fbpx
Attori, Registi, ecc.

San Diego Comic Con 2016: il panel di Game of Thrones

Sul palco del San Diego Comic Con 2016 in rappresentanza di Game of Thrones quest’anno sono saliti: John Bradley (Samwell Tarly), Liam Cunningham (Davos Seaworth), Nathalie Emmanuel (Missandei), Conleth Hill (Varys), Faye Marsay (l’Orfana), Hannah Murray (Gilly), Kristian Nairn (Hodor), Iwan Rheon (Ramsay Bolton), Sophie Turner (Sansa Stark), e Isaac Hempstead Wright (Bran Stark), insieme ai due showrunner D.B. Weiss e David Benioff.game-of-thrones-comic-con-20162

Questi ultimi due hanno subito chiarito che la prossima stagione di Game of Thrones avrà solo sette episodi e che non andrà in onda prima dell’estate 2017. ‘Stiamo girando in zone dove gli alberi sono rigogliosi: dobbiamo aspettare che le foglie cadano, che l’inverno ci sia davvero. Questo significa che, avendo tre episodi in meno da girare, la produzione sarà finita almeno per il prossimo febbraio‘ ha dichiarato Benioff.

Mentre nel corso del panel dell’anno scorso le domande più frequenti del pubblico riguardavano la famosa scena dello stupro ai danni di Sansa, e i relativi commenti circa le violenze sessuali fin troppo presenti nello show, quest’anno la maggior parte dei fan ha elogiato la sesta stagione, alcuni facendo notare come le donne tanto trattate male in passato oggi hanno ottenuto sempre più potere (vedi Cersei o Daenerys). Su questo argomento si è espressa Nathalie Emmanuel, che si è detta ‘orgogliosa di interpretare una donna così forte, al fianco di un’altra donna determinata‘.

Molti hanno anche chiesto informazioni sulla prossima stagione, ma né Weiss né Benioff si sono lasciati scappare anche il minimo indizio. Qualcosa di inusuale, però, hanno riferito: ‘Sophie Turner ci fa bere shottini di vodka prima di girare‘ afferma Benioff, mentre la Turner ridendo istericamente controbatte che ‘Ho 20 anni, non potrei fare nulla del genere!‘.

iwan rheon got panel san diego 2016

A Sophie Turner è stato anche chiesto cosa ne pensasse del fatto che Sansa non ha riferito a Jon dell’imminente arrivo dei Cavalieri della Valle alla Battaglia dei Bastardi. La sua risposta è stata sorprendente: ‘Si, me lo sono chiesto anche io! Credo che Sansa non lo abbia detto a Jon perché dopo voleva prendersi tutto il merito, in seguito c’è stato questo momento altamente drammatico dove arrivano tutti i cavalieri, ed è ad alto impatto televisivo. Non credo neanche che lei pensi che Jon sia capace di governare Winterfell e il Nord. Non crede lui abbia l’intelligenza, la conoscenza e l’esperienza che lei invece possiede, e io sono d’accordo. Ovviamente sa che lui ha dei valori alti e forti, quelli degli Stark, e che alla fine lo porteranno a prendere le decisioni giuste‘.

Non poteva mancare la classica diatriba su chi, alla fine, si andrà a sedere sul Trono di Spade. La maggior parte degli attori ha preferito scherzarci su: Liam Cunningham ha suggerito che la serie finirà con il Re della Notte sul Trono di Spade mentre fuma un sigaro cubano; Iwan Rheon invece ha suggerito di sciogliere il Trono e dar inizio ad una democrazia popolare; Kristian Nairn non ha avuto dubbi ad indicare Brienne of Tarth come leader indiscussa: ‘Westeros merita onore e integrità!‘; Sophie Turner è stata l’unica invece a non far ridere nessuno quando ha espresso il suo parere sul vincitore finale: Ditocorto. Il pubblico si è zittito: ‘Penso che sarebbe divertente! – ha aggiunto l’attrice in sua difesa – Sarebbe sadistico e bizzarro, e a noi piacciono queste cose, siamo tutti spettatori di Game of Thrones, no?’.san diego game of thrones sophie turner

