fbpx
Recensioni Serie Tv

Scream Queens: recensione dell’episodio 1.08 – Mommie Dearest

Scream Queens è ad un bivio. Deve decidere se essere una commedia trash tutto il tempo o se vuole diventare un thriller minimamente sensato. Perché per quanto possa essere di parte nel dire che questa serie non mi piace affatto, ammetto che da spettatore vorrei capirne qualcosa di più. La trama è sempre più stupida e con risvolti illogici che oltre a strapparci una risata (finta), fanno poco altro. Questo ottavo appuntamento, se non altro, prova a mostrarci qualcosa di più portando con sé una po’ di chiarezza e non facendoci totalmente perdere tempo come l’episodio della  scorsa settimana con annessa l’irrilevante storia di Feather.

Iniziamo subito con una serie di riferimenti storico-culturali che Murphy ama utilizzare nei suoi prodotti. Nei primi minuti vediamo il tributo a Psycho, celeberrimo film del 1960 diretto da Alfred Hitchcock. Il decano Munsch (Jamie Lee Curtis) entra nella doccia, apre l’acqua e aspetta che il Red Devil l’accoltelli da dietro la tenda. La scena originale fu girata con Janet Leigh, madre di Jamie Lee Curtis, nel ruolo di Marion Crane, protagonista del capolavoro di Hitchcock. La differenza, rispetto alla pellicola del ’60, è che il decano Munsch sa come difendersi dagli attacchi di coltellate improvvise, e così dopo aver guadagnato qualche minuto comincia una lotta infinita contro non uno, ma ben tre Diavoli Rossi. O meglio due Diavoli e un Antonin Scalia. E qui il secondo appunto di Murphy. Scalia, classe 1936, è stato forse il giudice americano più detestato, ampiamente conservatore noto per aver sistematicamente votato contro i diritti di aborto e matrimonio omosessuale. Infine il titolo stesso dell’episodio, Mommie Dearest, è ovviamente un omaggio all’omonimo film del 1981 con Faye Dunaway.

Scream-Queens-1x08-2Insomma, dopo la strenua battaglia, Cathy Munsch con una serie di mosse di kung-fu riesce a mettere in fuga i tre killer. E se questi sono stati solo i primi, deliranti, minuti potrete immaginare il resto. Chanel Oberlin (Emma Roberts) ordina alle sue schiavette di trovare prove per accusare ufficialmente Grace (Skyler Samuels) e Zayday (Keke Palmer) come assassine del campus. Decisa ad incastrare Zayday c’è anche Denise Hemphill, il personaggio più spassoso della serie, che ora vive a tempo pieno nella casa della confraternita K. Tra dialoghi privi di senso e storie al limite del paranormale, muore un’altra ragazza. Si tratta di Jennifer, la vlogger delle candele, accoltellata dal Red Devil durante un suo video poche ore dopo essere stata interrogata da Denise. È lei la vittima di questa settimana.

Nel frattempo Grace e Pete indagano ancora sul caso, cercando informazioni sulla madre di Grace e su quella notte del 1995 in cui morì una ragazza delle K e fu data alla luce una bambina. Dopo un altro giro al manicomio, la coppia scoprirà che i bambini in questione erano in realtà due e che a portarli via fu Gigi, a questo punto totalmente coinvolta in tutta la faccenda. Grace potrebbe essere stata una dei due neonati e suo padre Wes (Oliver Hudson) potrebbe essere stato al corrente di tutta la faccenda fin dall’inizio, perciò meglio prenderne le distanze. Ad aggiungere il carico da undici ci pensa nuovamente Chanel che, dopo aver assunto due agenti di Scotland Yard direttamente dall’Inghilterra (anche qui totale inverosimiglianza), affronta a brutto muso Grace rivelandole verità scottanti sulla madre apprese da un dossier. Infine, negli ultimi istanti prima della chiusura, riappare Nick Jonas alias Boone Clemens, forse l’unico personaggio davvero interessante dello show. Il ragazzo, quasi irriconoscibile grazie ad un travestimento, telefona probabilmente al Red Devil e, nella conversazione, ci fa praticamente capire che lui e Gigi sono due dei tre criminali pluriomicida. Ma, come si sa in questi casi, niente è mai quello che sembra.

Il mio commento a tutto ciò? Assurdo, irragionevole, contraddittorio, incongruente. Non che mi aspettassi che non lo fosse, sia SCREAM QUEENS 1X08ben chiaro, è pur sempre un prodotto Murphyano  al 100% genere commedia, ma speravo in qualcosa di più centrato. Personaggi totalmente inesistenti come quello di Lea Michele andrebbero sfruttati meglio se non altro per dare un valore al cast, invece vengono abbandonati come nel caso delle altre Chanel. Caro Murphy, usa tutti gli attori che hai! Se non per bravura quantomeno per supplire a tutte le scene infinitamente noiose in cui appaiono Grace e Pete e che ci sorbiamo per la maggior parte del tempo in tutti gli episodi! Ahimè.

L’insieme è divertente, a tratti esilarante, ma non convince. Mommie Dearest (in cui la mamma in questione è chiaramente quella di Grace) è un episodio sopra la media degli ultimi mandati in onda, ma ancora non convince. Diciamo un bene ma non benissimo. Continuiamo a vedere e scopriremo cosa accadrà. Forse.

Per restare sempre aggiornati su Scream Queens con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Scream Queens – Italia e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

1.08 - Mommie Dearest
  • Illogico
Sending
User Review
4.5 (2 votes)
Comments
To Top