fbpx
Da recuperare

Skam Italia: 5 buoni motivi per recuperare la serie TV

Skam Italia

Skam, letteralmente “vergogna” in norvegese,  è diventato in pochi anni un vero fenomeno di culto per gli adolescenti, e non solo, di tutto il mondo.

La serie TV norvegese nasce nel 2015 con pochi mezzi, attori alle prime armi e con una promozione ( volutamente) inesistente da un idea di Julie Andem, interessata a creare un prodotto destinato a ragazzi adolescenti che parlasse come loro. L’idea è originale e soprattutto funziona, in poco tempo diventa un piccolo cult, tramite passaparola, in Norvegia e paesi limitrofi, ma il boom a livello internazionale avviene con la terza stagione dove si tratta, tra altri, il tema dell’omosessualità. Il clamore è notevole tra i giovani nei vari social network ( primi fra tutti Tumblr e Twitter) tanto che il format viene venduto in vari paesi europei e non.
Approda quindi anche in Italia, nel marzo 2018, prodotta da TIMVISION e girata da Ludovico Bessegato.

LEGGI ANCHEBaby 2: tutto quello che sappiamo sulla seconda stagione della serie tv di Netflix

Eccoci quindi qui a consigliarvi 5 motivi per cui dovreste recuperare subito Skam Italia

Skam Italia

  1. Skam Italia è un racconto realistico dell’adolescenza che parla a tutti

Comprendo molto bene una certa resistenza ad approcciarsi ad una serie di adolescenti e per adolescenti quando non lo si è da un pezzo! Ma il modo in cui sono trattati i vari temi della serie TV, che spaziano dall’esclusione sociale, mancanza di autostima, alla difficoltà del coming out fino alla malattia mentale, sono applicabili a tutti, indipendentemente dall’età dello spettatore. Ciò che affascina in questo progetto è la volontà di raccontare realisticamente vari spaccati di vita, molto spesso tratti da storie vere. La creatrice Julie Andem ha ascoltato moltissimi ragazzi di 16-18 anni prima di scrivere la sceneggiatura della serie e nonostante Skam Italia segua la trama originale, anche Ludovico Bessegato ha raccontato di aver parlato con molti ragazzi, tra interviste e provini,  per la riscrittura della serie.
Se ancora non vi ho convinto c’è sempre la carta della nostalgia: guardate la serie per fare un tuffo nel passato e ricordarvi come eravate da adolescenti!

  1. La struttura della serie

Parlo ovviamente a chi non conosce la serie originale, quindi è necessario chiarire che l’originalità del prodotto è anche il modo in cui viene raccontato e rilasciato.

Il racconto è in tempo reale e di conseguenza vengono rilasciate delle clip in qualsiasi momento della giornata per tutta la settimana, ma non c’è una vera e propria regola. Di solito sono 5/6 clip rilasciate tra lunedì al venerdì/sabato. Per chi invece ha una sua vita (!) ed è troppo anziano (!) per seguire in contemporanea durante la settimana, nel giorno dell’ultima clip, alla mezzanotte, la puntata è disponibile su TIMVISION per gli abbonati; mentre il lunedì, gratuitamente e  per tutti, sul sito della serie.

Oltre alle clip il racconto è anche cross mediale e interattivo, infatti esistono profili Twitter e Instagram dei personaggi più importanti che vengono aggiornati costantemente, così come nel sito tra una clip e l’altra può accadere di trovare messaggi Whatsapp o SMS tra i personaggi , utili alla trama e soprattutto, in alcuni casi, per capire quando la prossima clip verrà rilasciata.

Skam Italia

Per chi sceglierà di recuperare la serie TV ovviamente sarà un po’ ostico ritrovare anche i vari messaggi e foto Instagram, ma garantisco che non sono necessari alla visione.

  1. Il plus italiano:  perchè Skam Italia ha quel qualcosa in più!!

Ma perché vedere Skam Italia? Risposta brevissima: perché è un prodotto ben fatto!

