fbpx
Recensioni

Revenge – 1.13 Commitment

George Gordon Byron ce l’aveva detto: “Dolce è la vendetta, specialmente per le donne”.  Anche in “Commitment” continua infatti inesorabilmente il piano di Emily Thorne (Emily VanCamp) volto a distruggere Victoria e Conrad Grayson colpevoli dell’ingiusta condanna di terrorismo al padre David Clarke (James Tupper). Ma questa volta gli effetti collaterali forse sono più dannosi e rischiosi del previsto. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa succede nel tredicesimo episodio di questa prima ed amatissima stagione.

Dopo il cliffhanger della settimana scorsa e l’annuncio che Charlotte (Christa B. Allen) potrebbe essere figlia di David Clarke, Conrad chiede agli avvocati l’esame del DNA; se la ragazza dovesse risultare frutto del tradimento di Victoria, per quest’ultima non ci sarebbero più speranze nell’ottenere parte dell’immenso patrimonio del “quasi ex marito”. Charlotte è dunque il focus principale di questo episodio. Senza conoscere la vera motivazione dietro l’inspiegabile freddezza del padre, la ragazza viene obbligata a tornare a casa da sua madre, mentre parallelamente Daniel (Josh Bowman) viene spinto da suo padre ad affrontare Victoria per scoprire l’enorme segreto che ha causato la fine del loro matrimonio.

Nel frattempo Victoria decide di confrontare Amanda (Margarita Levieva) solo per ottenere un qualcosa che le permetta di effettuare i test del DNA e confermare che la ragazza non è realmente figlia di David; Victoria infatti continua a sospettare che Amanda non sia realmente chi dichiara di essere ed è pronta a tutto pur di smascherarla. Per fortuna Emily è in combutta con Ryan Huntley (James McCaffrey), l’avvocato di Victoria e riesce a sostituire il DNA della finta Amanda con il suo così da far confermare la parentela con Charlotte ed evitare che la finta Amanda venga scoperta.

Intanto Daniel decide di chiedere ad Emily di sposarlo. Dopo la scoperta di Charlotte e il pestaggio a Jack (Nick Wechsler), effetto collaterale dovuto al piano di Emily per spingere Amanda a temere per la sua incolumità e a lasciare la città, la ragazza decide di fare un passo indietro. Forse non è più il caso di portare avanti il piano, forse è più giusto far sì che il passato rimanga nel passato e andare avanti con una nuova vita. Il matrimonio dei Grayson è oramai morto, perchè continuare con la vendetta se questa potrebbe rovinare la vita anche delle persone che ama?

Ma inaspettatamente Daniel rivela a Emily di aver parlato con sua madre e di aver scoperto che Charlotte è figlia di David Clarke, ma soprattutto frutto dello stupro a sua madre. L’ennesima menzogna su suo padre spinge Emily a convincersi sempre più che la vendetta è ancora necessaria, per questo decide di afrettare il matrimonio con Daniel. In fondo, come afferma la stessa Emily “Non sono le nostre scelte che contraddistinguono chi siamo, ma è il nostro impegno nel portale avanti“. Ed Emily è pronta a tutto pur di portare avanti la sua vendetta.

To Top