fbpx

Sul set di White Collar con Tim DeKay

Le tue battute con Neal sono fantastiche. Come avete stabilito questo rapporto in primo luogo?
Non lo so, noi semplicemente, si ritorna a- mi sento come se lo aveste già sentito. Si ritorna a quando lui era già stato scelto per il ruolo. E quindi io, c’erano le letture di affinità, dove, penso che c’erano, sapete, hanno visto molte persone. E allora avevo girato un episodio di New Adventures of Old Christine al tempo. E quindi mi chiamarono per leggere con lui, e avevo visto parecchie altre persone lì che erano molto riconoscibili, e questo mi preoccupava. Ma sono andato e abbiamo semplicemente cominciato a leggere e c’è stata un’immediata fiducia tra noi due, che può essere- lo paragono agli sport. In quello, se lui ha la palla me la lancia, io ho la palla e la restituisco. E le volte migliori son quando la palla è tra di noi e nessuno di noi l’ha realmente e quindi andiamo avanti e indietro in questo modo.

Quanto di questo è improvvisato e quanto è scritto?
Non posso darti una percentuale, ma ci proverò, forse un 80% è scritto. La maggior parte delle improvvisazioni puoi vederle alla fine delle scene. Dove lo sceneggiatore ha scritto una fine, la scena finisce e dopo quello lui ed io improvvisiamo alcune frasi e loro lasciano correre, lasciano che le telecamere vadano avanti fino alla nausea.

Quando pensi che il rapporto tra Neal e Peter è cambiato dal truffatore e la persona che l’ha catturato ad una reale amicizia?
Per me, è stato quando, in un episodio chiamato Vital Signs [Segni di vita, in Italiano]. E c’è stata una volta, per portar fuori Neal da una clinica -era stato drogato- per portarlo fuori, Peter era l’unico a poter andar lì e portarlo fuori, e c’è stato un momento in cui ha deciso di rubare il video di sorveglianza da quella clinica. Ed è stato un momento dove Peter, potete dire, ha sorpassato la linea e fatto qualcosa illegalmente, ed è stato semplicemente per lui, era per Neal e nessun’altra ragione oltre questa.

E penso, sai, ne hai parlato un po’ poo, ma la fiducia è stata una sorta di tema centrale per tutta la prima stagione. E sembra continuare nella seconda stagione, quindi come continuerà ad essere trattata man mano che la stagione avanza?
È grandioso perché hai visto il primo episodio quindi penso che possiamo parlarne. Jeff Eastin ha creato questa grande dualità, dove io indago su qualcosa riguardo all’incidente, Neal indaga su qualcosa riguardo all’incidente, e nessun di noi dice all’altro quello che stiamo facendo. E siamo ancora più vicini, per quello che ci siamo detti prima dell’incidente. Così, è simile agli altri rapporti che abbiamo, in cui il più vicino arrivi in qualche modo, perché arrivi più vicino se non dischiudi qualcosa in questa relazione chiusa, quindi la fiducia diminuisce e diventa circoscritta. Penso ancora che tutto ciò sia grandioso, ma penso che forse il più grande valore di Neal e Peter è solo che loro due- bisticciano non è esattamente la parola giusta. Ma, non so cosa fanno, quando sono in appostamento. Penso che sia questo, che mi diverte di più.

Tutto il mistero che avvolge l’incidente, è qualcosa che andrà a coprire tutta la stagione o un grosso pezzo della stessa?
Per parte della stagione, su e giù. Certamente non guiderà la stagione, ma sarà, sì, sarà una parte della stagione. Perché di nuovo è lui, Jeff ha creato questa cosa dove- non posso fidarmi di te con questo. Prima era ‘non posso fidarmi di te perché so che vuoi trovare Kate’. Ora ‘non posso fidarmi completamente di te perché so che stai cercando chi ha fatto esplodere l’aereo’.

E cosa ci dici del rapporto di Peter con la nuova agente dell’FBI, abbiamo tipo visto qualcosa [alla fine]?
Diana.

