fbpx

RaiDue: un 2009 all’insegna dei serial e dell’approffondimento

Comunicato stampa “Daily Media”: Il canale, che viene da un soddisfacente periodo di garanzia (in prime time il 12.24%, il miglior risultato dal 2000 a oggi, e nell’intera giornata l’11.15%), sfiderà il Grande Fratello di Mediaset con il talent show, punterà su Annozero e attende Daria Bignardi.

Soddisfatto per i successi autunnali, il direttore di RaiDue Antonio Marano scalda i motori in vista della primavera che vedrà il prodotto di punta della rete, il talent show X Factor, sfidare il Grande Fratello di Canale 5.
Punti di forza del nuovo palinsesto saranno come sempre i serial e Annozero; tra le novità in arrivo, Malpensa, Italia, l’approfondimento federalista condotto da Gianluigi Paragone, in onda il venerdì in seconda serata da fine gennaio, e poi da metà marzo il nuovo programma di Daria Bignardi.

Nella stagione di garanzia appena conclusa – uno dei due periodi dell’anno nel quale le emittenti si impegnano a garantire determinati ascolti agli sponsor – RaiDue ha ottenuto in prime time il 12.24% (il miglior risultato dal 2000 a oggi) e nell’intera giornata l’11.15%, superando il competitor Italia 1 (che ha raccolto il 10.45% in prima serata e il 10.85% nelle 24 ore) e piazzandosi al terzo posto fra le reti generaliste.

Un successo che sarà però difficile replicare in primavera: “Sarà già positivo se riusciamo a raggiungere la doppia cifra“, ha spiegato Marano a margine della cena di festeggiamento per i trent’anni di Sereno Variabile organizzata mercoledì scorso. Punta di diamante della nuova stagione sarà la seconda edizione di X Factor, in tredici puntate, che partirà “lunedì 12 gennaio e sfiderà il Grande Fratello”, il cui debutto è atteso su Canale 5 quello stesso lunedì. “La scelta di competere con il programma più forte della concorrenza – sottolinea Marano – dipende dal coordinamento dei palinsesti. In realtà non siamo la prima rete e non siamo in prima linea nella guerra a Canale 5. Vogliamo innanzitutto confermare la qualità del programma e la sua capacità di rivelare grandi artisti, come è successo con Giusy Ferreri“. A seguire il lunedì andrà in onda Scorie.

Il martedì spazio ai serial Usa con Senza traccia; in seconda serata a fine gennaio partirà Viaggio sul Po, sei puntate condotte da Edmondo Berselli e dirette da Giuseppe Bertolucci, a cinquant’anni di distanza dallo storico viaggio di Mario Soldati. Normalmente lo spazio sarà appannaggio di Martedì Champions (in concomitanza con le gare di Champions League) oppure dei film. Il mercoledì Voyager e poi La storia siamo noi; il giovedì Michele Santoro con Annozero e poi il teatro con Palco e retropalco, ovvero la nuova versione di Palcoscenico.

Il venerdì la fiction – con i telefilm come E.R. o le serie made in Italy come Crimini e L’ispettore Coliandro – e, da fine gennaio, Malpensa, Italia, il programma di approfondimento affidato al vicedirettore di Libero, Paragone (già direttore della Padania), destinato a rappresentare il Nord in una prospettiva europea e ambientato nell’aeroporto milanese, luogo simbolo del dinamismo.

Da metà marzo, nella stessa collocazione, arriverà la Bignardi con il suo nuovo talk show sull’attualità con ospiti e interviste, sul modello de Le invasioni barbariche (format che resta però a La7). Il titolo è ancora da definire.

Il sabato in prime time il telefilm Cold Case, seguito dagli spazi di Rai Sport; la domenica ancora telefilm con Ncis e poi la Domenica sportiva. Tra i risultati dei quali va più orgoglioso, Marano cita “L’aver puntato sulla lunga serialità e sulla progressiva fidelizzazione del pubblico. L’Italia sul due fa meno ascolti di Piazza Grande? Ma ha abbassato di due anni e mezzo l’età media del target. E vedrete – conclude – che anche Scalo 76 crescerà quando partirà X Factor”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button