La regia e la fotografia in alcuni momenti sono ispirate, complice anche Roma che fa da cornice; gli attori sono credibili e bravi, nonostante siano giovani ed è molto interessante vedere per la prima volta una serie TV italiana affrontare intelligentemente alcuni temi importanti. Soprattutto la seconda stagione fin dall’introduzione (voci di ragazzi italiani che raccontano il loro coming out non accettato dai genitori o vittime di bullismo) risulta totalmente originale rispetto alla serie TV norvegese, ed è chiaramente una dichiarazione d’intenti e una consapevolezza di dover trattare l’omosessualità e  il coming out diversamente da quanto fatto in precedenza nelle serie italiane.

In linea di massima remake sono sempre peggiori dell’originale come ci insegnano dagli U.S.A., ma in questo caso il plus è proprio l’italianità aggiunta in una serie che per certi versi ha dei limiti nella freddezza e nei comportamenti sociali, interessanti da osservare, ma completamente estranei da noi mediterranei.

Anche la scelta di mostrarci i genitori, totalmente assenti nella serie norvegese, è chiaramente una necessità nell’adattamento italiano. E’anche allo stesso tempo un modo per arricchire la trama e le scene della serie.

E, non ultimo, poi è grande motivo di orgoglio vedere una serie italiana, con fan di altre nazionalità, commentare le puntate su Youtube o su Tumblr!

  1. Le stagioni e i personaggi protagonisti

Federico Cesari - Skam Italia

Le stagioni al momento in Italia sono due:

La prima stagione: Eva

la prima è andata in onda da Marzo 2018 a Giugno 2018 e ha per protagonista Eva (Ludovica Martino). Una ragazza isolata a scuola, senza amiche, che passa il tempo con il suo ragazzo e i suoi amici. Spronata da Giovanni ( Ludovico Tersigni), riuscirà a conoscere delle nuove ragazze con cui fare amicizia. Tra le nuove amiche c’è Eleonora (Benedetta Gargari), personaggio fondamentale e prossima protagonista nella terza stagione. Oltre alle nuove amicizie, però Eva si trova a dover fare i conti con vecchie amiche e con problemi di coppia. Raccontata così sembra banale, ma invece è estremamente coinvolgente vedere. Puntata dopo puntata, Eva confusa, fare sbagli, ma anche crescere e maturare, fino agli episodi finali dove si comprendono anche molte situazioni, non spiegate fin dall’inizio.

Seconda stagione: Martino

La seconda stagione italiana è in realtà la terza stagione norvegese, quella più famosa che ha reso Skam un successo virale, e il protagonista è Martino (Federico Cesari). Già lo conosciamo dalla prima stagione e anzi nell’ultima puntata della prima abbiamo scoperto un suo segreto. In questa stagione, come ho già precedentemente detto fino allo sfinimento, il tema è l’omosessualità e anche la sua accettazione, ma non dagli altri come si potrebbe pensare, ma da se stessi. Ma non è solo questo il fulcro della stagione, infatti l’altro grande tema è la malattia mentale e se possibile tema ancor meno raccontato nel piccolo schermo italiano.

La serie TV è ancora in onda, è iniziata ad ottobre e al momento è composta da otto episodi.

LEGGI ANCHE: Slam Tutto per una ragazza: Luca Marinelli nei panni di un papà molto particolare

  1. Le storie d’amore o meglio le ship!

Momento poco serio o forse no, ma è anche uno dei motivi, tra i tanti altri già elencati, della popolarità della serie. Le coppie più amate della serie originale e di conseguenza in Skam Italia sono due. Per motivi di messa in onda però, una delle due ancora non si è formata nel remake italiano, per la scelta di Ludovico Bessegato di invertire le stagioni 2 e 3 originali.

In Italia a farla da padroni sono Martino e Niccolò. Scontato visto che sono l’equivalente italiano della coppia norvegese che ha permesso al mondo intero di conoscere Skam.

E voi, avete visto il remake italiano di Skam?

 

Comments
To Top