Si fida di lei?
Completamente. Completamente, sì. E penso bisogni fidarsi, conoscendo la storia. E’ la stessa cosa con Peter, non importa cosa- è l’FBI, non importa cosa, alla fine- e l’ha detto molte volte a Neal, “Te lo prometto, alla fine vincerò”. Bisogna averla altrimenti il mondo è semplicemente caotico e non c’è molto fondamento. Ma sì, le vuole bene. Peter vuole bene a Diana e si fida di lei completamente. Ed è grandioso che non ci sia nessuna tensione sessuale. Lo vedrete negli altri episodi dove può, si traveste per andare sotto copertura per queste cose e Peter è semplicemente, “Wow, ehi, sembri favolosa. Va bene, ora quello di cui abbiamo bisogno è che tu vada di sopra e intorno–” È divertente.

Arrivato fin dove sei arrivato tu, a girare questa stagione, sai a dove porta tutto questo?
Stiamo girando il quinto episodio giusto ora. Quindi abbiamo un’idea di quello che sta succedendo, ma non lo sappiamo.

Com’è essere rappresentati in una delle coppie che funzionano di più che abbiamo mai visto in tv?
È meraviglioso, è meraviglioso. Perché la maggior parte delle storie che ho avuto in televisione non sono state buone. Così è reale- o almeno lo è lavorare per farla funzionare. È meraviglioso, è semplicemente grandioso e non funziona nemmeno in un modo alla Leave it to Beaver. Funziona in un modo molto maturo- qual è la parola che cerco? Si capiscono al volo, sono entrambi, ci sono entrambi dentro, sono una buona coppia da imitare.

Sentiremo l’assenza di Tiffani Amber Thiessen, tipo la moglie che se ne è andata a farsi una vacanza benessere o qualcosa del genere?
Ci saranno alcuni catering a San Francisco che avranno bisogno di lei, sì. Sì, la sentirete [la sua assenza]. È divertente, intendo, tutti sanno [che Tiffani era incinta]. Quindi è semplicemente divertente da vedere, penso, come abbiamo trattato [la cosa]. E ci saranno molte telefonate, sì. Non penso useremo Skype, ci chiameremo per telefono e noi-

Avresti voluto che fosse stata messa nello show, la gravidanza? C’è una possibilità che questo accada, prima o poi?
Ne abbiamo parlato, io non lo volevo, io non lo voglio- la maggior parte degli sceneggiatori e delle persone non lo volevano e Jeff non lo voleva. Semplicemente non penso che funzionerebbe in questo mondo, adesso. Peter è uno stacanovista e se è fuori per un caso e fa tardi, ha una moglie che capisce che sei uno stacanovista. Se avessero un figlio e fosse fuori su un caso e fosse tardi e la sua vita fosse in pericolo, diventerebbe un cattivo padre. Quindi, noi non lo volevamo e non c’è; un bambino, adesso, non è nel mondo di White Collar.

Forse nella terza stagione?
[Ride]

Forse nella tredicesima?
[Ride]

Nell’episodio che abbiamo visto, abbiamo visto Mozzie e il vostro nuovo rapporto. Continuerà così con il proseguimento della stagione?
Sì, questo è un ballo di cui siamo consapevoli. Perché, sapete, nella prima stagione Mozzie era nella casa un paio di volte e ci dava una mano. Ed io lo ringraziavo, e gli davo una mano ogni tanto. Ma c’è una distanza che rispettiamo, e che rispetteremo sempre. Lui mi chiamerà sempre Suit, io lo chiamerò sempre Mozzie o [Haversham]  ed io gli darò una mano. E non penso che sia un cattivo ragazzo, è solo che non è nel mondo di Peter e Peter non è nel suo. E penso che sia una buona cosa, mantenere questa distanza, così che Neal possa sempre andare da Mozzie e dirgli “Aiutami con questo”. Ed io posso dire, in caso, “E non andare da altri amici oltre a questo”.

La scena in cui Peter e Neal irrompono nella banca per catturare l’architetto. C’era uno sguardo gioioso sulla faccia del tuo personaggio come se fosse realmente interessato nello stile di vita alternativo del crimine. Mi chiedevo se fosse alquanto interessante per i personaggi se diventasse un po’ più come Neal e Neal un po’ più come Peter, una sorta di scambio.
Abbiamo parlato di, tipo, una specie di scambio di caratteri per un episodio, sapete, come dire “Peter tu andrai sotto copertura per questo [episodio].” Vedete, Peter ama la ricerca, la ama. Così si introducono- questo era un mondo perfetto per Peter, quando hanno scassinato la banca (nel primo episodio della seconda stagione). Perché è dovuto andare da quel lato della legge, nel modo giusto, ha dovuto farlo. E così era perfetto, era divertente, era un poliziotto e un ladro. Ma era come se interpretasse un ladro – sì, l’ha amato, l’ha amato.

