell: ‘Mentre io sono tranquillamente in hotel, lui è in giro nel cuore della notte correndo in un bosco’.

[Intervistatore]: E’ così divertente lavorare con Robbie Amell?

The_Flash114-04[Victor Garber]: ‘Si, è come se fosse l’altra metà di me. Abbiamo lavorato insieme anche in un altro show, quindi è stata davvero una bella reunion questa. Mi sento a mio agio quando ci lavoro, ed è lo stesso anche per lui. C’è un buon rapporto.’

[I]: Come è venuto fuori il tuo ruolo in “The Flash”?

[G]: ‘Dal nulla. Ho lavorato qualche anno fa con Greg Berlanti nello show “Eli Stone” e quando mi ha contattato e mi ha chiesto se fossi interessato a partecipare anche a questa serie ho subito detto di si, perchè con lui ho lavorato benissimo. Non avevo letto niente, ma soltanto sentendo parlare Greg dello show gli ho detto subito che mi interessava anche perchè sembrava davvero divertente. E alla fine si è dimostrato ancora più divertente di quanto mi aspettassi.’

[I]: Hai letto qualche fumetto al riguardo?

[G]: ‘No, non sono un fan dei fumetti. Sono partito senza sapere nulla, eccetto il copione. Sono nuovo in questo vasto ed enorme universo. E’ molto strano iniziare a fare a quest’età un qualcosa che non avrei mai pensato potessi fare.’

[I]: Adesso cosa succederà al Dottor Stein/Firestorm?

[G]: ‘Il mio personaggio sta cercando di tornare nel suo mondo reale e soprattutto da sua moglie. Questo è interessante: come farà a tornare alla sua vecchia vita? Ci riuscirà? Molte cose sono cambiate e cambieranno a partire da questo episodio, e mi intriga molto il viaggio che ha intrapreso il dottor Stein.’

victor-garber[I]: Abbiamo visto che sei in sintonia anche con Grant Gustin sullo schermo. Ci saranno ulteriori scene insieme?

[G]: ‘Parlando dal punto di vista dei personaggi, Robbie/Ronnie non mi è molto simpatico dal momento che abbiamo condiviso tutto quel tempo insieme, quindi è logico che abbia preso Grant/Barry più in simpatia. C’è un’ottima sintonia tra i due personaggi: io sono interessato in quello che fa lui, e viceversa. La scena in cui mi chiede consiglio sul suo passato e sul suo futuro, quando parliamo anche dei viaggi del tempo, è fatta bene anche perchè Grant è un grande attore e mi sono trovato molto a mio agio sul set con lui. Quindi, spero davvero che ci saranno altre scene. Credo di si, perchè tornerò.’

[I]:Una particolarità di “The Flash” è che sia gli eroi che i cattivi sono definiti in base alla loro intelligenza. E’ figo essere intelligenti: è un messaggio importante da dare agli spettatori?

[G]: ‘Si, molto importante. Quando ho visto la premiere (e qui ti confesso che non ho visto ancora “Arrow” ma voglio farlo perchè spero di apparire anche in quello show) la prima cosa che mi ha attratto di “The Flash” è il fatto che la maggior parte dei personaggi sono tutti fonte di buon esempio e ispirazione. Si connettono molto bene con l’animo dello spettatore, e questo è tutto merito di Greg Berlanti. Ecco perchè lo show è così popolare. E il messaggio che trasmette è molto molto importante, soprattutto per i più giovani.’

Per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su The Flash vi consigliamo di seguire la pagina The Flash Italia, You can inspire people.ϟ ARROW & the FLASH ϟ

Comments
To Top