fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

The Carrie Diaries: Recensione dell’episodio 1.01 – Pilot

Nonostante avessi deciso di allontanarmi dai Teen-Drama, ho guardato il primo episodio di “The Carrie Diaries”, spinta da una certa curiosità.

La presenza di Anna Sophia Robb nelle vesti della protagonista Carrie Bradshaw ha rappresentato uno dei punti a favore della serie. L’attrice, infatti, mi aveva sorpreso già in passato nell’interpretare Leslie Burke nel film “Un ponte per Terabithia” e oggi, a distanza di anni, ho rivisto il talento della ragazza, convincente ed espressiva.

PilotLa serie che ha debuttato degli Stati Uniti il 14 Gennaio sulla rete The CW, è rigorosamente ambientata negli anni Ottanta e ci descrive un’ambiente ed un contesto non troppo differente da quello che viviamo noi oggi. Scuola, amici, primi amori…ma Carrie si sente già assai diversa dai suoi coetanei. Per cominciare ha perso la mamma, il che la rende allo stesso tempo più fragile, ma anche più forte dei suoi amici. Carrie ha una sorella più piccola a cui badare, un padre presente, ma destabilizzato, con il quale dovrà imparare a relazionarsi e rapportarsi, ma soprattutto ha un sogno già chiaro nella sua mente: diventare una scrittrice e trasferirsi a New York!

Già in questo primo episodio appaiono chiare quelle che saranno le colonne portanti della serie: da un lato la vita da liceale di Carrie, intenta a gestire i suoi rapporti con gli amici più fidati, ma soprattutto decisa ad iniziare una relazione con Sebastian, conteso con Donna, la ragazza più popolare della scuola ; dall’altro c’è la vita a New York. Carrie infatti, inizia a lavorare come stagista presto uno studio legale di Manhattan e, proprio nella Grande Mela, conosce Larissa, una donna alla moda e stravagante che  le insegnerà a conoscere ed amare la tanto amata città.

La bellezza nel personaggio di Carrie è la sua spontaneità, la sua forza, ma anche la sua insicurezza. Anna Sophia Robb loses her shoes for a scene for 'The Carrie Diaries' in New York CityNel osservare la ragazza imparare ad affrontare il mondo, cercando di trovare il suo posto, è quasi impossibile, rivedere in questa, la stravagante ed eccentrica Carrie di Sex and the City, una donna matura, sicura, determinata a creare la sua vita da favola. Eppure, nonostante tra i due personaggi le similitudini siano fin troppo poche, l’estro e la creatività emergono già in modo netto, delineando, quello che sarà uno dei maggiori talenti della donna.

Ma tornando alla serie, The Carrie Diaries sfrutta il nome del personaggio interpretato da Sarah Jessica Parker, per raccontare una storia diversa, per molti versi più adolescenziale, ma lo fa con abilità, portando alla luce il talento impareggiabile di autori come  Josh Schwartz e Stephanie Savage, maestri incontrastati del genere teen drama. Tra i punti di forza della serie vi è sicuramente la scelta degli autori, a mio avviso grandiosa, di ambientare il telefilm negli anni ottanta, così da rendere verosimile l’aggancio con la serie della HBO e sfruttare il fascino di quel periodo, rendendo un’idea non del tutto innovativa, particolare, piacevole.

Con un solo episodio non  è possibile affermare con assoluta certezza il successo o meno della serie, ma credo che se ben sfruttati gli elementi per fare del telefilm un buon prodotto, vi siano tutti!

Madame Tussauds

Convertita alle serie tv in giovane età, ha trascorso l’infanzia sognando di essere una sorella Halliwell, circondata da un gruppo di amici scatenati come quelli di Friends, ma validi ed eterni come quelli di Dawson’s Creek. E’ passata all’adolescenza ammirando le feste in piscina di OC e le avventure mozzafiato di Sydney Bristow di Alias, ritagliando un po’ di tempo per i medici impareggiabili di ER, ma senza scordare gli eroici bagnini di Baywatch. Oggi nel fiore dell’età, si augura un ambiente di lavoro come quello di Ally BcBeal, con il successo e la bravura di Dottor House, un marito come Neal Caffrey ed un amante come Damon Salvatore, per una vecchiaia scoppiettante come quella di Nora Walcker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button