fbpx
100 (The)

The 100: Recensione dell’episodio 3.10 – Fallen

The 100

Scritta da Lucio Dalla e Gianfranco Balduzzi su musiche di Gaetano Curreri e Giovanni Pezzoli, “Grande figlio di puttana”, primo successo degli Stadio nel 1982, è un divertito omaggio al chitarrista della band, Ricky Portera. Proprio verso il finale compare il verso “ed è per questo che a te la gente tutto ti perdona” che sembra scritto involontariamente proprio per Jason Rothenberg. Lo showrunner di The 100 se la sta passando davvero male ultimamente nel rapporto con i fan delusi per il modo in cui i due personaggi di Lexa e Lincoln hanno lasciato la serie con tanto di polemiche accuse da parte della comunità LGBT e di Ricky Whittle.

The 100 3x10Eppure, la gente tutto gli perdona perché, contorno mediatico a parte, alla fine The 100 riesce a sopravvivere all’uscita di personaggi carismatici adorati dai fan (Lexa e Lincoln) e alla momentanea messa in pausa dei protagonisti storici (Clarke piuttosto dimessa ultimamente e Jasper quasi assente fino ad oggi) grazie a storyline che avanzano freneticamente svelando intrecci inattesi e portando in primo piano quella parte del cast che sembrava solo secondaria. Merito di Rothenberg, certo. Ma anche di attori che sanno rendere credibile il percorso dei caratteri che sono chiamati ad interpretare. Lasciando da parte l’acceso dibattito dall’incerto esito se questa sia o meno la migliore stagione di The 100 (la seconda era più lineare, ma questa è più sorprendente), non si può negare che gli autori siano diventati piuttosto ambiziosi coltivando il sogno sottaciuto di realizzare una serie che sappia legare a sé i fan per le storie che racconta e non per i personaggi che le interpretano al punto da restare affascinante anche quando quelli più amati vengono eliminati (qualcuno ha detto Game of Thrones?). Rischio calcolato o azzardo sconsiderato? Questo episodio doveva essere una risposta a questa domanda, ma solo in parte scioglie il ferale dubbio. Perché l’uscita di Lexa e Lincoln e l’assenza di Clarke e Roan (new entry rapidamente entrata nei favori del pubblico grazie alla bravura di Zach McGowan in uscita da Black Sails) effettivamente pesa molto poco. Ma per raggiungere questo scopo l’azione deve correre così tanto da rischiare di deragliare per la troppa frenesia con cui gli avvenimenti si succedono sullo schermo. E così che la rivolta contro Pike, ormai dipinto come un tiranno dispotico che verrebbe meno ad ogni promessa, è coronata da una rapidissimo successo dopo che per lungo tempo era sembrata una chimera imbattibile.

The 100 3x10La lenta processione di Harper, Miller, Bryan, Kane e Octavia che sfilano di fronte a un Bellamy in catene si chiude senza Lincoln come omaggio al primo grounder che la serie ci aveva presentato ed offre il casus belli per lo straziante pestaggio che la sorella infligge al fratello come sfogo liberatorio che il primo accetta con dolorosa consapevolezza delle proprie colpe. È quindi molto più che prevedibile che il Bellamy che si offre di accompagnare Pike a catturare il resto dei ribelli dopo che l’appuntamento con Monty si è rivelato una scontata trappola (grazie all’ennesimo tradimento di Hannah, ormai saldamente in testa alla classifica delle peggiori madri della storia tv), stia solo fingendo per redimersi agli occhi di Octavia. Quel che è più forzato è l’estrema facilità con cui il piano improvvisato riesce dal momento che Pike, fino a quel punto dipinto come un esperto soldato, si lascia condurre verso i Grounders preoccupandosene appena solo quando è chiaramente troppo tardi. Pike prigioniero e Kane di nuovo al comando diretti a Polis promettono sviluppi interessanti dato l’atteggiamento radicalmente diverso della nuova Heda, ma il modo di arrivare a questa svolta è forse troppo rapido visto quanto accaduto finora. Un difetto di fretta che si può riscontrare anche nell’atteggiamento di Bellamy che passa dall’essere convintamente schierato con le ragioni di Pike per poi pentirsi quando persone a lui care sono condannate a morte e ritornare ora a preoccuparsi solo di Octavia dimostrando di non aver capito il senso della ribellione come sottolineato dalla domanda di Kane. Tutto troppo veloce perché correre può andare bene quando si tratta di far muovere gli eventi, ma va molto meno bene quando si devono caratterizzare i personaggi e motivare le loro scelte.

The 100 3x10Mentre Kane e Pike si dirigono a Polis, il resto del gruppo tornerà ad Arkadia per trovarvi una nuova e molto più pericolosa minaccia che ha il volto, invisibile per i non eletti e impassibile per chi può vederlo, di Alie. Come si diceva in una precedente recensione, quello della City of Light era iniziato come una dispersiva distrazione ed è ora diventato uno dei temi portanti di questa terza stagione. La conversione forzata di Abby è stata l’arma vincente per conquistare alla nuova fede posticcia (si ritorna alla scena di una eucaristia 2.0) l’intera popolazione di Arkadia. Anche in questo caso un giudizio ambivalente è possibile. Da un lato, si ha ora una netta accelerata con l’introduzione di questa misteriosa fase due e l’upgrade inquietante dei poteri di Alie. Dall’altro, troppo rapidamente la setta passa dall’essere una sparuta minoranza alla totale maggioranza solo per la presenza di un nuovo seppure importante adepto (dopotutto anche Jaha era rispettato quanto Abby dagli ex abitanti dell’Arca). Non ci sono invece ambivalenze nel giudizio su Lindsey Morgan. La sua interpretazione del dolore di una Raven che cerca di resistere e la successiva magistrale resa del suo personaggio posseduto da Alie (con la replica esatta del modo di parlare, guardare e persino inclinare il capo dell’intelligenza artificiale) sono da standing ovation senza se e senza ma.

The 100 3x10Come da ironici applausi è Murphy che ancora una volta rappresenta il lato ironico della serie grazie alla sua istrionica capacità di trovare sempre il modo più furbo di tirarsi fuori dalle situazioni più pericolose magari guadagnandoci anche qualche bonus (“the things I do to survive”, battuta del giorno). Meno bene, invece, il resto della storia a Polis con Ontari che sembra troppo monocorde nella sua spietata sete di potere e il resto degli ambasciatori che passivamente accettano la violazione di ogni rituale e persino la nomina a Fleimkempa, ruolo di vitale importanza a antica tradizione, dell’ultimo arrivato. Troppo ciechi anche prima che Ontari decidesse di imitare la Montagna di Game of Thrones (aridaje) per punire chi osa mettere in dubbio la sua nomina.

Jason Rothenberg si sta forse montando la testa come sembrerebbe dai suoi recenti atteggiamenti, ma con la terza stagione di The 100 sta provando a vincere una scommessa. Fare di quello che all’esordio sembrava solo un teen drama con ambientazione sci – fi una serie adulta che sa reggersi su sé stessa e non su chi la interpreta. Ci riuscirà? Lo sapremo presto.

Per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su The 100 vi consigliamo di seguire la pagina The 100 Italia e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

3.10 - Fallen
  • Adelante Jason ma con juicio !
Sending
User Review
4.4 (5 votes)
Comments
To Top