fbpx
Affair (The)

The Affair: Recensione dell’episodio 2.09 – 19

the affair

La domanda sorge spontanea: che è successo questa settimana a quel thriller psicologico intricato e sensuale che è The Affair? Questo il primo e l’ultimo quesito che accompagna la visione di questo episodio.

the affairAbbandonata per la prima volta la rituale forma del doppio racconto, che è poi la cifra stilistica e la novità di questo show rispetto a tutto quello che la serialità ci ha finora regalato, il nono episodio di questa seconda interessante, ma non fino in fondo, stagione di The Affair decide di raccontarci in una botta sola i percorsi intrapresi dai quattro protagonisti.
Il racconto si concentra su una sola giornata, in cui le strade di Noah, Allison, Helen e Cole non si incontrano mai. Ovviamente non è un giorno come gli altri e l’arrivo dell’uragano Alex non è altro che l’eco anticipata di una catastrofe, di un cambiamento radicale, di una presa di coscienza netta e definitiva che i nostri affronteranno nelle 24 ore raccontate.

Si parte da Helen, probabilmente il personaggio meglio sviluppato e presentato di questa stagione. Il primo fallimentare incontro al buio pianificato su Tinder la fa inciampare nel medico che in ospedale ha curato il figlio Martin, il cinico dottor Ullah. E definirlo cinico per lui può essere solo che un complimento. Alla ricerca di un contatto più mentale che fisico, Helen si scontrerà con quest’uomo amorevole e menefreghista al tempo stesso, buono e cattivo in una sola espressione. Quando proverà ad aprire il cuore, dopo ovviamente aver già aperto le gambe, questa donna distrutta da un divorzio di cui porta ancora le cicatrici non troverà che un muro di frasi crude ma vere. E poi, alla fine, come dice il dottor Ullah, il cuore non è che un organo muscolare con quattro camere, collocato dietro lo sterno, leggermente a sinistra. 

the affairNoah dal suo canto non sta dando molto prova di essere un uomo poi tanto diverso. Completamente concentrato sul suo libro, il nostro scrittore sta volontariamente sabotando se stesso e diventando la brutta copia del protagonista del suo romanzo, affascinato come è più dai piaceri della carne e del facile successo che da quell’amore che ha ardentemente voluto. Sulla via della distrazione, tra baci sgraziati con la sua assistente e tiri di coca per mandare giù l’arroganza di un vecchio amico che ormai non gli serve più, Noah finirà mezzo nudo a guardare voglioso la figlia ribelle Whitney limonare con un’altra donna. Ma soprattutto perderà uno dei momenti più importanti nella vita di un uomo, la nascita di un figlio.

Chi invece figli non ne avrà mai è Cole. Tra un scatolone e un racconto su quella casa che lo ha visto piangere e sorridere, Luisa gli confesserà di essere infertile e non poter concedergli la gioia di essere di nuovo padre. Un’altra conferma dell’incredibile e insensata maledizione che incombe sulla famiglia Lockhart. Un altro strappo terribile e insanabile a quel cuore malato che ancora piange la perdita improvvisa del figlio.
Una ferita che non si riemarginerà, un dolore che anche Alison non è riuscita a superare.
Ed è lei Alison la linea di congiunzione tra le tre storie. In procinto di partorire, la donna dovrà accettare di avere questo bambino che non vuole tra le difficoltà che un uragano comporta per una città e un ospedale.
Ma con la luce del giorno nuovo capirà che quella piccola creatura che stringe ora tra le braccia non è un guaio ma un dono.

the affairUn episodio in perdita per The Affair, nonostante l’assenza di incursioni nell’oggi, grazie alla quale ci siamo almeno risparmiati quell’insulsa trama narrativa futura che gli sceneggiatori hanno messo in bocca ai protagonisti e soprattutto agli avvocati. Un episodio che non funziona, che non ha quella forza che fino ad ora ha tenuto alta la serie, proponendo proprio un’interpretazione multipla del racconto. Per me 19 è un esperimento mal riuscito, un buco nero in una stagione che era riuscita a reinventarsi bene e senza banalità. Qui di banalità ce ne sono un po’ troppe e quella scena pre-conclusiva in cui Cole e Alison sono di nuovo legati insieme telepaticamente dalle gioie e dai dolori del parto puzza un po’ di forzatura. Sarà un segnale che quella bimba appartiene alla maledetta famiglia Lockhart? Non so e in realtà poco mi interessa. Come poco mi interessa il percorso evolutivo da sogno americano affibbiato a Noah. Tutto già visto.
In sintesi The Affair perde punti. Speriamo che tutta questa pioggia sia almeno servita a lavar via le sciocche maledizioni e le cadute di stile hollywodiane e ci riporti la prossima settimana quel gioco di specchi che tanto ci ha affascinato.

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

2.09 - 19
  • Un unico noioso punto di vista
Sending
User Review
3.25 (4 votes)
Comments
To Top