fbpx
Recensioni

Revenge: Recensione dell’episodio 4.17 – Loss

Ammettetelo: chi non avrebbe investito quel completo pantalone color ciliegia?
REVENGE 4.17 margaux incedente
Una delle puntate più sussurrate di sempre (recitare Van Camp, recitare!) che finisce con la tragedia più chiamata di sempre: Margaux perde baby Grayson!

Sarebbe patetico fare i sorpresi perché mille indizi urlavano “tragedia is coming”:

– l’ecografia con lacrima di gioia
– la culla con pupazzi
– i tubini stretch della gestante
– Emanda pronta a far pace

REVENGE 4.17 cullaE come dimenticarsi il promo che spoilerava tutto senza decenza?

È il Revenge che amiamo quello che fa rispuntare personaggi dal nulla, giusto per incasinare quanto basta situazioni già insensate: bentornata giovane Sally Spectra! Chi meglio di una ex alcolista può difendere un barista accusato di guida in stato di ebbrezza? E se quel barista è pure il tuo figlio perduto… Alla fine, come sempre, della legge se ne infischiano tutti e sono le solite minacce a salvare Mr Sfiga-Jack Porter dall’ennesima ingiustizia gratuita. Ma che pena queste macchinazioni tra poliziotti corrotti, è proprio il massimo di trama che ci meritiamo?

Giovane Sally Spectra e Davidclarke: s’ha da fare o non s’ha da fare? REVENGE 4.17 sally

È invece il Revenge che amiamo meno quello che introduce nuovi personaggi totalmente pretestuosi, come lo stripper travestito da assistente sociale (ma è il gemello di Patrick?).
La sessualità di Nolan per me rimane un mistero. Temo che l’arrivo di questo figo fotonico con un cuore, un cervello e un paio di occhiali hipster, sia solo un escamotage per innescare la scintilla tra i neosposi bisessuali.

Gli unici discorsi sani, in questo delirio, sembrano tra l’altro solo quelli di Louise, che per una volta confessa la verità e fa la cosa giusta. Sì, proprio la stessa Louise che ha ammazzato il fratello nella puntata scorsa. Cambio di direzione per la rossa ereditiera del Sud? Chi può dirlo.

REVENGE 4.17 assistenteUn omicidio, un investimento, una nuova psicolabile, un modello svenevole e mal vestito. Niente è successo, ma tutto può ancora accadere, tra la Van Camp più cagna che mai, la sua Emanda che piange tra le braccia di papà e una Queen V pronta ad affilare le unghie. Siamo da capo e la fine è ancora così lontana.

Si salvi chi può.

Comments
To Top