fbpx
Blacklist (The)

The Blacklist: Recensione dell’episodio 2.01 – Lord Baltimore

“Alla gente piace criticare il Grande Fratello eppure vanno tutti quanti volentieri online a fornire i dettagli più intimi delle loro vite ad enormi database…”

Riparte come un missile (Hellfire) la seconda stagione di Blacklist continuando, senza perdere tempo, la caccia all’uomo del nuovo nemico di Reddington, Berlin, che sembra avere un passato incrociato con il nostro criminale dallo charme impeccabile. La scorsa stagione si era chiusa con la morte dell’agente ustv-the-blacklist-megan-boone-diego-klattenhoff-1Meera e il ricovero del direttore Cooper in lotta tra vita e la morte a causa dell’attacco del sicario di Berlin che aveva il compito di depennare i nomi di una lista di ostacoli sul cammino del nemico russo. Con un colpo di scena finale però Berlin riesce a fregare la task force e a far perdere le sue tracce facendo così di Red un bersaglio in continuo pericolo. Per chiudere un vecchio conto in sospeso con Red, Berlin assolda Lord Baltimore, un hacker professionista in grado di localizzare qualsiasi persona utilizzando le informazioni che il mondo virtuale può offrire.

I nostri protagonisti, dopo aver accusato il colpo della morte di Meera sembrano tornare più determinati che mai, ognuno però sembra essere stato segnato a fondo da quel duro attacco alla task force ma il ritorno del direttore Cooper al comando sembra risvegliare gli animi degli agenti. Elisabeth, cerca di scrollarsi di dosso il passato presentando l’annullamento del suo matrimonio con Tom provando così a cancellare quel pensiero che la costringe però a dormire negli hotel e a tenere un basso profilo durante il giorno con lapaura di essere pedinata dal suo ex marito. L’agente Donald sembra non voler dar peso all’attacco diretto subito e preferisce ignorare il pedaustv-the-blacklist-megan-boone-diego-klattenhoff-5nte inseguimento della sua psicologa cercando di sotterrare da solo quel ricordo che può essere traumatico per qualsiasi persona. Donald è stato uno dei personaggi più “colpiti” nella scorsa stagione; sarà interessante vedere quando raggiungerà il limite di sopportazione per gli attacchi subiti e chi sceglierà come spalla con cui sfogarsi buttando fuori tutto lo stress che sta subendo.

Mi piace come questo pilot sia riuscito a collegarsi sia con la lista nera di Red che direttamente con Berlin; Lord Baltimore, oltre che uno stupendo caso, si è rivelato un ottimo filo conduttore per proseguire la trama verticale della ripetitività settimanale dei casi. Il caso di Lord Baltimore è estremamente interessate e si rivela essere più intricato di quello che sembra; la giovane hacker si scopre essere una ragazza con un disturbo bipolare della personalità a cui subentra la sua parte malvagia dopo l’ascolto di una musica trasmessa quando è avvenuto lo strappo psicologico che l’ha indotta ad uccidere la gemella per assimilarne l’identità. Red non riesce a prevenire in tempo il piano di Lord(Lady) Baltimore che riesce a prelevare l’ex moglie di Red per trattenerla in ostaggio.

Già nella The Blacklistscorsa puntata si riusciva ad intuire quali fossero le intenzioni di Berlin grazie alla storia da lui raccontata quando vestiva i panni del finto agente ricoverato nel letto d’ospedale dopo lo schianto dell’aereo; Berlin, durante la sua prigionia, si è visto arrivare prima un orologio con la foto della figlia, poi i pezzi del corpo di quest’ultima dentro a delle piccole scatole. Quella di Berlin sembra quindi essere una vera e propria vendetta verso Red che si vede recapitare il primo pezzo della sua ex moglie emulando la tortura psicologica che aveva subito Berlin con la figlia.

Più volte, nella scorsa stagione, ci sono arrivati sprazzi di informazioni riguardo il passato di Reddington che sembra coinvolto in maniera fin troppo evidente con il passato di Elisabeth che con quello di Berlin. Elisabeth dal canto suo deve fare i conti con una doppia minaccia che appare in maniera fugace in due scene ma che ci fa già intuire The-Blacklist-2x01-1la sua presenza: Tom è ancora vivo e la sta braccando da lontano aspettando il momento giusto per colpirla. Non serve quindi un certificato di divorzio e neppure un nuovo taglio di capelli per dare un colpo di spugna al passato perché il nemico è più che mai attivo e la sua presenza è fin troppo vicina.

Ottimo pilot che introduce una stagione che sembra voler far chiaro sulla vera natura di Red. La lista dei nemici si sta assottigliando sempre di più ma i numeri rimasti sembrano diventare sempre più difficili da depennare. Berlin sembra (oltre a sembrare Massimo Lopez) nel pieno controllo della situazione e, ancora una volta, sembra tenere strette in pugno le redini del destino di Red e della sua ex moglie. Ce la farà la task force a risollevarsi a testa alta e a resistere a questi multipli attacchi?

Stay tuned

Comments
To Top