fbpx
Arrow

The Flash, Supergirl: Andrew Kreisberg sospeso dagli show per accuse di molestie

Continua la caccia alla strega tutta americana che vede l’individuazione di potenziali molestatori all’interno del mondo cinematografico e televisivo. La CW ha infatti iniziato un’investigazione interna riguardante Andrew Kreisberg. L’uomo pare infatti essere stato accusato di molestie da diverse donne. A tal proposito il Network non ha esitato dal sospenderlo dalle sue attuali vesti di produttore di The Flash, Supergirl ed Arrow.

Tutti gli show televisivi tratti da fumetti DC vengono prodotti dalla Berlanti Productions e da Sarah Schechter. Kreisberg faceva da showrunner di Arrow, The Flash – le due serie CW con il maggio numero di spettatori – così come di Supergirl, Legends of Tomorrow Vixen. Non è chiaro se la produzione di questi show possa essere danneggiata da questa decisione visto che stanno venendo tutti girati in questo momento.

LE DICHIARAZIONI DEI COLLEGHI

“Siamo venuti a conoscenza di alcune informazioni particolarmente sconcertanti riguardanti uno dei nostri colleghi. Stiamo cercando di incoraggiare e di collaborare con questa investigazione condotta dalla Warner Bros“. Queste sono state le parole di Berlanti e Schechter. “Per noi non c’è nulla di più importante del benessere e della sicurezza del nostro cast e il resto della produzione. Non tolleriamo le molestie e faremo di tutto per denunciare eventuali comportamenti scorretti e rendere il posto di lavoro sicuro.

Esattamente diciannove tra uomini e donne – anonimamente – si sono rivolte a Variety. La testata in questione è tata la prima a riportare le denunce. Molte di queste persone sono impiegati che hanno lavorato in passato per le produzioni a cui ha preso parte Kreisberg. Sembrerebbe che il produttore abbia toccato delle persone e baciato donne senza il loro consenso, chiedendo più volte massaggi dallo staff femminile. Nessuno degli accusatori ha però riportato questi comportamenti alle Risorse Umane, pur definendo il posto di lavoro “tossico”.

LEGGI ANCHE: House of Cards, Netflix licenzia Kevin Spacey

Kreisberg ha negato tutte le accuse. “Ho fatto dei commenti riguardanti l’aspetto delle donne e i loro vestiti in qualità di produttore esecutivi, ma non le ho mai sessualizzate.”.

Berlanti è uno degli showrunner più importanti della TV, Kreisberg invece fa da mente creativa di moltissimi show della programmazione CW. Tra le altre cose i due hanno lavorato in coppia per molto tempo a partire dal 2008-2009 dove produssero lo show Eli Stone per ABC.

UN SISTEMA DA RIVEDERE

Le accuse rivolte ad Andrew Kresiberg sono le ultime di una lunga ed infelice serie. Pensiamo a FX che ha tagliato ogni legame con Louis C.K.. Il Comico americano è stato infatti accusato di molestie sessuale – rivelatisi poi fondate – verso cinque donne. Questo ha portato anche alla fine della distribuzione del suo film I Love You, Daddy e alla cancellazione del suo show comico per Netflix.

Il colosso dello streaming americano ha tra le altre cose licenziato Kevin Spacey dopo le accuse di molestie sessuali. L’uomo non comparirà nella stagione finale di House of Cards, concesso e ammesso che la serie riprenda la produzione.

Finirà questa denuncia collettiva? Quante persone ancora verranno accusate prima di ripulire un sistema ed un mondo che evidentemente era marcio fino alle sue radici? 

Fonte: Hollywood Reporter

Comments
To Top