Attori, Registi, ecc.

Shameless: Noel Fisher parla del rapporto di Mickey con la malattia di Ian

Noel Fisher

The Hollywood Reporter ha intervistato Noel Fisher, volto e voce di uno dei personaggi al centro di questa stagione di Shamaless, Mickey Milkovich. Il suo rapporto con Ian, dopo anni (e stagioni) di tira e molla più o meno alla luce del sole, deve ora affrontare un nemico davvero pericoloso.

NDR: L’intervista è antecedente all’ultimo episodio Crazy Love.

Shameless-5-season-3-500x333Mickey sembrava davvero perso quando si è reso conto che Ian era scappato col figlio. Shock, paura, ma anche rabbia. Quale emozione lo guida nell’episodio sei?
Non credo che lui sappia cosa sta succedendo. Tanto panico e molta paura.È un territorio completamente nuovo per Mickey. Questo nuovo ostacolo è diverso da tutto ciò che ha mai affrontato prima e non è assolutamente qualcosa che sa come affrontare. Ed è una delle peculiarità di questa malattia: le decisioni che prendi non necessariamente hanno un senso per le persone che hai intorno. Sono sicuro che avevano senso per Ian in quel momento, ma per uno come Mickey no. Ed è più interessante per Mickey, in quanto ha appena iniziato ad accettare questo bambino e questa vita, ed è felice come probabilmente non è mai stato e invece qualcosa di brutto gli accade.

Vedremo Mickey arrabbiato per il fatto che Ian ha trascinato in tutto questo il suo bambino?
La rabbia arriverà, ma in quel momento era proprio così sotto shock, davvero terrorizzato. Capita a chi non pensa lucidamente e credo che lui sia in generale davvero preoccupato per Ian. Il fatto che ci sia un bambino coinvolto, un essere completamente impotente, e cosa potrebbe accadere è un altro grande problema.

Finora Mickey ha cercato davvero di prendersi cura da solo di Ian, ma ora le cose sono chiaramente troppo fuori mano per lui, giusto?
A questo punto è davvero chiaro che è qualcosa che non può più essere ignorato, qualcosa di più profondo che Mickey non è in grado di gestire da solo. Non è abituato a chiedere aiuto, ma dopo che Ian ha preso il bambino, non ha scelta. Bisogna capire che cosa si può fare per aiutare Ian.

Cosa può fare Mickey? Il problema di Ian è interno e se lui non vuole chiedere aiuto, lui non lo avrà.
Penso che stia per arrivare un sacco di dramma. Mickey non è abituato a sentire impotente; è una persona proattiva che risolve i problemi – di solito picchiando qualcuno, ma ora non può farlo perché ora ha a che fare una malattia mentale. Mickey non può risolvere nulla. L’unica cosa che può davvero fare è capire le sue di cose.

Mickey esprimerà questi sentimenti di impotenza sfogandosi fisicamente o cercherà di trattenersi, di stare calmo?
Mickey non è molto bravo a trattenersi! Non è una persona acuta in questo senso! Che significa che non può prendersela con Ian, non può confrontarsi con lui. In Rite of Passage ha accumulato così tanta rabbia repressa che ha finito per prendersela con un povero tizio che non centrava nulla.

gallavichMickey si è dato una ripulata ora che è padre, impegnandosi in affari non così illegali come quelli del passato. È un un nuovo inizio per lui o lo vedremo ricadere nel peccato?
Entrambe le cose. Almeno ai miei occhi, questo è il suo percorso in questa stagione. Quando qualcosa di insolito piomba nella sua vita, un nuovo ostacolo si avvicina, sicuramente lo porta indietro sui suoi passi.  È un comportamento auto-distruttivo. Ciò accade quando non si sa come gestire emotivamente qualcosa. Ti dai alle droghe o ad altri tipi di comportamento distruttivo. Ma poi ti riprendi – e spero che accada a Mickey – perché questo è l’unico modo che ha per aiutare Ian.

Che cosa significa questo per il loro rapporto? Mickey sta iniziando a domandarsi se potrà gestire questo lungo periodo o quale sarà il loro futuro?
Questa sarà una grande battaglia e una scelta molto, molto difficile per Mickey. La scelta diventerà abbastanza in alcuni momenti, sarà evidente che questo è un problema potenzialmente permanente, e Mickey dovrà decidere se aspettare o no. Mickey  è profondamente legato ad Ian perché è l’unico amore che abbia mai conosciuto ed è molto, molto importante per lui. Lo vedremo combattere con tutto quello che ha, sarà sicuramente una lotta.

Qual è la sfida più grande, la paura più grande per Mickey in questo momento?
In questo momento [fino al quinto episodio] penso che la sua più grande paura sia quella di che Ian stai bene e che non abbia intenzione di farsi del male. Credo che nel complesso, con il senno di poi, la sua paura sarà come gestire la cosa, se sarà in grado di farlo e come. È una strada molto difficile e credo che sarà questa la grande domanda per Mickey.

Comments
To Top