Pensi che la formula dello show sia stata modificata del tutto nella seconda stagione? Ci sono delle lezioni che avete imparato dalla prima stagione, c’è qualcosa su cui vi siete concentrati, avremo un po’ più di questo, un po’ meno di quell’altro?
Questa è una domanda molto buona, non penso sia così. Sono sicuro che Jeff Eastin potrebbe rispondervi meglio di quanto possa fare io. No, sapete-

Ti sembra esattamente il solito show?
Per la maggior parte lo è, lo è. Penso, sapete, è un ballo per i dirigenti. Io continuo a dire ‘ballo’. Ma è qualcosa a cui devono pensare i dirigenti. Perché lo vuoi, lo sai, io non posso ballare, ma tu vuoi, devi ballare con chi ti porta al ballo di fine anno.

State lavorando ad un episodio musical, è per questo?
No, [non lo so], qualcosa del genere [ride]. Ma dovete esserne consapevoli, dovete farlo con la sicurezza che è- non cambia niente. Squadra che vince, non si cambia. E ancora, salire di grado.

Come sei involto nel processo di scrittura [della sceneggiatura]?

Per niente, per niente. Io posso proporre alcune scene, un episodio che penso possa essere divertente. E, questo è tutto, “Oh, sapete cosa sarebbe forte? E se Peter e Neal rimanessero bloccati in un ascensore per mezzo episodio o per l’intero episodio?” Sapete, o- è questo.

Hai qualche ambizione di, eventualmente, scrivere un episodio o è troppo presto?
Non posso, non posso. Ci ho provato. Ho provato in molte occasioni a scrivere un episodio, a scrivere film, e ho solo- una volta che il copione è lì allora posso dire, “Ah”, posso essere un drammaturgo e dire, “no, questo sarebbe meglio qui perché l’evento deve permettere questo [indistinguibile] accaduto dopo,” e tutto ciò. Questo posso fare, posso analizzare il copione, ma non posso iniziarne uno.

Penso che sarebbe grandioso se- ho sentito che avete fatto un’interpretazione di Carry on My Wayward Son. Siete stati magnifici, era una magnifica interpretazione.
Davvero?

[Questo] vi ha ispirato, magari, per cantare in un episodio?
Sì, Neal, sì, Neal e Peter interromperanno una gara internazionale di karaoke.

[ride]
[ride] No, tuttavia sarebbe divertente, qualcosa dove- [hai usato tu la parola] Neal dica, “Peter, dobbiamo salire, dobbiamo cantare ora altrimenti…”

Le persone ancora parlano di te e Matt che cantate durante la web-chat che abbiamo fatto [in California].
Giusto, era lì.

E’ da dove l’ho preso.
Sì, sa cantare. Io ho fatto solo la melodia e lui ha fatto tutta l’armonia.

[Ride] Sembrate sempre divertirvi molto.

Lo facciamo, sì. Sì, lo facciamo, ci divertiamo.

Farete uno spettacolo circense appositamente per noi?
Lo faremo, lo faremo, abbiamo cilindri e bastoni.

E ballate?
E balliamo, sì. No, ci divertiamo. Credo che una delle differenze di questo show dagli altri sia che c’è una leggerezza in tutto. E penso che l’abbiamo e, vedi, vogliamo esser molto seri su questo. Ho avuto questo grande regista che una volta mi ha detto questo, ha detto: “Se, in teatro, se l’atmosfera è molto seria quando fai una commedia, sarà una recitazione divertente. E se l’atmosfera è molto divertente mentre fai una recita seria sarà una buona recita.” E penso che ci sia qualcosa circa la serietà della commedia dove, “Va bene, è più divertente se prima lo prendo e quindi dico la battuta o lo lascio lì?” Perché è così- la commedia può quasi essere matematico alle volte. Ma questo è un diverso tipo di commedia, non è una sitcom, è più… direi è una commedia più brillante. È più veloce. E non vogliamo che qualcuno sghignazzi, vogliamo solo qualcuno che lo butti fuori a calci, capisci cosa intendo? Perciò possiamo mantenerla, mantenere la leggerezza dell’ambiente sul set.

