fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

Smash -1.11 The Movie Star

Come sarebbe un musical se diminuissimo le canzoni e mettessimo un po’ più di scene e dialoghi?

E’ questa l’idea della nuova entrata, Rebecca Duvall!!

Personaggio eccentrico, vezzoso, quello della Star del Cinema, con un mucchio di problemi: personali (il suo boyfriend Colin fa una breve apparizione, brillo, in studio… Inconveniente prontamente smentito da Eileen al telefono con un giornalista del NY Times) e professionali (urla invece di cantare).

Sebbene tutti si accorgano dell’inadeguatezza della star, Eileen continua a credere in lei e chiede agli altri di assecondarne tutti i capricci.

Intanto Derek riesce a far rientrare nell’ensemble Ivy, che ha passato un “brutto momento”, ma ora sta bene..

Questo ritorno non promette nulla di buono per la “sostituta” Karen, entusiasta di lavorare con la diva Duvall, e per nulla desiderosa di vederla fallire, cosa in cui invece spera l’ex protagonista che rivela a Miss Iowa di avere sbagliato mestiere…

Le prove si complicano sempre più con le continue interruzioni di Rebecca; e sebbene la sofferenza del regista si legga chiaramente sul suo volto, lui si mostra sempre comprensivo ad ascoltare gli appunti, alquanto insensati, della protagonista.

Rebecca, dal canto suo, confessa di essere una “rompi palle”, ma non è intenzionata a mollare perché questo progetto per lei è importante; e così non tarda a prendere coscienza dei suoi problemi: ingaggia un vocal coach (con felice e corale approvazione di Tom e degli altri) e si impegna per tre giorni – a porte chiuse – nella preparazione dell’esecuzione di “Dig Deep”, che ovviamente sarà eccellente!!

Se la vita lavorativa dei nostri protagonisti è messa costantemente sotto pressione, le loro vite private attraversano momenti difficili…

Eileen vuole smettere di frequentare Nick, quando scopre i suoi trascorsi con la legge; ma poi si ricrede e cede al fascino del barman, che le spiega come sporcarsi le mani sia un passaggio obbligatorio per chi vuole aprire un bar a ny.

Ellis si tiene stretto l’assistente di Rebecca Duvall, ma il suo arrivismo viene punito da una gaffe involontaria…

Julia deve risolvere un problema scolastico del figlio, e il marito non le rende le cose facili.. ora che non vuole né parlarle né incontrarla. Ma uno sfogo della donna dal consulente scolastico prima, e una sua ramanzina a casa dopo potrebbero porre le basi per una chiarimento di famiglia…

Tom rimane scioccato dalle rivelazioni del suo nuovo boyfriend, il ballerino Sam che crede in Dio e non intende correre troppo nella loro relazione perché non vuole finisca presto.

Karen si conferma miss ingenua: scopre solo per caso che il suo ragazzo è stato “declassato”, e rimane a bere con Ivy invece di raggiungerlo, dal momento che poco prima lo aveva beccato in atteggiamenti confidenziali con l’amica giornalista… Sarà proprio Ivy ad aprirle gli occhi.

Per una coppia che mostra i primi segni di cedimento, un’altra ci appare – in una scena a metà tra il sogno e l’immaginazione – come potenziale in futuro; perché Derek, quando chiama Karen per dirle che dovrà tornare tra i ballerini di fila, la vede improvvisamente nei panni di Marilyn (con un’improponibile parrucca bionda) cantargli che il momento per il loro amore arriverà, sulle note “Love is a losing game” della compianta Amy Winehouse, facendo trapelare lo smarrimento e la celata attrazione che il regista nutre per la bruna attrice.

Non mi aspettavo niente di diverso da quest’episodio: ritmi lenti, trama prevedibile.

La sensazione che si avverte guardando la puntata è un netto parallelismo fra la trama scenica e la scelta televisiva: Rebecca Duvall è una star del cinema voluta dai produttori di uno show perché, malgrado abbiano tra le mani un buon prodotto, questo rischia di non vedere mai la luce a causa dell’assenza di un nome risonante che possa chiamare soldi e pubblico.. serve insomma a risollevare le sorti dello show.

Ecco, lo stesso è accaduto con Smash: dalle premesse un buon prodotto, con star più o meno conosciute, ma col tempo (episodi) questo non bastava più, e così i produttori hanno pensato bene di fare scomodare la star del cinema – Uma Thurman (sempre brava, soprattutto nell’esibizione finale) – per rinnovare la trama e aumentare gli spettatori.

Adesso, per sapere se l’operazione di marketing funziona, non ci resta che continuare a seguire questo telefilm, e vedere come va a finire….

Rita G.

Il suo primo amore sono le serie televisive, sin da quando bambina guardava (rigorosamente di nascosto, perché mamma non voleva) Twin Peaks ed X-Files. Poi un giorno, vide sulla copertina di Ciak proprio X-Files (1^ film) e lo comprò. Da allora il binomio telefilm–cinema non l’ha più abbandonata. Le piace raccontare questo mondo meraviglioso, dove ama nascondersi e sognare e, magari, scrivendo riuscire a fare sognare anche gli altri assieme a lei!

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio