fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

Suits: Recensione dell’episodio 6.01 – To Trouble

Suits - Season 6Al momento del lancio di una granata bisogna essere consci del fatto che non sarà tanto l’esplosione in sé ad essere pericolosa, quanto i frammenti della bomba conseguenti alla detonazione ad avere la possibilità di ferire a morte il nemico. In fondo l’ustione è solo la facciata del danno, non sarà bella da vedere ma è facilmente localizzabile e quindi trattabile con relativa serenità. Al contrario i frammenti sono subdoli, penetrano nella carne rendendosi invisibili e solo dopo averli estratti e rimessi  tutti al loro posto si può essere certi che il paziente sia fuori pericolo.

Nel finale della quinta stagione di Suits eravamo stati testimoni di un grande botto, che dapprima aveva ustionato la reputazione della Pearson Specter Litt – facendo allontanare i vari partner e avvocati – e poi disseminato delle schegge in direzioni diverse che, se non fermate, potevano porre fine alla società. I frammenti in questione sono i nostri beniamini e Jessica lo sa talmente bene che, sistemata la burocrazia necessaria a far superare la notte all’azienda, fa del suo obiettivo primario la riappacificazione dei suoi colleghi e subalterni per affrontare con una squadra solida i giorni a venire, regalando così una buona dose di intrattenimento.

Bisogna infatti riconoscere che To Trouble è un episodio coraggioso. Dopo la fine della scorsa stagione sarebbe stato molto facile fare un salto temporale di due anni, così da ritrovare Mike fuori di prigione pronto a ricostruire vita e reputazione, ma gli sceneggiatori hanno deciso di rendere lo spettatore partecipe del trambusto che segue il suo arresto, condendo la puntata con tutto ciò che di buono ha questa serie: comicità, riferimenti cinematografici e dinamiche tra personaggi assolutamente originali e spontanee.

Suits - Season 6Per tutti i quaranta minuti è come si assistesse ad una danza, la cui coreografa è una Jessica come sempre al di sopra degli eventi, pronta ad esibire la soluzione e a prendersi gli applausi. I primi ballerini sono ovviamente Louis e Harvey, dove il primo si dimostra sempre troppo umano e genuino nelle sue uscite (quanto ho riso mentre parlava alle ceneri di Norma), mentre il secondo appare al solito contorto nelle sue azioni per poi finire a fare la cosa giusta grazie all’aiuto di Donna. Fanno da sfondo, senza avere meno importanza, una segretaria rossa un po’ sottotono dal punto di vista umano (al di là del dialogo con Harvey, mi sarebbe piaciuta una sua partecipazione nelle varie gag o qualche frecciatina a Louis) ma comunque in forma lavorativa e una Rachel distrutta dal dolore, il cui unico pensiero è Mike.

Ed è proprio il cerbiatto dagli occhi azzurri a suscitare le reazioni più controverse nel corso dell’episodio. Giunto in prigione è chiaro come il ragazzo si senta altamente fuori luogo, basta vedere come si relaziona con il suo counsellor e in seguito come venga infinocchiato dal suo compagno di stanza. Cinque stagioni per non capire niente sull’ingenuità Mike, eh? Seppur questa cantonata possa sembrare un grande e sonoro “NO!” allo sviluppo del personaggio, in realtà sottolinea molto il disagio provato da quest’ultimo e ci ricorda di come in fondo lui faccia parte dei buoni.

Giunti al termine di questa intensa premiére non si riesce a capire molto circa la piega che prenderà la stagione. È probabile che Mike venga utilizzato come leva per ricattare Harvey e Rachel (forse più il padre di lei), viste le affermazioni del “compagno di cella”, mentre sulla ricostruzione dell’azienda c’è ancora una fitta nube che forse i nostri personaggi (vedi il colpo di genio di Louis) sembrano essere altamente in grado di diradare.

Suits - Season 6In pillole, Suits torna in grande stile con un episodio che, incarnando tutto ciò che di bello ha questa serie, ha la funzione di rimettere insieme i pezzi della famosa “granata”, ricordando ai nostri da dove vengono e verso dove sono diretti e facendo sperare in una stagione ricca di humour, con personaggi fuori dalle righe e tanto drama. Che sia arrivata l’annata di Harvey e Donna? Io spero di sì.

