fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

Revolution: 1.09 Kashmir

Devo dire che da questa serie mi aspettavo molto di più, soprattutto visto che ci sono Kripke e J.J. Abrams, ma dopo il mio iniziale entusiasmo è arrivata la noia… ormai in ogni puntata vediamo qualcuno che viene ferito e non si fanno grossi passi avanti nella trama orizzontale, forse solo qualcosa nello scorso episodio, ma a conti fatti non c’è molto da dire.

Ormai i 42 minuti della puntata sono veramente lunghi e a meritare è solo la scena finale che da sola vale le 3 stelline (ma ne parleremo alla fine, come è giusto che sia). L’idea di questo episodio, dopo lo scorso Noracentrico, è di farci entrare ancora di più in connessione con i personaggi e stabilire con loro una sorta di empatia e per aiutarci a comprendere meglio i protagonisti viene usato il trucco delle allucinazioni causate dalla  mancanza d’ossigeno in un tunnel, ma come ci sono finiti i nostri?

La puntata inizia a West Chester Rebel Camp, a 20 miglia da Philadelphia. I nostri intrepidi eroi riescono a convincere un gruppo di ribelli, in cambio della testa di Monroe da fornire su un piatto d’argento, a farsi aiutare ad entrare nel covo della Militia . Per far questo devono passare attraverso dei tunnel sotterranei, ovviamente minati e ovviamente la nostra Charlie riesce a calpestare una mina ma Nora, prontamente, l’aiuta a non morire nemmeno questa volta. L’esplosione comunque provoca il crollo delle pareti dei tunnel e i nostri soffriranno di allucinazioni per la mancanza di ossigeno.

Parentesi: va notato come solo alcuni personaggi soffrano di allucinazioni, e casualmente sono i nostri eroi, mentre agli altri non succede nulla ed inoltre  mi sembra un po’ troppo artificioso che dopo una singola esplosione un intera rete di tunnel sotterranei rimanga senz’aria.. 

Le allucinazioni in questione dovrebbero essere la rappresentazione che il loro subconscio da alle loro debolezze o sensi di colpa:

– Miles rivede Morroe che gli chiede se ne è valsa la pena di lasciare la Militia, per ucciderlo.

– Aaron rivede sua moglie che gli chiede perché l’abbia abbandonata e se l’abbia mai amata.

– Charlie invece rivede suo padre, ma dopo ave battuto la testa per essere stata ferita, nel sogno dovrà scegliere se rimanere in quel mondo dove tutto è come dovrebbe andare o tornare nella realtà per riavere il fratello. Io un po’ speravo in Charlie o morta o in versione coma, ma gli autori non mi hanno voluto accontentare, speriamo nella prossima!

Alla fine della puntata i nostri dopo tradimenti vari, uccisioni e feriti riescono ad arrivare a superare i tunnel e si trovano a Philadelphia.

La scena migliore, come accennavo prima, è di Rachel, che dopo essere stata colta in flagrate a costruire una bomba e non un booster per il medaglione, decide di fare l’unica cosa che può per non essere uccisa: uccide senza battere ciglio il suo ex amico. Standing ovation! La puntata si prende la sufficienza solo grazie a Rachel, per il resto è noia

Serena

sin dalla tenera età davo già idea di quello che sarei diventata da grande: una divoratrice di "storie" e di sapere ed il mio peggiore nemico era la noia! Adoravo e adoro tutte le "storie", e ogni modo in cui potevano essere raccontate dai cartoni alle serie televisive, dai libri fino ai film, ad un opera d'arte.

Articoli correlati