La Turner è stata protagonista indiscussa del panel, coinvolta nella maggior parte delle domande e anche artefice di sorrisi e risate, un po’ per farsi perdonare della sua uscita su Ditocorto. Alla domanda di un fan su cosa possa succedere tra Jon e Sansa se scoprissero di non essere poi così fratelli come pensavano, la Turner ha tenuto a precisare che spera che nulla di sconcio tra i due accada: ‘Eccoci con queste domande, che il party abbia inizio! A Jon piacciono le rosse, è risaputo, ma lui e Sansa sono cresciuti insieme, sono praticamente fratelli, hanno anche quella rivalità tipicamente fraterna. Giuro su Dio, Dave e Dan [Weiss e Benioff, ndr], che se fate succedere qualcosa del genere tra quei due, vi uccido!‘. Poco dopo parlando di gag ilari sul set ha anche rivelato che Kit Harington si diverte a produrre scoregge reali e non.

È stata coinvolta anche in un siparietto con Iwan Rheon, il quale ha provato a spiegare perché il suo Ramsay è diventato il personaggio più odiato della serie: ‘Credo che la chiave di volta per il personaggio sia stata trovata mentre ne discutevamo in produzione: lui mostra gioia in tutto quello che fa. Si sta godendo appieno la sua vita‘. Ovviamente ora è senza vita, grazie al personaggio di Sophie Turner: ‘Sansa deve tutto a lui, è stata la sua prima vittima e sono stata felice fosse Ramsay‘. Di tutta risposta, Rheon ha sorriso: ‘È stato un onore essere ucciso da te‘.

Un momento più triste è toccato invece a Kristian Nairn quando gli sono state chieste le sue impressioni circa la triste uscita di scena del suo Hodor: ‘È stato travolgente, avevo le lacrime agli occhi mentre leggevo il copione. Non mi aspettavo finisse tutto così pazzamente, sono rimasto davvero colpito anche io. L’altro giorno, in un hotel a Los Angeles, guardavo le porte e non riuscivo a non vederci scritto sopra “Hodor” ovunque‘.san diego comicon 2016 game of thrones HODOR

Spunti interessanti sono stati offerti anche da Miguel Spochnik, regista della famigerata Battaglia dei Bastardi. Ha spiegato che inizialmente le forze di Ramsay Bolton avrebbero dovuto essere a cavallo, ma si è rivelato poco pratico e dispendioso in termini di denaro: ‘Se fai correre dei cavalli verso le persone, a loro non piace. Allora abbiamo fatto correre persone contro persone‘. Nonostante il budget a disposizione fosse imponente, non è bastato per un paio di cose: ‘Non avevamo i soldi per mostrare cosa ci fosse dietro all’imponente muro di scudi che avete visto: ecco perché li abbiamo messi. Inoltre le enormi cataste di cadaveri in ogni pausa venivano spostate avanti e indietro, non ne potevamo comprare troppe‘. Non sarà tra i registi per la prossima stagione (niente grandi battaglie dunque?) ma dovrebbe tornare per l’ottava. Ha inoltre rivelato a quale grande battaglia si è ispirato visivamente: la battaglia di Canne, avvenuta nel 216 a.C in Puglia, tra Romani e Cartaginesi.

Anche Isaac Hempstead Wright ha voluto dire la sua sulla discendenza di Jon Snow. D’altronde il suo Bran al momento è l’unico a conoscenza del grande segreto: ‘Bran deve far diffondere questa notizia, anche se non capisce perché questa cosa è successa. Immagino che in un modo riuscirà a farlo, ma non so come possa prenderla Jon quando vedrà Bran arrivare dicendo: “Ehy, sono uno stregone albero e tuo padre non è tuo padre!”‘.

Dulcis in fundo, è stata rilasciata anche la clip con tutti gli svarioni degli attori durante le riprese della sesta stagione. Potete vederla qui:

Per restare sempre aggiornati su Game of Thrones, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per  Game of thrones ITALIA. E non dimenticate di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema!

Comments
To Top