Per informazioni, news, foto e ogni aggiornamento su Suits vi consigliamo di seguire la pagina Suits Italia e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

6.01 - To Trouble
  • Hey, what did you expect?
Sending
User Review
4 (3 votes)

Giacomo Ponta

Shippatore folle e divulgatore del “Now kiss!” sogna di diventare un dottore nella speranza di non morire in un incidente aereo o durante una sparatoria. Alla ricerca della batcaverna sin dalla tenera età si destreggia nel collezionismo di manga e fumetti saltando tra cinema e serie TV. Ha un debole per i legal drama, i supereroi e tutto ciò che è trash.

Articoli correlati

5 Comments

  1. Per me è un grande no. Perché secondo me il personaggio di Mike da solo non è interessante ed è un o scemo, ma ti pare che vai in carcere e racconti al primo che incontri che sei un ex avvocato e che il tipo a cui lo racconti abbia un telefono che nasconde sotto il cuscino??? Via Mike sveglia. La cosa che mi disturba poi è il futuro dei personaggi, davvero vogliamo vedere ancora i tre cavalieri Harvey Jessica e Luiss lottare per lo studio? Ce n’è bisogno? Ma non era meglio farli ripartire da zero, magari dal dover ricreare uno studio legale dal niente, per cambiare la prospettiva su i personaggi? A me dispiace perché Suits è anche coraggiosa ma io una stagione a cercare di tirare mike fuori di prigione non la voglio passare….

  2. Mike è sempre un problema, ogni volta che sembra sul punto di fare un passo avanti ne fa due indietro, è accaduto nel finale della scorsa stagione, abbiamo avuto la replica anche in questa puntata. Da un lato roteo gli occhi al cielo nauseato dalle sue decisioni ma dall’altro non posso che convenire sul fatto che in fondo questo è il personaggio e ogni deviazione dalla sua bontà rischierebbe di alterare troppo la sua natura e quindi di renderlo qualcosa che non è. Per la questione studio preferisco che rimangano lì a lottare per quello che si sono costruiti e guadagnati piuttosto che vadano in giro a elemosinare (ce la vediamo la Pearson a ricominciare da zero? Io no) dato che tale scelta è stata sondata da The Good Wife (ok show diverso, personaggi diversi, stile diverso ma non so quanto le dinamiche possano effettivamente cambiare…) e non ha portato a niente di buono se non a noia e confusione. Come già detto personalmente questa premiere non mi ha indicato molto sul futuro della stagione perché la parte della riconquista dello studio è stata sbrigativa in quanto non legata al tema della puntata e per quel che riguarda Mike non resta che pregare, speriamo sia rapida e indolore la faccenda.

  3. Oh oh oh… arrivavo a fine episodio senza capire perchè nessuno avesse ancora menato Mike e poi BAM! 😀 Mike sei proprio un gonzo… ammazza oh, stai un po’ schiscio almeno il primo giorno. A parte la gonzaggine di Mike, c’è davvero una costanza nel suo personaggio. Gli autori si ostinano con costante successo a farmelo amare poco poco. Perchè Mike sarà anche il buono ma è anche uno spocchiosetto mica male e, non so se volontariamente o no, gli autori riescono a rimarcarlo sempre. Ma stattene buono, cosa ti metti a fare scenate appena entrato in carcere? Incomprensibile. Per il resto come hai detto tu nella recensione, nel bene e nel male gli elementi classici della serie ci sono tutti. Ma a dare un giudizio aspetto di vedere cosa vorranno fare nei prossimi episodi. Per ora mi auguro soltanto che i battibecchi isterici tra Harvey e Louis siano davvero finiti… pia illusione?

  4. Per citare uno spot pubblicitario: “Dove c’è Mike c’è il facepalm”. Invece io spero tanto che i battibecchi tra Louis e Harvey, magari a piccole dosi e comunque non distruttivi come quelli della scorsa stagione, continuino perché per me sono sempre un momento di forte ilarità, le facce di Rick Hoffman sono uniche!

  5. E’ verissimo! 😀 basta che non sfocino sempre nei soliti drammoni e ultimatum che abbiamo visto e rivisto. In piccole dosi effettivamente sono necessari 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button