fbpx
Flash (The)

The Flash: Recensione dell’episodio 2.05 – The Darkness and the Light

Episodio quanto mai intenso questa settimana per The Flash, dove non c’è stato un attimo di respiro tra nuovi personaggi, nuovi amori e ritorni annunciati ma tanto attesi.

Qualche recensione fa commentavo l’apparizione del Dottor Wells di Terra 2 dicendo che questo personaggio avrebbe dovuto dare linfa vitale sia rispetto a ciò che rappresentava prima, sia allo show in generale: mi sento di dire, almeno per questo primo episodio dove appare ed interagisce con gli altri, che è stato un successo. Questo Wells è molto diverso da quello precedente, o comunque da colui che si limitava ad interpretarlo: gThe Flash 2.05 Tom Cavanagheniale allo stesso modo, più pragmatico e molto più cinico. Neanche se Reverse-Flash si fosse impegnato sarebbe riuscito ad ottenere un Wells così duro. Ma d’altronde, non è che abbiamo avuto modo di conoscerlo davvero per poter fare un paragone. Insomma, sembra essere antipatico ma al punto giusto, perché riesce comunque ad affascinare: c’era da aspettarselo da un miliardario che ha imparato a lucrare con le sue invenzioni. Un plauso, ovviamente, a Tom Cavanagh che è riuscito così brillantemente a portare in scena, in fin dei conti, un personaggio tutto nuovo.

Ma quanto possiamo fidarci di questo Wells? Se è vero che in questo episodio tutti i membri del Team Flash hanno fatto i conti con i loro sentimenti e le loro emozioni provate dopo il faccia a faccia col sosia e sembrano averle superate, noi spettatori non siamo stati del tutto convinti. Quali sono i segreti e quali le reali motivazioni? Quando si alzerà la maschera troveremo un altro Eobard oppure soltanto un padre che vuole salvare la propria figlia presa in ostaggio da Zoom in persona?

C’è una cosa che sembra che i due Wells abbiano in comune più di tutte: hanno una fiducia spropositata in Barry. Cosa che invece non ha mostrato di avere, almeno per gran parte della puntata, Jay Garrick che in realtà è più spaventato da Zoom che altro. Ai fini della storia, in effetti, fa più comodo avere un secondo Flash all’apparenza debole e codardo che non possa mettere in ombra Barry. Un po’ noi lo avevamo già sospettato che questo Jay fosse tutto fumo e niente arrosto, ma almeno in una cosa è brillante: a motivare le persone. The Flash 2.05 Shantel VanSantenÈ anche grazie a lui che Barry è tornato, finalmente, quello della scorsa stagione. Quello che si fida delle persone, e che ha capito che la solitudine per un eroe non è un buon sentiero da intraprendere: ci vuole un team di compagni e amici per poter affrontare tutta l’oscurità che sta cadendo su Central City. È tornato finalmente a sprigionare la luce che da sempre lo ha contraddistinto rispetto ad eroi decisamente più oscuri e duri nell’approccio alle questioni super-eroiche. Sembra perfino aver trovato l’amore: il rapporto che è sbocciato con la dolce Patty Spivot potrebbe sembrare un po’ forzato e veloce, ma in realtà lei sembra cotta già da tempo (e convinta) mentre lui non ha fatto altro che mettere da parte tutti gli ostacoli mentali che si era creato e ha ceduto ad un sentimento di cui non voleva  ammettere l’esistenza. Meno comprensibile, da parte mia, l’attrazione di Caitlin verso Jay, questa sì forzata.

Se Barry è la luce, l’oscurità non può che essere incarnata in Zoom. Per ora, questo essere si limita a incombere come una tempesta in arrivo su Central City, lanciando meta-umani in pasto al velocista scarlatto. Si muoverà personalmente molto presto, nel frattempo però questa settimana tocca a Doctor Light provare a scalfire Flash. La donna si rivela essere un altro sosia: questa volta di Linda Park, vecchia conoscenza di Barry e compagna di lavoro di Iris.The Flash 2.05 Grant Gustin Carlos Valdes La durezza del nuovo Wells si rivela anche nel piano utilizzato, approvato dopo diverse discussioni anche di natura morale: catturare Doctor Light e usarla come esca per attirare Zoom. Se la prima parte è portata a termine, non senza vittime, la seconda probabilmente sarà oggetto del prossimo episodio.

Lo stesso Wells è anche artefice della nascita di Vibe: è grazie a lui che crolla la maschera di Cisco, che è costretto a rivelare a tutti il fatto di essere un meta-umano. Un momento che stavamo aspettando da tempo e che si è svolto esattamente come tutti ci aspettavamo. Ancora, è sempre Wells a teorizzare nuove mosse per Flash: grazie alla supervelocità adesso Barry è capace di creare immagini residue di sé stesso. Insomma, per essere nello Star-Lab da neanche quaranta minuti non male come inizio.

A proposito, interessante il modo di lanciare uno dei personaggi di Legends of Tomorrow facendolo quasi passare inosservato: chissà quale sarà la reazione di Cisco quando, un giorno, capirà di aver avuto il numero di telefono di Hawkgirl.

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

2.05 – The Darkness and the Light - Il nostro giudizio
  • Welcome Back, Doctor Wells
Sending
User Review
3.29 (7 votes)
Comments
To Top