fbpx
Flash (The)

The Flash: Recensione dell’episodio 2.09 – Running To Stand Still

The Flash 2.09 grant gustin shantel vansanten

C’è tanta carne a cuocere nel winter season finale di The Flash, forse così tanta da rendere un po’ sottotono questo episodio che mette in pausa la serie fino all’anno venturo.

Iniziamo da quello che doveva essere il piatto forte della serata: il ritorno di Zoom a Central City non fa rumore, e gli unici colpi che regala non sono diretti a Barry (che non incrocia mai in questa puntata, come invece si poteva sperare per tutta la sua durata) ma colpiscono direttamente gli spettatori nel basso ventre. Zoom ha uno scopo che adesso è un po’ più chiaro e che ricorda anche vagamente i piani di Reverse-Flash: scagliare addosso a Barry decine di nemici, uno più forte dell’altro, affinché il nostro velocista scarlatto possa migliorare eThe Flash 2.09 mark hamill liam mcintyre wentworth miller diventare sempre più veloce. In questo modo, e qui ci addentriamo nella parte che ancora non conosciamo del suo piano, Zoom potrà “rubargli” una maggiore quantità di speedforce per poi farci chissà cosa. Ad aiutarlo nei prossimi episodi sarà un Harrison Wells costretto a “tradire” il Team Flash a causa del ricatto che lo ha lasciato senza difese: questo personaggio, per quanto stia prendendo una piega molto oscura, a differenza del suo non-ufficiale predecessore è mosso da un intento puramente umano, per quanto egoistico. Potrebbe farsi odiare di meno.

Tutta l’azione si concentra su una parte di trama molto standard che alla fine non offre spunti realmente originali, adempiendo comunque all’incarico di intrattenere gli spettatori per questa settimana. L’atmosfera natalizia rende Mark Mardon più buono: torna in città per liberare Captain Cold sdebitandosi così del favore che gli doveva, e già che si trova libera anche il Trickster. I due imbastiscono un piano anche abbastanza ben congegnato, ma che non aveva comunque speranza di riuscita: l’episodio quindi presenta non uno ma ben due villain della settimana, tra l’altro già familiari al pubblico. Da notare che l’elemento “prequel Legends of Tomorrow” non manca neanche stavolta: in Captain Cold, infatti, iniziano a svegliarsi i primi istinti di giustizia che lo porteranno, il prossimo gennaio, ad unirsi al team di eroi incaricati di salvare il futuro.

La puntata si mostra invece ricca di contenuti dal punto di vista dei rapporti umani tra i vari personaggi: su tutti la relazione tra Patty e Barry che, ad uno sguardo più approfondito, assume dei contorni un po’ preoccupanti. A monte però è da dire che la ragazza, a mio parere, per un errore di sceneggiatura mostra una incoerenza di fondo.The Flash 2.09 grant gustin shantel vansanten 2 La scorsa settimana non ci ha pensato due volte a sparare a sangue freddo ad Harrison Wells, in una situazione per altro molto forzata dove si è ritrovata ad essere quasi uno strumento degli sceneggiatori. Questa settimana, invece, quando si è ritrovata davanti a quello che si può tranquillamente definire il suo nemico mortale Mark Mardon, colui il quale le ha ucciso il padre e che l’ha “indirizzata” a intraprendere il percorso della polizia, non mostra lo stesso atteggiamento e non spara. Okay è il trionfo del senso di giustizia e del buon senso, ma qualcosa stona se si confrontano le due scene. Non sembra lo stesso personaggio, o comunque è come se avessimo mancato una parte fondamentale di confronto tra lei e il detective West e il conseguente ravvedimento della giovane detective.

Quello che preoccupa dal punto di vista della relazione con Barry è che ha confessato una parte del suo passato a Flash, e Flash stesso le è stato di aiuto nel momento in cui Patty si è ritrovata a puntare la pistola contro Mardon: adesso dice che è pronta a parlarne anche a Barry, ma cosa succederà quando, inevitabilmente, scoprirà la verità dietro la maschera? Questa “confessione” non avrà peso, oppure i due avranno una discussione sul concetto di verità/segreti molto stile Oliver Queen?

Infine la famiglia West ha visto rafforzarsi i legami tra i suoi componenti, con tanto di una nuova aggiunta: Wally West fa capolino nell’universo televisivo de The Flash in veste di fratello di Iris. Nei fumetti ne è il nipote, ed acquisThe Flash 2.09 candice patton jesse l martinta anche lui gli stessi poteri di Barry: si può scommettere quindi in un futuro altrettanto promettente per il giovane Wally, il cui arrivo era stato preannunciato anche dall’apparizione, nelle scorse settimane, della madre Francine che tanto aveva scombussolato la famiglia West e ne aveva portato le vicende in primo piano nella serie. Il tutto condito da una nuova splendida prestazione di Jesse L. Martin, che in questo show mostra ancora di essere uno dei più bravi a rappresentare le emozioni umane.

Tirando le somme ci si aspettava forse di più da un mid-season finale: anche se è vero che l’azione c’è stata, non riguardava direttamente il tanto atteso Zoom. Ci sarà da divertirsi nella restante parte di stagione, questo è sicuro, eppure The Flash va in vacanza lasciandoci un po’ di amaro in bocca.

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

2.09 – Running To Stand Still - Il nostro giudizio
  • Sotto le aspettative
Sending
User Review
1.82 (11 votes)
Comments
To Top