fbpx
Cinema

Suspiria: Thom Yorke comporrà la colonna sonora del remake di Luca Guadagnino

Thom Yorke

Il leader dei Radiohead Thom Yorke è al lavoro sulla colonna sonora di Suspiria, remake dell’iconico thriller del 1977 di Dario Argento ad opera di Luca Guadagnino. Per Yorke si tratta del debutto come compositore cinematografico.

Suspiria sarà rilasciato nelle sale statunitensi e prodotto da Amazon, che ha anche cofinanziato il film insieme a K Period Media.

“L’arte di Thom trascende il contemporaneo” ha dichiarato il regista siciliano. Avere il privilegio della sua musica e dei suoni per Suspiria è un sogno che si realizza. La profondità delle sue creazioni e la sua visione artistica sono così uniche che il nostro Suspiria sarà innovativo ed entrerà profondamente in sintonia con gli spettatori. Il nostro obiettivo è quello di fare un film che sarà un’esperienza inquietante e trasformante: con queste premesse non abbiamo potuto trovare un partner migliore di Thom “.

suspiria

LEGGI ANCHE: Musica Seriale: alla scoperta delle colonne sonore delle serie tv | Big Little Lies

“Thom Yorke ha composto e realizzato alcuni dei pezzi più iconici e trasformativi della cultura moderna” hanno dichiarato i produttori Marco Morabito e Brad Fischer “La sua partecipazione a Suspiria è un dono straordinario, sia per noi che per i filmmaker che per il pubblico, che potranno vivere un’esperienza straordinaria, terrificante e emozionante”.

Nel cast del nuovo Suspiria vedremo Tilda Swinton, Dakota Johnson, Mia Goth, Chloë Grace Moretz, Lutz Ebersdorf e Jessica Harper, che nel film originale vestiva i panni della protagonista Susy Benner.

La storia si concentra su una giovane ballerina americana (Susie Bannion, interpretata da Johnson) che nel 1971 entrerà nella prestigiosa compagnia di danza Markos Tanz di Berlino, dopo che una delle ballerine è scomparsa in circostanze misteriose. Come lo Guadagnino stesso ha raccontato un po’ di tempo fa ai giornalisti di Variety, Suspiria sarà un film che parlerà di colpa e di maternità.

Fonte: Indiewire

Comments
To Top