fbpx
Interviste

Stalker: Kevin Williamson parla del futuro della serie

Non sono solo i fan della serie ad attendere con ansia di sapere se Stalker sarà rinnovata per una seconda stagione o no: Kevin Williamson, creatore della serie, sta trattenendo il fiato nell’attesa di apprenderne il futuro, anche se si dichiara cautamente ottimista ‘Devo sperare, no? Non puoi alzarti la mattina senza avere un po’ di speranza. Tutto è possibile; non sono uno che aspetta prima di agire; dopo un anno in una stanza con vari scrittori, abbiamo preparato le basi per la seconda stagione’.

I primi episodi sono serviti per preparare gli spettatori all’inevitabile faccia a faccia tra Beth DavisStalker1x01beth (Maggie Q) e Ray Matthews (Eion Bailey); nell’ultimo episodio, dopo aver tenuto prigioniera Beth in un cottege e dopo che la donna ha tentato di fuggire, Jack (Dylan McDermott) e Janice (Mariana Klaveno) sono riusciti a rintracciarla e dopo uno scontro fisico tra i due uomini, Ray viene lasciato a morire nella casa in fiamme.

Williamson risponde ad alcune domande, approfondendo la storia tra Beth e Ray, su come il tenente affronterà quest’ultimo trauma e su una relazione che potrebbe iniziare prima della fine della stagione.

Il confronto tra Beth e Ray è stato pianificato fin dall’inizio?
E’ sempre stato nei piani; volevamo Beth al centro della storia della stagione, in modo da conoscerla meglio, rivelarne la vulnerabilità e creare un personaggio multidimensionale. Il fantasma del suo passato è tornato per rapirla e lei non sta lottando solo contro Ray, ma sta lottando anche per il suo futuro; per vederla vincere, dobbiamo prima vedere delle crepe nella sua armatura e vederla incespicare. Nella prossima stagione vorremmo concentrarci su Jack.

Cosa avete in mente per la sua storia?
Viene da New York, da cui non se n’è semplicemente andato, ma è stato cacciato [ride]; ha lasciato alle spalle qualche conto in sospeso che si ripresenterà in un nuovo modo; questa storia ci permette di aprire un nuovo mondo e non solo raccontare caso per caso. Il fatto è che il TAU (Threat Assessment Unit) si occupa di minacce, qualsiasi tipo di minaccia e non solo casi di stalking; possono essere chiamati per qualsiasi cosa e per questo nella seconda stagione avremo la possibilità di espandere il nostro universo; se avremo una seconda stagione [ride].

L’ultimo episodio (‘The Woods’) ha avuto molte scene di lotta e l’ultima parte ha avuto luogo al buio; è stato impegnativo da un punto di vista tecnico?  Oh, assolutamente. Abbiamo una squadra fantastica, che non aveva molto tempo a disposizione per preparare il tutto, perché questa era una storia che inizialmente avremmo raccontato a fine stagione, ma l’abbiamo anticipata per lasciare un cliffhanger durante il periodo di pausa della stagione. Quest’episodio è stato impegnativo, perché ci sono scene di lotta e un incendio; fortunatamente abbiamo Maggie Q, che è una professionista per queste cose.

E’ stata solo una questione di pianificazione che vi ha fatto decidere di anticipare la fine stalker 103adella storia tra Beth e Ray? Mi aspettavo di vederla concludersi nel finale di stagione.
 Il motivo ha a che fare con dove voglio portare questi personaggi: amo spaventare le persone, ma quello che volevo era far intraprendere ai personaggi un viaggio completo; il passato di Beth è tornato a tormentarla e volevo che lei gli chiudesse la porta in faccia, buttasse la chiave e guardasse finalmente al futuro. Per poterlo fare in una stagione bisognava anticipare il confronto tra i due; i prossimi episodi, quando lei guarderà al futuro, vede Jack; quindi ci soffermeremo sulla relazione emotiva che si sviluppa.

Alla fine dello scorso episodio si provava una sensazione di sollievo, ora che Ray è morto. Quali conseguenze psicologiche ci saranno per Beth e il suo team?
Beth è ora un dilemma: chi è? Ritornerà alla sua vecchia identità o rimarrà Beth? Chi era in passato?  Non sa più chi era quella persona; è smarrita e la vediamo cercare di capirci qualcosa. Si chiede anche se rimarrà nel TAU o meno; è ad un bivio e questo da una spinta alla storia Jack-Beth.

Comments
To Top