fbpx
10 cose che...

Rodrigo de la Serna: 10 cose che non sapete su Palermo de La Casa di Carta

rodrigo de la serna
Credits: Netflix

La terza stagione de La Casa di Carta ha introdotto alcuni personaggi molto interessanti. Tra questi anche Palermo, interpretato da Rodrigo de La Serna. Attore noto, soprattutto in Argentina ma anche in Spagna, de la Serna interpreta una vecchia conoscenza del Professore (Alvaro Morte) e di Berlino (Pedro Alonso).

Sebbene sia impossibile colmare il vuoto lasciato da Berlino, la figura di Palermo è senza dubbio un’aggiunta interessante alla banda di ladri.

LEGGI ANCHE: La Casa di Carta – 10 cose che forse non sapete della serie tv spagnola di Netflix

Scopri qui 10 curiosità su Rodrigo de la Serna, alias Palermo!

#1 – Ha origini argentine: è nato a Buenos Aires

rodrigo de la serna

L’attore che interpreta Palermo in La Casa di Carta ha origini argentine, non spagnole. È infatti nato a Buenos Aires, il 18 aprile 1976. Prima di diventare famoso ha partecipato a diverse soap opera argentine, debuttando sul piccolo schermo nel 1995.

#2 – È stato sposato… per un po’, ma poi non ha funzionato

Sebbene in passato sia stato un vero e proprio rubacuori, Rodrigo de la Serna è stato anche un uomo felicemente sposato. Nel 1999, infatti, ha sposato l’attrice Erica Rivas. I due si sono conosciuti sul set della soap opera Campeones de la vida. Il matrimonio si è tuttavia concluso nel 2010. I due hanno avuto anche una bambina insieme, Miranda. La piccola è nata nel 2001.

#3 – Ha avuto tante fidanzate (molte delle quali conosciute sul set)

rodrigo de la serna

Dopo la fine del suo matrimonio, l’attore ha avuto diverse relazioni, alcune più importanti di altre. Spesso le sue relazioni sono iniziate sul set. È stato infatti il caso di Soledad Fandino e Pilar Gamboa. Con la prima ha lavorato sul set della telenovela argentina Conta las Cuerdas, presentata anche al Festival di Cannes. Sul medesimo set aveva incontrato la successiva compagna, Pilar Gamboa.

Dal 2016 ha una relazione con una giornalista argentina, Ludmila Romero. I due hanno anche avuto una figlia, nata nel 2019: la piccola Olivia.

#4 – È un grande fan di papa Francesco, che ha interpretato sullo schermo

papa francesco film

L’attore ha ammesso di avere una grande passione e profondo rispetto per papa Bergoglio. Non a caso è stato un grande onore per lui interpretarlo nel film Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente, film che racconta gli anni precedenti all’elezione del pontefice al suo attuale ruolo.

LEGGI ANCHE: Alvaro Morte: 10 cose che forse non sai del Professore di La Casa di Carta

#5 – Ha interpretato diversi ruoli storici

Il Papa Bergoglio non è l’unico personaggio storico che Rodrigo de la Serna ha interpretato nel corso degli anni. In Amadeus di Peter Schaffer è stato Mozart. Qualche anno più tardi ha vestito i panni di José de San Martín, un “Garibaldi” sudamericano in El cruce de los Andes. Si tratta dell’uomo che nel 1821 ha proclamato l’indipendenza del Perù.

Nel 2004, Walter Salles l’ha diretto nel film I diari della Motocicletta. In quest’ultimo l’attore ha interpretato un giovane Ernesto “Che” Guevara, in viaggio con il suo amico Alberto Granado. La pellicola è stata ispirata ai diari di viaggio dello stesso Che, nonchè al libro scritto da Granado sulla loro avventura, intitolato Un gitano sedentario.

#6 – La sua famiglia ha legami con “Che” Guevara

la casa de papel palermo
Credits: Netflix

Fatto senz’altro curioso è che de la Serna abbia interpretato sullo schermo un personaggio importante e iconico come Ernesto Che Guevara. Curioso soprattutto perchè i due, seppure alla lontana, sono parenti. La padre del “Che” si chiamata Celia de la Serna, proprio come l’attore de La Casa di Carta. Celia, da quel che sappiamo, era un’attivista femminile, atea e per giunta anti-clericale. Niente di più lontano da Rodrigo, suo discendente.

#7 – È attivo (ma non troppo) sui social

Sembra che tutti gli attori di La Casa di Carta abbiano un profondo legame con i social. Basti guardare quelli di Alba Flores o Ursula Corbero, costantemente aggiornati sugli ultimi eventi e novità che li riguardano. Sebbene abbia un account Instagram, Rodrigo de la Serna non è propriamente un “animale” da social, ammettiamolo. Condivide sempre informazioni sui suoi progetti lavorativi, certo, e anche qualche scatto della sua vita privata. Ma con una frequenza tutt’altro che accettabile.

#8 – Ha fondato un gruppo musicale

rodrigo de la serna

Oltre alla recitazione, l’altra grande passione dell’attore argentino è la musica. Non a caso, infatti, ha fondato un proprio gruppo musicale. Si tratta di El Yotivenco. Nella band, con lui, anche Fabio Bramuglia, Blas Alberti, Juan Hermelo. Ascoltando i loro pezzi si percepisce subito l’attaccamento che de la Serna e i suoi compagni hanno per la propria terra e le proprie origini.

#9- Ha vinto un Independent Spirit Award

La sua interpretazione in I Diari della Motocicletta gli ha fatto guadagnare il riconoscimento del pubblico e della critica internazionale. Quell’anno, infatti, ottenne una nomination ai BAFTA come Miglior Attore non Protagonista (andato quell’anno a Clive Owen per Closer). Ha tuttavia ricevuto il premio per Miglior Debutto agli Independent Spirit Awards.

L’attore, purtroppo, non riuscì a partecipare alla cerimonia e fu il suo collega e co-protagonista, Gael Garcia Bernal l’accettò al posto suo.

LEGGI ANCHE: Pedro Alonso – 10 cose che forse non sai su Berlino de La Casa di Carta

#10 – Era “un pochino” spaventato dall’aggiungersi al cast di La casa di Carta

la casa de papel professor palermo
Credits: Netflix

Entrare in un team già formato, per altro arrivando da un ambiente completamente diverso, non deve essere facile. Rodrigo l’ha paragonata ad un’esperienza “sportiva”, dicendo che il suo arrivo avrebbe potuto essere quello di un qualsiasi giocatore sconosciuto argentino in una squadra come il Real Madrid o il Barcellona. Tutti si conoscevano, avevano dinamiche ben oleate: erano una famiglia.

Ma del resto, nemmeno lui è un novellino. Ha 25 anni di esperienza, recita a teatro da quando ne ha 12. Insomma, se qualcuno pensava di metterlo in difficoltà… ha sbagliato personaggio!

Comments
To Top