fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

Ringer – 1.09 Shut Up And Eat Your Bologna

L’ episodio si apre nel migliore dei modi con Bridget ed Andrew che si scambiano tenerezze e pianificano una romantica vacanza insieme. E’ piacevole vedere Andrew così dinamico e felice, soprattutto perché in tal modo possiamo ammirare il dolcissimo e adorabile sorriso di Ioan Gruffudd il quale, a mio parere, come il vino migliora col passare degli anni. Non sappiamo come fosse Andrew prima di sposarsi con Siobhan, ma è certo che Bridget, con il suo buon cuore, lo sta cambiando in meglio e di ciò è consapevole lui stesso quando rivela alla malefica collega Olivia, interpreata da Jaime Murray ( Dexter ): ” I guess I wanna be the man she thinks I am “.

La frase della settimana ” shut up and eat your Bologna “, collocata all’ inizio dell’ episodio, ci porta finalmente a scoprire la sorte di Gemma, che scopriamo con sollievo essere viva, ma tenuta in ostaggio nella cantina di Charlie ( personaggio sempre più oscuro ) su ordine di Siobhan, della cui vita precedente veniamo a sapere molti dettagli grazie alle indagini di Bridget. Ecco la lista dei sintomi di Siobhan stilata dalla sua terapista:

– sostiene che qualcuno voglia farla fuori;

– soffre di insonnia;

– sottoposta ad antidepressivi contro la paranoia;

– la paziente teme per la propria incolumità;

– è convinta di avere uno stalker;

– dice di aver trovato risposte presso Gramercy Cathedral.

Siobhan è quindi paranoica ed ha pianificato molto a lungo tutto ciò a cui stiamo assistendo: l’ arrivo di Bridget non è stato assolutamente un caso, ma è stata lei stessa ad indurla a fuggire e chiedere il suo aiuto. Ogni cosa, almeno finora, lascia pensare che Siobhan sia realmente paranoica: anche Bridget è convinta del pericolo, ma solo perchè la sorella, nascosta a Parigi, sta cercando di far del male a lei e chi le sta intorno per dimostrare che le sue paure sono fondate. Gli unici che abbiamo visto mettere in pericolo Bridget/Siobhan sono coloro che la stessa Siobhan ha ingaggiato. Durante l’ora di terapia in cui Bridget si trova in imbarazzo, non sapendo cosa la gemella avesse raccontato in precedenza, arriva a capire, con una certa sorpresa, che si sta innamorando di Andrew. E chi può biasimarla? Ma mentre Bridget quando confessa ” I’m falling in love with Andrew ” si sente di aggiungere “ all over again ” viene da chiedersi se Siobhan sia mai stata realmente innamorata di Andrew o solamente dei suoi soldi.

Nel frattempo Malcom scopre che Charlie sta mentendo sulla propria identità: il fatto di avere del collutorio ( contenente alcol ) in casa non gli crea problemi, non perché sia forte, ma molto più semplicemente perché non è un alcolista come invece afferma di essere. Ed anche il nome è falso: non si chiama Charlie, bensì John Delario. Infatti Bridget, giunta a Gramercy Cathedral, ritrovandosi in un bar quando credeva di aver trovato una chiesa, lo scopre mentre una barista, chiamandolo John, gli serve un drink, che pare non essere il primo.

Il momento più romantico dell’ episodio, quando Andrew chiede a Bridget se gli rimarrebbe accanto nel caso dovessero perdere ogni cosa che possiedono per fare la cosa giusta e lei gli risponde di sì, è immediatamente messo in ombra da Olivia, la quale, agendo alle spalle di Andrew, si reca a casa di Henry dove, sbirciando nel telefono di quest’ ultimo, trova una foto di lui e Siobhan.

Negli ultimi minuti vediamo Malcom aggirarsi per l’ appartamento di Charlie/John e rimaniamo col fiato sospeso nell’ attesa che riesca a forzare il lucchetto che gli permetterebbe di trovare Gemma. Infine la solita frase ad effetto: Charlie/John, preoccupato che Bridget possa arrivare a scoprirlo, fa una telefonata a Siobhan in cui confessa: ” She’ s onto me “.

Come sempre restiamo in trepidante attesa del prossimo episodio che, essendo l’ ultimo prima della pausa, fa sperare in grandi cose. Ancora più grandi.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio