Recensioni

Supernatural 8.02- What’s Up Tiger Mommy?

A chi mai potrebbe capitare l’onore di partecipare ad un asta infernale? A nessuno ovviamente, ma quando fai di cognome Winchester queste cose sono all’ordine del giorno, soprattutto se in questo caso la posta in gioco è niente di meno che il Verbo di Dio.  Ma andiamo con ordine.

In questa seconda puntata, Dean e Sam decidono di accontentare  Kevin, il profeta di Dio e lo accompagnano a salutare sua madre, giusto per assicurarsi che la donna non sia finita gia tra le grinfie di Crowley. Ma ovviamente i demoni sono arrivati prima di loro tanto che un demone s’è impossessato perfino dell’amica della mamma di Kevin. I tre decidono di intervenire e dopo il solito esorcismo, la donna è ormai al sicuro e Kevin decide di raccontarle tutto quello che gli è accaduto. E Indovinate un po’ ‘Mamma-profeta’ ( così ho decido si ribattezzarla) non batte ciglio più di tanto e decide di accompagnare Dean, Sam e Kevin alla ricerca del verbo di Dio. Tipa tosta la signora, non c’è che dire, che non fiata neppure quando è costretta a farsi tatuare il marchio scaccia demoni sul braccio per evitare di essere posseduta nuovamente. Ad ogni modo  la combriccola va alla ricerca del Verbo che in teoria Kevin ha nascosto nell’armadietto scolastico. In teoria appunto, perché si scopre che l’oggetto sacro è stato rubato .

Dopo una ricerca più o meno noiosa, i fratelli Winchester scoprono che il Verbo di Dio è stato messo all’asta da Plutone, Dio delll’avarizia e braccio destro di Dio. Dean e Sam pensano scioccamente di poter far avvicinare Kevin il più vicino possibile all’oggetto, per fargli memorizzare  quello che è scritto sulla tavola, per poi scappare allegramente, ma il piano fallisce dato che la tavoletta è stata coperta proprio per evitare simili situazioni. Il problema dunque che si pone è: cosa offrire ad un asta infernale? Soldi? La mitica impala? (quest’idea era stata di Sam, ma ovviamente Dean si rifiuta categoricamente! E a ben dire: nessuno può toccare Baby! Certo che no! I fratelli Winchester si rendono conto di essere spacciati quando  i partecipanti all’asta cominciano ad offrire  oro di gnomi, tre quarti di una vergine e, udite udite, perfino il mitico martello di Thor!!

Grandi risate se le fa pure Crowley che, da re degli Inferi qual è, non poteva mancare all’evento per accaparrarsi l’unico oggetto che potrebbe chiudere per sempre i cancelli demoniaci. La fortuna, però, non è nemmeno dalla sua parte. Infatti l’asta in realtà non è altro che è una trappola per rapire Kevin, l’unico in grado di poter leggere cosa c’è scritto sulla tavoletta. Vista la situazione, Mamma-profeta decide di intervenire per salvare suo figlio offrendo la propria anima in cambio della libertà  del ragazzo e della tavoletta. I “mostri” accettano lo scambio e Crowley rimane a bocca asciutta o ameno così si crede. Difatti quando la madre di Kevin rimane da sola,  Plutone aiuta Crowley a  eliminare il marchio anti possessione dal braccio di Mamma-profeta, bruciandogli il disegno con un accendino e Mister Re degli inferi entra  nel corpo della donna.

Dopo  un combattimento tra Dean, Dam, Dei e demoni, alla fine, Crowley la spunta e riesce ad ottenere la tavoletta. I giochi sono fatti oramai. Crowley va via con il malloppo mentre la madre di Kevin, libera dal demonio, rimane in uno stato  di incoscienza anche se è ben sveglia. Kevin scappa con la donna perché ormai non si fida più nemmeno dei fratelli Winchester dato che Crowely gli ha detto che  ‘una volta che  una persona  non serve più ai due fratelli questa finisce per morire.’

In tutto ciò, nel corso della puntata abbiano anche dei flashback di Dean e della suo soggiorno in purgatorio. Dean è riuscito a trovare Castiel il quale gli racconta che è dovuto fuggire via per attirare su di sé tutti i leviatani ed evitare che potessero fare del male ai Winchester. Dean  gli racconta che ha trovato una via di fuga dal purgatorio e lo convince a seguirlo. In un flashback di fine puntata, però vediamo che le cose non sono andate bene e che  lo stesso Dean in un momento cruciale della fuga dal mondo ultraterreno ha lasciato la mano di Castiel aggrappato ad una roccia. Insomma cosa sarà successo?

La puntata è stata molto carina e la stagione promette bene. Le  ultime due stagioni non sono state molto entusiasmanti, salvo per qualche momento, e la serie, a mio parare, era calata di originalità dopo la fine della mitica quinta stagione. Però almeno dopo queste prime due puntate, possiamo dire che ci sono dei buoni presupposti per una nona stagione entuasiasmante, anche perché vi sono molti misteri da scoprire, soprattutto siamo curiosi di sapere qualcosa di più sul nuovo amore di Sam e sulla permanenza di Dean in purgatorio. E poi diciamocelo, Supernatural senza Misha come  personaggio effettivo non era la stessa cosa e la mancanza della coppia Destiel cominciava a farsi sentire. Speriamo di vedere qualcosa di buono. Questa puntata è stata  anche comica: Sam con in mano il martello di Thor è stato originale e anche tutta la situazione dell’asta l’ho trovato molto comica. Certo, c’è da dire che oramai il povero Dean potrebbe diventare il nuovo Dante Alighieri data la sua visita in tutti e tre i mondi ultraterreni ma in fondo il suo personaggio ci piace proprio per le sue numerose avventure.

NB:  domanda da un milione di dollari: Jared, quand’è che ti deciderai a darci un taglio ai tuoi capelli? Perfino i produttori ti prendono in giro ormai!!!

Comments
To Top