fbpx
Flash (The)

The Flash: Recensione dell’episodio 2.07 – Gorilla Warfare

Ha fatto un giro lungo in metropolitana, prima di tornare a Central City! Avrà preso la linea C. Battute a parte, dopo molto tempo dal treno preso in fronte, Grodd fa il suo ritorno in The Flash, Lo fa ad una settimana esatta da quella puntata eccezionale che è stata l’introduzione di Zoom, il nemico più cazzuto di Flash, so far, che aveva lasciato Barry Allen ferito, fisicamente e moralmente.

theflash 207eDopo quel duro colpo e tale livello di adrenalina per il pubblico, certo non potevamo tornare alla normalità con un villain qualsiasi. Scomparso Zoom, anche se non ne capiamo esattamente il motivo, il posto di cattivo, questa settimana, lo prende uno dei nemici più difficili e più “amati” dell’universo di Flash, il gorilla telepate, che aveva tanto messo in difficoltà il nostro eroe nella prima stagione, per poi essere sconfitto in un modo un po’ banale.

E la situazione si ripresenta tale e quale in questa seconda stagione. Alla fine Grodd più che rappresentare un vero e proprio nemico, nelle sue due apparizioni, è solo uno stratagemma usato per parlare di altre situazioni: se nella prima stagione erano i sentimenti che Barry provava per Iris e quanto questi fossero una spinta per lui, ora devi invece tornare a credere in se stesso dopo la sconfitta subita da Zoom.

theflash 207bQuesto episodio è molto interessante anche perché potremmo considerarlo per buona parte il primo Flash-less, ossia senza una centralità della saetta scarlatta, ma con il team che deve prendere l’iniziativa senza poter confidare nell’aiuto del supereroe. E questo è proprio il turn decisivo nella storyline del nuovo Dottor Wells che trova il momento adatto per mostrarsi il vero opposto del suo alterego, coraggioso e disposto al sacrificio, tanto da fargli guadagnare stima e un posto nella “squadra”. Tom Cavanagh, che già era uno dei picchi alti della stagione passata, riconferma la sua importanza nella narrazione, grazie alla sua bravura e la perfetta amalgama e chimica che si vedeva nel gruppo anche quando faceva lo “stronzo”.

Scena impagabile: Cisco che chiede al Dottor Wells di Terra 2 di interpretare il Dottor Wells di terra 1 nella scena entrata di diritto nella mitologia della prima stagione e che è un epigono del “Luke, sono tuo padre” di Guerre Stellari. Superbi.

Io immagino gli autori che con lo stesso divertimento e la stessa fantasia di Cisco si divertono a scrivere queste scene.

Per ricostruire la fiducia di Barry viene usato anche come deus ex machina il padre, Henry Allen, che torna di tanto in tanto con la sua aria da maestro Osho a tirare fuori perle di saggezza. Davvero, non mi dispiace come personaggio Henry Allen, anche se il suo rientro lo trovo un po’ forzato e si potevano trovare soluzioni alternative, ma mi viene comunque da dire una cosa: quanto è stato fortunato Barry ad avere un “padre” come Joe anziché Harry.

Con Grodd, Harry Allen, il Dottor Wells che fa l’eroe a rimpiazzare emotivamente la mancanza di Zoom, resta poco o nullo lo spazio per tutto il resto. theflash 207dPoco per la nostra carissima Patty, relegata in panchina anche per motivi narrativi, e qualche briciola per la lenta introduzione di Kendra (aka Hawkgirl) in vista del tanto atteso spinoff evento di Legends of Tomorrow, che riesce comunque a regalarci un po’ di Cisco in versione romantica e di Cisco non ce n’è mai abbastanza.

Nota a margine: abbiamo scoperto tramite le lacerazioni si arriva anche al Planet of Apes 

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

2.07 - Gorilla Warfare
  • Flash-less
Sending
User Review
1.88 (8 votes)
Comments
To Top