fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

The Carrie Diaries: recensione dell’episodio 1.08 – Hosh Hosh

Finalmente con “Hosh Hosh” la serie torna a descriverci lo splendido mondo Newyorchese! Assistere alla riproduzione della Manhattan anni ’80 è uno degli aspetti che preferisco. Ovviamente l’anello di congiunzione tra Carrie e la Grande Mela è rappresentato da Larissa. Questo personaggio è a mio avviso, uno dei più sorprendenti, e non mi riferisco semplicemente alla sua stravaganza o all’estro artistico, ma piuttosto al modo originale di interagire con Carrie. Sicuramente una delle scene meglio rappresentate in questo episodio, la vede protagonista! Mi riferisco al momento in cui Carrie è costretta a svelarle l’età reale. TCD 108-05Larissa è esuberante, eccentrica, ma infondo è proprio lei che cambierà la vita di Carrie. Il suo ruolo è primario, come fosse una guida, una mentore… e personalmente credo che tale compito le si addica.

Ma concentriamoci sul “Hosh Hosh”! Comincerei parlando dei pasticci commessi da Carrie. La ragazza è sempre più attratta dal mondo Newyorchese (come darle torto) e comincia a lavorare per “Interview”, la rivista di Larissa. E’ proprio durante il suo primo giorno di lavoro, che Carrie viene invitata ad uno dei party più esclusivi di Manhattan  e ovviamente la ragazza non riesce a resistere alla tentazione…d’altra parte come si può paragonare il Limelight, con la misera festa liceale che aveva in programma!?!

Come prevedibile, il tutto accade all’insaputa del padre che la crede intenta a svolgereTCD 108-02 uno stage in uno degli studi legali della città. Povero padre illuso. Padre che certo, non spreca il suo tempo, stando davanti al televisore con un pacco gigante di patatine …proprio no! In questo episodio  vediamo il padre di Carrie cimentarsi in un’uscita a quattro che…come sbagliarsi…lo condurrà dritto dritto al Limelight (d’altra parte a Manhattan c’è solo quel locale)! E’ qui che in un attimo di imbarazzo generale, Carrie viene smascherata…non prima di aver assaggiato però, il cocktail che l’accompagnerà per tutta la vita: il Cosmopolitan!

Abbandonando per un momento New York, non possiamo certo dire, che le cose siano meno complicate a casa. Sebastian , realizzato il suo vero interesse per Carrie, decide di lasciare Donna per correre al Limelight per cercare la sua Cenerentola, la quale però sembra già aver abbandonato il ballo! Come distruggere un gesto romantico in meno di dieci minuti…

Donna è pronta a superare il “profondo” dolore che la coglie e pensa bene, di concentrare le sue mire altrove. Dove se non su Walt. Il ragazzo sarà vittima di un inganno ben architettato, che permette a Donna di svelargli la verità su Hush, HushMaggie e la sua relazione. Walt lascia Maggie senza neppure pensarci, si sconvolge per il comportamento della ragazza di una vita, e stravolto per la perdita, distrutto dal dolore, devastato dall’umiliazione… decide di divenire il damerino di Donna! Bah…non so voi, ma questa reazione l’ho trovata poco plausibile, se non del tutto insensata. Voglio proprio vedere, cosa succederà ora!

Nell’insieme non posso certo dire che questo episodio mi abbia entusiasmato. Le scene prese singolarmente non sono male. Mi riferisco ai battibecchi fra Mouse e Maggie, alle scene con Larissa o allo strano amico del padre di Carrie. Ma nel complesso la trama non è stata ben congegnata. Troppe causalità, troppa irrealtà, e poi, lasciatemelo dire, personalmente avrei aspettato un paio di episodi prima che il segreto di Carrie venisse scoperto. Questa settimana la serie non mi ha pienamente convinto.

Madame Tussauds

Convertita alle serie tv in giovane età, ha trascorso l’infanzia sognando di essere una sorella Halliwell, circondata da un gruppo di amici scatenati come quelli di Friends, ma validi ed eterni come quelli di Dawson’s Creek. E’ passata all’adolescenza ammirando le feste in piscina di OC e le avventure mozzafiato di Sydney Bristow di Alias, ritagliando un po’ di tempo per i medici impareggiabili di ER, ma senza scordare gli eroici bagnini di Baywatch. Oggi nel fiore dell’età, si augura un ambiente di lavoro come quello di Ally BcBeal, con il successo e la bravura di Dottor House, un marito come Neal Caffrey ed un amante come Damon Salvatore, per una vecchiaia scoppiettante come quella di Nora Walcker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button