È veramente un po’ strano, perché ogni volta che intervisto dei drammaturgi sono sempre sorprendentemente divertenti, e i commedianti non lo sono mai.
I commedianti sono inguaiati, sono solo, sì, intendo pensarci. Pensare ad andare sul palco e solo, sai, lasciarti andare. E questa è il rapporto che hai con il pubblico, come, ora sto per fare- e noi tutti conosciamo il programma. Il programma è di essere divertenti. Un commediante non ha null’altro che questo. E noi come pubblico sappiamo che è anche una nostra responsabilità, noi siamo responsabili. È questo- ognuno si sente un po’ responsabile quando un commediante è sul palco. Questo è un orrore! E volerlo fare, penso che sia folle. Penso che sia folle.

Cosa speri avverrà per Peter in questa stagione?
Più casi divertenti, e- amo che Peter sia involto nel [caso del] carillon. L’ha preso- La scorsa stagione Peter era coinvolto personalmente e la sua concezione dell’FBI è cambiata di grado. Loro, sapete, hanno messo sotto controllo la sua casa, sono entrati nel suo mondo personale, e questo l’ha scosso. Perché non era abituato, sapete, è sempre stato un federale, è sempre, cosa stavo dicendo? Lui è, c’è una frase quando rimani con una squadra o porti la bandiera o qualcosa del genere.

È uno che sa lavorare in squadra?
Sì, questa è un’altra [definizione]. Beh, sapete cosa intendo. Quindi. Ma è quello che è sempre stato. E una volta che Fowler e compagnia hanno cambiato ciò e gli hanno detto che, “No, ci sono persone cattive nell’FBI, e persone molto cattive nell’FBI.” Questo l’ha fatto arrabbiare enormemente.

Pensi che sia perché ha visto le cose in bianco e nero molte volte?
Penso di sì, penso che creda che- che c’è un ricerca della bontà per lui e anche l’FBI. E c’è un caso, ora, dove, l’episodio su cui stiamo lavorando, dove qualcuno ha rubato qualcosa e la donna non ha alcun precedente e questo è un furto circonstanziale. E Peter è tutto- riga dritto. E l’intera filosofia di Peter dietro ciò è, “Lo so, so che non lo farebbe, so che questo non è da lei, [non è] una cosa che normalmente farebbe.” Ma lo stesso, l’ha rubato. E chissà dove dovevano andare quei soldi, non sono i suoi soldi da prendere. E penso che sia questo- non tanto bianco e nero, ma c’era una ragione che ha fondato questa legge ed è da un senso di buono che penso- ho avuto un regista una volta che mi diceva sempre, “Cerca l’amore, vai a prendere l’amore.” E penso che se sei in bianco e nero, allora può diventare molto rigido e non c’è amore o cuore qui dentro. Ma se cerchi sempre per la bontà- ed io credo che sia questo che Peter cerca.

Avrete per cinque volte il vincitore dell’Emmy John Larroquette come guest star.
Abbiamo già avuto una scena con lui, abbiamo avuto una scena con lui e ne avrò un’altra con lui domani. È semplicemente meraviglioso, è fantastico. E lui è divertente e intelligente e siamo privilegiati ad averlo. Abbiamo avuto delle incredibili guest star, abbiamo avuto Aiden Quinn nello show, Hilarie Burton è meravigliosa. Siamo molto fortunati.

C’è qualcuno che tu, personalmente, adoreresti vedere nello show?
Oh, ho un gruppo amici che vorrei vedere nello show.

[ride]
Ce l’ho, ho un gruppo di amici con cui andavo a scuola e che penso sarebbe grandioso. Tim Matheson era nello show. L’abbiamo usato per il cattivo in questo episodio, è stato il primo, no? E ho sempre pensato, diamine, ho pensato che fosse un po’ uno spreco. Perché avrei adorato di averlo come, non so, come il fratello maggiore di Peter o qualcosa del genere, dove avrebbe potuto avere una [storyline].

