fbpx
Recensioni

Revenge: Recensione dell’episodio 3.16 – Disgrace

Personaggi di passaggio e piani confusi per Revenge

Disgrace è il titolo del sedicesimo episodio della terza stagione di Revenge che “disgraziatamente” mi ritrovo a recensire. Non fraintendetemi, questa serie tv continua a piacermi ed è per me sicuramente un piacevole passatempo con il fiore all’occhiello di alcune cose scritte bene (su tutte il personaggio di Nolan e il suo rapporto di amicizia con Emanda), ma dopo la visione di questo episodio l’unica cosa che ho pensato è: “ Che casino!”. Gente che va, gente che viene, gente che sembra abbia un piano e poco dopo sembra esserselo scordato per oscuri motivi e segue un’altra linea, altri che brancolano nel buio e che paiono pensare la stessa cosa che penso io.

revenge_316_bNon so, forse sono io che non sto più dietro ai mille mila cambi di piani, dietrofront e doppi giochi, ma a me in certi momenti questo telefilm ed in particolare questa puntata sembrano davvero rasentare il ridicolo, oppure si potrebbe dire, se vogliamo essere in tema, che i personaggi sembrano tutti dei “Pagliacci”, proprio come il titolo della pièce teatrale che vanno a vedere in questo episodio. Insomma, il nome dell’opera cade a pennello. E concedendo grande intelligenza agli autori mi piacerebbe pensare che questo particolare sia stato aggiunto apposta da parte loro per fare un po’ di autoironia, ma forse è un pensiero troppo positivo e gli autori non saprebbero arrivare a tanto e, vista anche la poca conoscenza che gli americani hanno della lingua italiana, in pochi capirebbero il riferimento. E quindi ci tocca sorbirci questo pastone di roba, dando noi all’episodio questo significato sottointeso.

Partiamo dai due nuovi arrivi, Javier e Pascal. Ormai abbiamo imparato che vedere nuovi personaggi significa vedere gente che, presto o tardi, ci lascerà per nuove destinazioni, decessi o chi più ne ha più ne metta. Insomma, questi due sappiamo che sono destinati all’oblio, come tutti i loro predecessori. I personaggi centrali restano ed intorno a loro hanno questo turbinio di persone che frullano che non so come fa a non girare loro la testa.
Partiamo dal primo: Javier è un ex compagno di galera di Nolan. Di Pascal si parlava da un po’ quindi era normale che prima o poi arrivasse, ma questo potevano sicuramente risparmiarcelo. Mi sembra di un’inutilità unica, buttato in mezzo solo per far numero o per riempire del minutaggio. revenge_316_cVedremo dove porterà questa storyline, spero solo non sia l’ennesimo amore sfigato di Nolan.

Passando a Pascal, per fortuna ha dichiarato di aver avuto sua figlia da giovane perché, per differenza di età, non sembra per niente il papà di Margaux, piuttosto può essere suo fratello. In breve, lui vuole portarsi a letto Victoria e Conrad vuole fondare una compagnia con lui, prima rifiuta ma poi pare accettare. Dalle parole di Pascal che dice a Conrad di aver già fatto abbastanza per lui in passato, si capisce già quella che sarà l’ultima, telefonatissima, scena: ovviamente anche lui ha aiutato papà Grayson ad incastrare David Clarke e quindi ora Emanda ha un nuovo scopo, ossia farla pagare al magnate francese. Questa informazione viene recuperata con il prezioso contributo di Stevie, Nolan e Jack. Per quanto riguarda quest’ultimo, nonostante Pascal sia il padre della donna che ama, vuole comunque aiutare Emanda e devo dire che mi sto ricredendo sul suo personaggio. Ora è meno tonto e passivo ed è più attivo, vuole davvero sapere cosa succede nella vita della ragazza e aiutarla a raggiungere il suo obiettivo. Anche in questo episodio mi è piaciuto: si è schierato in prima linea e, con l’aiuto di Nolan, ha recuperato quegli hard disk. Parlando di Stevie pensavo fosse losca ed invece per ora pare davvero volere quello che dichiara.

Il casino maggiore si ha quando si arriva a Emanda, Victoria e Daniel. Grazie alle foto compromettenti tra la ragazza e Aiden, Danny crede di riuscire a buttarla finalmente fuori casa, ma lei fa tutta la scenetta dicendo ciò che racconterebbe in tribunale per rimanere a vivere là. Dopo poco, però, ordisce questo piano gossipparo con cui è costretta a tornare in casa sua (dice di averlo fatto perché ha bisogno revenge_316_ddi respirare un po’. Mah!). Anche Victoria si contraddice: capisce da vari elementi che Emanda ha preso di mira la sua famiglia (ah buongiorno! Adesso lo capisci, dopo tutto quello che c’è stato?!) e quindi pensa che per scoprire qualcosa è meglio tenersela vicina e quindi in casa, ma poi, uscito il gossip, prende la palla al balzo per accusarla e riuscire a farla tornare nella casa di fronte. L’unico beota è Daniel che a parte far scattare quelle foto all’investigatore non fa niente e subisce il tutto. Mah, io questi cambi di piano non li ho proprio capiti, ma sono pronta ad ascoltare delucidazioni in merito!

In definitiva un episodio non brutto visto che l’ho trovato abbastanza in linea con gli altri, ma è davvero troppo incasinato. Di interessante c’è che si aprono nuove prospettive (ciò che ha nasato Victoria e la parte sul coinvolgimento di Pascal nel caso David Clarke) e staremo a vedere come si svilupperanno.

Comments
To Top