fbpx
News Serie TV

Spartacus: War of the Damned, Manu Bennett parla di Crisso e ricorda Andy Whtifield

Attenzione: spoiler se non avere visto l’episodio non continuate la lettura.

[Contiene spoiler sull’episodio 3.08]

Attenzione spoiler se non seguite la programmazione statunitense vi sconsigliamo di leggere l’articolo.

Fa male quando un personaggio muore, soprattutto se si trattava di uno dei protagonisti che avevi visto svilupparsi nella sua complessità fin dalla prima stagione. Se aggiungiamo anche gli episodi di Gods of the Arena, possiamo tranquillamente dire che Crisso è stato il personaggio più presente in assoluto nel telefilm storico della Starz, che ripropone le gesta del trace Spartaco. A prestare il volto all’Undefeated Gaul  – scusate se ci è impossibile tradurre quest’epico epiteto in italiano – in questi passati anni è stato Manu
Bennett, che molti avranno intravisto nella nuova serie della CW, Arrow. Nell’ultimo episodio della serie che, invece, lo vede protagonista, Bennett è finalmente andato incontro al suo destino, alle porte di Roma, che l’aveva ridotto in catene. A sconfiggerlo non è il possente Crasso o l’astuto Cesare (Todd Lesance) bensì il giovane Tiberio (Christian Antidormi).

spartacus_2E’ una scelta principalmente simbolica. – afferma Bennett, parlando a proposito della morte del proprio personaggio – Crisso muore per mano di un giovane, che rappresenta il futuro di Roma. Il futuro che lui avrebbe voluto distruggere invadendo Roma.’ Quando gli si fa notare che non a tutti sarebbe dispiaciuto un simile scenario, ride. ‘Sarebbe stato divertente ma, d’altra parte, un telefilm completamente diverso.’

Il percorso di Crasso inizia nel ludus di Battiato, in cui incontra Spartaco, il suo fraterno nemico. Nella prima stagione l’eroe trace aveva il volto dell’attore australiano Andy Whtifield, morto prematuramente a causa di un linfoma nel 2011. Il ricordo che Bennett conserva del collega è molto commovente. ‘Quando Crisso ricorda a Spartaco che, una volta, aveva detto che in un’altra vita avrebbero potuto essere fratelli, è una sorta di ritorno al principio. E’ la stessa frase che avevo detto ad Andy nella prima stagione e, adesso, la pronuncio prima della fine. Il cerchio che si chiude.’

Starz ContentsAltra presenza fissa nella storyline di Crisso, fin dalla prima stagione, è Naevia, la schiava di cui si innamora e che lo porta a seguire la causa di Spartaco stesso. La morte dello stesso Crisso non viene mostrata direttamente ma soltanto in un riflesso degli occhi della donna. ‘La testa che hanno creato per rimpiazzare la mia non mi somiglia affatto! Abbiamo riso tanto nel vederla, perché la somiglianza era veramente poca.’

Come tradizione, abbiamo chiesto a Bennett se sia riuscito ad avere un ricordo dal set. ‘Volevo l’outfit di Crisso della sua ultima battaglia, in realtà. La storia è veramente buffa. Ho finito di girare a due episodi dalla fine della serie, quindi sono andato direttamente a Los Angeles. Ci hanno inoltrato un’email che diceva che tutto quello che c’era sul set sarebbe stato messo all’asta. Però poi, quando eravamo ad un’inaugurazione a New York, dovevamo suonare questa campana. Ho suggerito che sarebbe stato simbolico suonarla con le spade. Starz l’ha ritenuta una buona idea e ci hanno spedito tutte queste spade a New York: quando ho avuto sotto mano quella di Crisso… sono fuggito come un ladro portandomela dietro!’

Crisso ci mancherà senz’altro, così come anche Manu Bennett – he potremo tuttavia ammirare nella seconda stagione di Arrow, dato che il suo ruolo è stato promosso a regular per la seconda stagione.

Voi che ne pensate della fine di Crisso?

Katia Kutsenko

Cavaliere della Corte di Netflix, rinomata per binge-watching e rewatch, Katia è la Paladina di Telefilm Central quando si tratta di tessere le lodi di period drama e serie tv fantasy. Le sue uniche droghe sono: la caffeina, Harry Potter e Chris Evans.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button