fbpx
Recensioni

Scandal: Recensione dell’episodio 4.17 – Put a Ring on It

KERRY WASHINGTON

Una buona parte degli episodi precedenti è stata dedicata ad Olivia. Dopo quello che la donna ha passato sembrava naturale porre sotto una lente d’ingrandimento le sue emozioni, i suoi sentimenti e il modo, non sempre sano, di affrontare entrambi. Il PTSD – Post Traumatic Stress Disorder – è qualcosa di ampiamente trattato nelle serie statunitensi e, con il lavoro affidatole, era solo questione di tempo prima che qualcosa, spingesse Olivia oltre il limite, oltre quella sanità e quella forza che l’avevano sempre caratterizzata. Non è chiaro se JEFF PERRY, VANYA ASHEReffettivamente abbia superato del tutto questo disturbo ma è evidente che ci ha provato, immergendosi nel lavoro e in quello che sa fare meglio: problem solving.

Sembrano passati secoli da quanto Olivia aveva dovuto sistemare l’intera faccenda del gigolo che Cyrus si era portato a letto. Un gigolo pericoloso, per giunta, dato che era al soldo di Elizabeth e delle sue mire di potere – anche quelle opportunamente stroncate sul nascere dagli sforzi congiunti di Cyrus e Mellie. Ma fino a che punto una persona può vivere una bugia senza commettere qualche passo falso? Non intendo neanche provare ad immedesimarmi in una vita di menzogna, con una persona che non si ama, solo per il bene della stampa e dell’opinione pubblica. C’è da sorprendersi che dunque Michael vada a cercare conforto in un bar gay? No. C’è da sorprendersi che venga fotografato? Forse un pochino, ma ormai siamo pronti a sorvolare su questi scoop fin troppo convenienti del mondo Shondaland. Tutto appare come un mezzo per un fine e, in questo caso, il gossip su Michael è il mezzo per organizzare il terzo matrimonio di Cyrus, unica soluzione per risolvere i dubbi circa la loro unione – spiattellati sulla tv nazionale da BELLAMY YOUNG, KERRY WASHINGTONniente poco di meno che l’ex vice presidente, Sally.

L’excursus del passato di Cyrus appare come una continuità non solo piacevole ma perfino necessaria, in un episodio come questo. Siamo stati in grado di vedere uno scorcio della sua vita matrimoniale, prima che Jake uccidesse a sangue freddo James, ma non abbiamo mai potuto apprezzare il passato di Cyrus, come invece più e più volte è accaduto con Mellie, Olivia e Fitz. Cyrus è un personaggio molto complesso e lo dimostra ancora di più il suo passato. Inizialmente il matrimonio di convenienza con la Sammy di Shameless (scelta azzardata, secondo me, quella di lasciarle interpretare la sua prima moglie, ma sono opinioni personali) per non ammalarsi di AIDS, come stava accadendo a quasi la maggioranza degli omosessuali in quel periodo, e poi il degenerare, lento ma immediato, della loro relazione con la crescita politica dello stesso Cyrus. Non credo che l’intenzione fosse di rappresentarlo come un ‘cattivo’ ma semplicemente come un ‘debole’, almeno in quella circostanza, incapace di ammettere, con se stesso e gli altri, la verità circa la propria natura per paura delle convenienze sociali.

MATTHEW DEL NEGROUn capovolgimento totale è invece quello di Cyrus e James, stavolta innamorati e più che desiderosi di sposarsi per amore. Nessuno dei tre matrimoni di Cyrus, per ovvie ragioni, appare lo stesso ma tutti sono un po’ condizionati da quello che Cyrus era, quello che voleva diventare e quanto affetto provasse verso la propria professione ed il proprio presidente, Fitz. Il matrimonio con James è stato qualcosa di felice, qualcosa che l’ha reso libero, e ne è dimostrazione una cerimonia lieta e semplice, nonché un’apparizione più che gradita dell’ormai defunto James, che mostra ancora una volta quanto abbiamo perduto, perdendo il suo personaggio.

Tra un tira e molla che dura letteralmente 40 minuti buoni – ‘Si sposano, non si sposano, e invece si sposano, buttiamo Michael sotto un treno, ma no che è bravo, ma no che ci dispiace… ci dispiace davvero? Oh, ma allora si sposano!’ – il matrimonio viene celebrato, e per giunta alla Casa Bianca. Non pensavo che potessero rendere simpatico un personaggio come Michael, che non scandal_417_5ha fatto nulla se non rendersi davvero odiabile nelle volte in cui l’abbiamo visto sullo schermo. Ma se c’è un modo universamente riconosciuto per cambiare le sorti di un personaggio è fare in modo che il pubblico provi pietà per lui. La cena con i suoi genitori è stato qualcosa di forte, di estremo, che ha messo a confronto dei genitori incapaci di accettare l’omosessualità del figlio da una parte e un figlio estremamente desideroso del loro affetto, dall’altra. Anche Cyrus, spettatore involontario di questo scontro familiare, ha realizzato di aver valutato Michael senza in realtà sapere nulla del suo passato se non quello direttamente collegato a lui e al loro rapporto. Non affermeremo che sia un amore sbocciato nelle avversità, il loro, ma di certo la passeggiata fino all’altare è divenuta di gran lunga più leggera, sapendo quello che ora sappiamo del gigolo.

Ho apprezzato molto nell’episodio anche Olivia e Mellie, unite contro l’ingiustizia mediatica e disposte, una per aiutare un amico e l’altra per aiutare la propria carriera politica, ad aiutare Cyrus con il suo problema. Mellie sta pian piano spianandosi la strada per arrivare in vetta ed è un piacere guardarla crescere politicamente, dopo che per tanto tempo è stata sottomessa ai desideri di Fitz e a quello scandal_417_4che faceva bene soltanto a lui. Non è più la povera donna stuprata dal suocero, non è più solo la First Lady, ora è Mellie, una persona a se stante, definita, motivata e dalle fondamenta forti che è un piacere guardar crescere.

Olivia e Fitz c’entrano ma è come se fosse superflua la loro piccola liason e l’anello, più e più volte buttato contro la faccia sconvolta del Presidente degli Stati Uniti. L’anello che tanto ha rappresentato per Fitz e per Olivia, per il loro rapporto, si inserisce bene in un episodio riguardo all’impegno e alla dedizione al proprio partner ma, dato che è Cyrus la stella di questo episodio, penso che avrebbero potuto fare a meno di sottolineare, ancora una volta, questa dedizione dell’uno verso l’altra: lo sappiamo, l’abbiamo visto e capito decine di volte, quindi ora basta. Non sono contraria alla loro infinita storia d’amore (o odio, a voi la scelta) ma non per questo deve essere sbandierata in ogni salsa e anche quando è fuori posto!

Al di là di questa piccola crepa, l’episodio è divino e bellissimo. Ogni qual volta Scandal approfondisca il passato dei suoi personaggi il segreto è assicurato, con Cyrus era come scommettere sul cavallo vincente e si vede. Speriamo solo che il suo terzo matrimonio sia anche quello definitivo: in fondo, la terza dovrebbe essere ‘la volta buona’.

Per restare sempre aggiornati su Scandal con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Scandal Italia: It’s Handled, Mi nutro di serie tv, Thank God is Tursday – SHONDALAND

Comments
To Top