E so che tu parli molto delle incredibili location dove hai girato. Una delle mie preferite è quella che abbiamo visto dove eravate tu e Peter, Neal lancia la palla da golf nell’Hudson. Come era? Puoi dirci dove giravate e come era lì?
Era incredibile. Penso fosse da qualche parte sulla 23esima, credo, non penso fosse una casa, era-

Hanno davvero un campo da golf per esercitarsi in quella zona.
Lo hanno, sì. con le reti, sì. E se non centri l’obiettivo non colpirai l’autostrada ovest.

[ride]
No, ma ci sono alcuni di questi posti, penso, non li hanno nemmeno, i affittano per le feste o che altro a prezzi folli, folli. E ancora, ogni volta pensate che non ci possa essere un altro ricco palazzo a sei piani dove qualcuno vive qui a Manhattan. E qui c’è, qui c’è, e c’è solo qui.

Rimangono ricchi affittandoli agli show televisivi.
Beh, questo è solo una parte. No, è vero comunque, questo è quello che penso: “Oh, è per questo che questa persona ha i soldi che ha, è perché questo è il modo in cui pensano.”

Quindi hai un ricco palazzo a New York [ride]?
No [ride] ho un monolocale molto modesto che ho affittato da Jonathan Tucker che interpreta- non ricordo, l’altro anno c’era, era quel ragazzo che aveva tutti quei fumetti, in un episodio.

Com’è per te girare a New York in uno dei pochi show che ci sono qui fuori?
È gradioso. Ho- la mia famiglia è tornata a LA, così devo tornarci spesso durante i weekend. Ma è super, lo amo, amo girare a New York. Perché, prima di lavorare a New York, ho fatto molto teatro e finanziariamente non era facile. Mia moglie ed io ci eravamo appena sposati ed eravamo, sapete, ci incontravamo una volta ogni tanto ed era difficile. Quindi essere qui ora e girare questo show che è abbastanza popolare e, sapete, abbiamo queste grandiose location è una bella sensazione.

Hai un episodio preferito della prima stagione?
No, non realmente, ce ne sono alcuni per diverse ragioni. Mi piace “Il ritratto”, che era tipo il secondo episodio. Mi è piaciuto il divertimento con le ragazze francesi, nella stanza d’hotel. C’era un elemento di A Qualcuno Piace Caldo, in ciò, che a me è piaciuto.

Pensi di avere qualcosa in comune con il tuo personaggio?
Sì. Penso come Peter, provo a fare quello che è giusto e penso che sia un ex-atleta, come sono io. Ha un buon matrimonio, come ho io. Sono certamente più creativo di lui. Ma Peter ha del senso dell’umorismo, comunque. Peter, lui, ha un senso dell’umorismo che è sul genere di uno scambio di frecciatine, che penso sia un po’ come il mio. È felice di vedere gli sport in tv, come me, e penso che sia un avido lettore, penso che legga molto quando può.

Pensi che smetterà mai di ricordare a Neal che lui sia pur sempre un condannato [ride]?
Oh, no, per niente. No. No. No. E non vuole, non smetterà mai di ricordare a Neal che l’ha catturato due volte. No, adora farlo.

Pensi che sia per questo che Neal rispetta Peter così tanto, abbastanza da fare tutto questo è in parte perché è stata l’unica persona che l’ha sconfitto?
Credo di sì. Penso che si rispettino l’un l’altro perché entrambi amano la caccia, la ricerca, entrambi amano ciò. Penso anche che, e penso che Matt possa parlare di più di questo, che Neal- c’è una grande parte di Neal che desidera che lui fosse come Peter, che desidera di avere avuto quello [che Peter ha avuto]. E può vederlo in Peter, e desidera di avere quel rapporto. E viceversa, Peter desidera di poter avere quell’atteggiamento libero che qualche volta ha Neal. Hanno entrambi qualcosa che all’altro piace e al contempo gli invidia. Jeff Eastin ha scritto, o creato questi due grandi personaggi complementari, che la loro complessità funziona solo in confronto- meglio in confronto con l’altro. Restando da soli la complessità è più difficile da rivelarla. Ma una volta che sono assieme questa complessità viene fuori.

Fonte

Traduzione di Gniw @White Collar Italia

Articoli correlati