fbpx
Recensioni

Scandal: Recensione dell’Episodio 3.13 – No Sun on the Horizon

Shonda Rimes ha recentemente affermato di avere bene in mente come e quando Scandal dovrebbe terminare. Se la signora delle lacrime accettasse la mia umile opinione, proporrei una camicia di forza a Cyrus, un istituto di cura mentale a Olivia, possibilmente in compagnia di Huck e Quinn, l’espatrio per Fitz, magari in uno di quei paesi con cui pare fare continuamente guerra, tipo l’Afganistan. E Mellie, chiederete voi? Dopo un paio di episodi a questa parte, direi Mellie for president! Non che mi stia particolarmente simpatica, l’esatto opposto semmai, ma resta uno dei personaggi più coerenti e meno ‘insane’  di tutta la serie. Lei e Jake, se vogliamo estendere il circolo dei privilegiati.

scandal313_3Il tema centrale dell’episodio è il dibattito presidenziale dei candidati alle nuove elezioni: si parla del confronto diretto tra Fitz, Sally e Samuel Reston. Anche se risulta sorprendente, una volta ogni tanto è Fitz a soccombere alle richieste di Olivia. Poco prima del dibattito, infatti, Sally ha un crollo nervoso, in cui la sua (cessata, pare) comunicazione con Dio la spinge a confessare al mondo dell’omicidio del marito, compiuto mentre lei stessa era governata dal diavolo. Potrei parlarvi del perché delle sue ragioni ma ho un problema con i fanatici religiosi: non mi piacciono e proprio non li capisco, dunque ve le risparmio in toto. Quello che si è dato da fare più di tutti, questa volta, perfino più di Olivia, è Leo, che con tutte le sue forze ha cercato di rimettere Sally in sesto. Ricordiamolo, addio Sally e addio ufficio di Cyrus, ed è dunque nel suo primario interesse mantenere lo status quo. Proprio come lo è per lo stesso Cyrus: la confessione di Sally porterebbe ad affondare non solo lei ma anche lui, colpevole per averla aiutata a coprire le tracce dell’omicidio.

Come per ogni problema che si rispetti, è Olivia Pope ad essere chiamata in causa. Mi è dispiaciuto moltissimo per come si sono risolte le cose per lei, proprio quando aveva deciso di restare ‘alla luce del sole’, senza segreti o sotterfugi, una nuova nuvola decide di farla scandal313_1tornare nell’ombra. Un’ombra causata da Cyrus in persona, niente meno. Ma non ha scelta, la signora dal cappello bianco, se non quella di confessare ill coinvolgimento di Mellie e Cyrus a Fitz, il quale tuttavia rifiuta inizialmente di soccombere al dibattito per far restare Sally in carreggiata. Una scelta dettata dall’orgoglio e dall’alto della sua posizione che, tuttavia, finisce con il mutare. Fitz è consapevole di non essere un uomo senza macchia e dunque è mosso da molto più che mera pietà quando decide di commettere una gaffe al dibattito e aiutare dunque Sally a far fronte con Reston per metterlo in difficoltà. E’ una mossa audace, coraggiosa e che rimette Fitz in buona luce, riconosciamolo.

Chi resta a crogiolarsi nei suoi sogni è Jake. Questo suo continuo essere attratto dalla calamita Olivia Pope è assurdo, soprattutto dato che è inevitabile che quella donna ricaschi ai piedi del presidente non appena i due si ritrovino nella stessa stanza. La notte che i due trascorrono insieme? Un tappo ad una trama già ricca che, almeno in questa particolare parentesi, Shonda poteva risparmiarsi. Ma è scandal313_2una scena necessaria, se vogliamo essere giusti, perché serve a Jake a comprendere le parole di Cyrus, a valutare la proposta che lui gli fa. L’uomo, infatti, totalmente disperato, lo supplica di liberarsi di Sally Langston e il suo uomo della B613 è vicino a portare l’incarico a termine, fermato solo dall’audacia di Fitz. Si tratta di un piano che lui non vuole compiere in quanto ritiene di essere superiore a tutto e a tutti ma, proprio come chiunque altro si trovi nella sfera del presidente e della Repubblica, è costretto a prendere delle decisioni difficili. Quelle stesse che lo portano ad accettare definitivamente la partecipazione di Quinn al programma di assassini professionisti, e non solo come centralinista, e a puntare una pistola ai quattro cospiratori di ‘Publius’, tra i quasi il marito di Cyrus e David Rosen. Rimane aperta la domanda: chi è stato fatto fuori e chi è il sopravvissuto? Non sappiamo a chi Jake abbia sparato, se a David o al maritino James Novak, ma è certamente una domanda a cui avremo risposta la settimana prossima.

Oh, e prima di dimenticarmi: il premio della receptionist più carina e gentile del mondo va a… davvero devo completare questa frase?

Per restare sempre aggiornati su Scandal con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Scandal Italia // scandalitalia.blogspot.it

Comments
To Top