fbpx
0Altre serie tv

Royal Pains: Recensione dell’episodio 6.01 – Smoke and Mirrors

Dopo la lunga attesa invernale, l’estate torna a bussare alle nostre porte e con il caldo, il sole ed il gelato, non potevano che tornare anche loro: gli stravaganti, eccentrici, divertenti protagonisti di “Royal Pains”. La serie ci immerge fin da subito nella sua dimensione pittoresca, tra cRoyal pains 601 golori, glamour ed abiti da cocktail! Questa volta, l’evento da festeggiare è la nascita della piccola figlia di Dyvia! La scorsa stagione si era conclusa con una diagnosi poco rassicurante, nella quale si riportavano una serie di complicazioni in vista della gravidanza. Oggi, invece, a distanza di mesi, ci viene presentata una Dyvia in perfetta salute, avvolta nel suo vestito arancione, con la figlia in braccio, ed un sorriso pieno di calore. In questa occasione, gli autori compiono una scelta coraggiosa, decidendo di sviluppare l’episodio su due piani narrativi paralleli. Se da un lato si seguono le vicende quotidiane che impegnano i vari protagonisti, dall’altro si compiono una serie di flashback esplicativi, con i quali si rivive il parto complicato di Dyvia.

Di certo il nuovo status di Dyvia rappresenta la vera novità della stagione. Fino a questo momento siamo stati abituati a vedere la donna nella veste di figlia ripudiata, di dottoressa intraprendente e single costante; ora invece, Dyvia è una madre con una casa a cui badare, una figlia da crescere ed accudire ed una famiglia che ha riscoperto l’amore per la propria unica erede.Royal Pains 601 e

La cerimonia (rigorosamente organizzata alla villa di Boris) fa da sfondo ad un moltiplicarsi di vicende. Importante di certo, è il rapporto tra Hank ed Evan. Come ho sempre confessato, nutro per Evan una particolare simpatia. Questo personaggio appare ai miei occhi carismatico e divertente. All’inizio di questa serie Evan era poco più di un ragazzo dalle idee “espansionistiche”. Il suo unico obiettivo era quello di coronare i propri sogni, con grinta e caparbietà. Era impossibile non immedesimarsi in questo personaggio. Ma oggi a distanza di anni, Evan è diventato un uomo dalle mille sfaccettature, completo ed interessante. Il suo carattere esuberante resta il padrone incontrastato dello show, tuttavia al suo fianco, vi sono la maggiore maturità, la responsabilità e soprattutto i veri sentimenti che lo legano alle persone che lo circondano. Trovo questo personaggio genuino, sincero. Evan manifesta senza timidezza l’affetto che nutre per i propri cari. Mi vengono in mente i siparietti con Dyvia, ed il profondo legame che lo unisce al fratello (vorrei sottolineare in particolare la scena in cui Hank ed Evan si Royal Pains 601 cabbracciano, che ho trovato divertente ma anche molto tenera!), ma soprattutto il suo amore per Paige. Quest’ultima è stata una grande rivelazione delle ultime stagioni. Anche in questo episodio di apertura la sua presenza appare fondamentale. Paige rappresenta la figura femminile perfetta da affiancare ad un tipo come Evan. Il duo funziona e regale spesso scene esilaranti, dominate dalla semplicità e freschezza propria di questo show. Nonostante gli autori ci vogliano far credere che la coppia sia in terapia, la realtà è che Evan e Paige funzionano alla perfezione e qualsiasi tipo di crisi tra i due non è assolutamente credibile. Per loro, mi sento di evidenziare, il piano studiato per convincere Hank a restare negli Hamptons!

Per quanto riguarda Hank, come previsto, la sua assenza non era destinata a durare…ed infatti. Sono bastati poco più di quaranta minuti per far tronare il vero protagonista dello show, una figura fissa alla HankMed. Se Boris era riuscito a portarlo via la prima volta, non vi riesce la seconda. Hank non è un medico privato capace di curare un solo paziente. Il suo è un dono rivolto a molti. Ed è così che Lance, un povero chitarrista in fin di vita, gli ricorda la sua vera vocazione, portandolo a compiere la scelta tanto attesa.Royal Pains 601 d

In tutto questo insieme di vicissitudine, appare sullo scenario una nuova figura femminile: Emma. È una ragazza giovane, la cui identità ci viene nascosta fino all’ultima scena, in cui tutti ci fa pensare di essere la figlia di Hank. Che sia possibile? Boh…

Sono molto curiosa di scoprirlo.

Sono contenta di questo esordio. La serie è partita con il piede giusto, facendomi riassaporare il clima divertente che tanto mi è mancato!

“Royal Pains” si conferma un telefilm piacevole, dai toni giocosi e la risata facile. La ricetta perfetta per un’estate che funzioni!

Comments
To Top