fbpx
0Altre serie tv

Sunnyside: La sitcom che non riesce a decollare. Recensione pilot

sunnyside tv pilot recensione

Una commedia, per definizione, dovrebbe far ridere. È quindi un peccato che il pilot di una serie TV scritta, prodotta ed interpretata da Kal Penn come Sunnyside si perda in un pozzo di buone idee che nessuno riesce a portare al termine.

Peccato in quanto il suo ideatore e sceneggiatore non sia altri che il Direttore Associato dell’Office of Public Engagement della Casa Bianca durante l’amministrazione Obama. Un personaggio di spessore, con una mente brillante e tanta fantasia. Ottime premesse per la serie TV a sfondo sociale in un’America profondamente avversa all’immigrazione come quella odierna, no? A quanto pare non è abbastanza, no!

Un politico in disgrazia che cerca un riscatto

sunnyside tv pilot recensione
Sunnyside recensione pilot, Credits: NBC

La storia ruota intorno a Garrett Modi (Kal Penn), un consigliere comunale che ha trascurato i propri doveri dopo aver promesso agli elettori di cambiare la loro città e la loro vita. Cacciato dal suo ufficio – che intanto era diventato anche il suo indirizzo di residenza – ed estromesso dalla sua carica, trova rifugio a casa della sorella, intenzionato a tornare in vetta.

LEGGI ANCHE: Guida Galattica – Le date di partenza e le serie tv in partenza nell’autunno 2019

Nell’attesa di trovare la sua strada verso l’ufficio cittadino, accetta di aiutare un gruppo di immigrati a compilare e depositare le loro domande di cittadinanza americana. Un gruppo eterogeneo e buffo, con Jun Ho (Joel Kim Booster) e Mei Lin (Poppy Liu) nei panni di due fratelli ricchi e una valanga di soldi da spendere sul niente; Hakim (Samba Schutte) un autista di taxi pakistano che ha lasciato la sua casa e la sua professione di cardiochirurgo pur di inseguire il sogno americano; Brady (Moses Storm), un quasi-americano che è nato in Moldavia; fino a Griselda (Diana Maria-Riva), una donna che sembra avere almeno dieci lavori in contemporanea – ed è già la mia preferita!

Pilot interessante ma non avvincente

Ecco allora che si arriva alla domanda fondamentale: con queste premette, il pilot di Sunnyside riesce a convincere lo spettatore a proseguire la visione? Onestamente la risposta, spiace dirlo, è: assolutamente no. Kal Penn fa del suo meglio, introducendo una tematica interessante e plasmandola alle richieste di una tipica sitcom americana. Ci sono le situazioni comiche prive di senso, c’è un luogo in cui i personaggi si riuniscono, c’è una missione che sembra una priorità mondiale. C’è tutto.

Poi però ci si rende conto che, al di là dei luoghi comuni di una tipica sitcom, c’è poco altro. Purtroppo i personaggi non riescono ad evolversi – con l’eccezione di Hakim, forse – rispetto alle macchiette negli abiti di cui vengono introdotti. I ricconi, il teenager con un genitore imbarazzante, una nemesi (o in procinto di divenire tale) che occupa il posto dell’eroe – sebbene preveda una liason tra i due prima della fine della stagione uno.

Manca quel qualcosa in più che riesca ad elevare una semplicissima comedy ad una serie tv di alto livello.

sunnyside tv pilot recensione
Sunnyside recensione pilot, Credits: NBC

Il riscatto e la politica dell’accettazione

Una delle poche tematiche interessanti di questo pilot, che presumibilmente verrà approfondita nel corso della stagione, è il percorso intrapreso da Garrett verso la redenzione. Si tratta infatti di un uomo che ha promesso tanto ai propri elettori, solo per adagiarsi sugli allori e lasciare che tutto il potere nelle sue mani andasse sprecato. Ha permesso alla propria inettitudine di prendere il sopravvento.

LEGGI ANCHE: L’universo delle sitcom americane: Da Will&Grace a New Girl, passando per How I met your Mother

Aiutare un gruppo di misfits è la sua occasione di riscatto. In loro riconosce, infatti, tutte le persone che non ha avuto modo di aiutare durante il proprio mandato. Tutte le persone che hanno perso qualcosa a causa sua, che non sono state in grado di arrivare al cosiddetto “sogno americano” per colpa sua, diretta o indiretta che fosse. Ed è un tema interessante proprio in quanto sinonimo dell’attuale politica di tolleranza inesistente negli Stati Uniti. Garrett è il governo che dovrebbe pentirsi e i suoi misfits sono tutti colore che il governo americano sta abbandonando e deludendo con una politica esclusionistica.

Qualche possibilità di salvezza?

sunnyside tv pilot recensione
Sunnyside recensione pilot, Credits: NBC

Nonostante le diverse critiche mosse, quello che cerco di ricordarmi – ed è quello che vi consiglio di fare – è sicuramente il fatto che si tratta pur sempre di un pilot. Ci sono decine di serie TV (soprattutto sitcom) le cui premesse non erano rosee. Non tutte sono riuscite a riprendersi da quell’impressione iniziale ma alcune ce l’hanno fatta.

Personalmente non vedo grandi speranze per Sunnyside, che si è dimostrato un prodotto alquanto deludente e per niente intrigante, a meno che non si scelga di concentrare il tutto sui mille lavori di Griselda. Quello è forse l’unico caso in cui si potrà effettivamente trovare dell’interesse per questa serie TV. Questo o uno spinoff sui gemelli cinesi, che sembrano stati direttamente pescati da Crazy, Rich, Asians. Per adesso dobbiamo solo sperare che riesca a sfruttare al meglio i propri elementi di forza senza scadere nella banalità. Good luck!

Guarda qui il trailer di Sunnyside!

Sunnyside - 1x01 Pilot
2

Summary

Non ci siamo proprio. 

Comments
To Top