fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

Pretty Little Liars: Recensione episodio 4.24- A is for Answers

“A is for: Amaizing Spider-Man”, questo deve essere necessariamente l’hashtag del finale di stagione di PLL, perchè dopo gli ultimi minuti della puntata, non ci sono altre spiegazioni logiche, che possano soddisfare la scena del salto di A, e del mondo in cui rimane appiccicato/a alla parete. Decido di partire dalla fine nello scrivere questa recensione, di partire proprio dagli ultimi fotogrammi dell’episodio, e poi ripercorrerlo passo passo, alla ricerca di tutti quei dettagli che fanno di questo, uno dei finali meglio riusciti dello show. 

Come saprete bene, la King ha più volte detto, che per i suoi finali si ispira sempre a film del signor Hitchcock, ora, detto tra noi, io questa volta proprio non ci vedo nessun riferimento al re dell thriller, ma piuttosto è da notare come la scrittura sia notevolmente più attenta, più precisa e se vogliamo anche più originale di tutti gli episodi della quarta stagione messi insieme.normal_003 Nonostante l’episodio si concluda, nuovamente, con un nulla di fatto nella scoperta dell’identità di A e un ottimo cliffhanger finale, il modo con cui la trama ci arriva è notevole. Seguiamo infatti due binari diversi, che corrispondo a due tipologie di “interrogatorio” diverse; da una parte il detective di Rosewood che interroga tutta la famiglia Hastings a causa della falsa pista datagli da Cece; dall’altra le Liars, che chiedono spiegazioni (dopo quattro stagioni) ad Ali circa la notte della sua scomparsa (conosciuta anche come la notte più lunga e sovraffollata del mondo).Tutto questo mentre scorrono flashback che chiariscono molte dinamiche ancora rimaste senza risposta. Vediamo il primo incontro con Ezra di Ali, come la stessa abbia incastrato Ian,  chi ha salvato Spencer sul campanile, e tutti gli eventi della notte del rapimento, incluso il fatto che Ali abbia drogato le sue amiche per mandarle tutte a letto presto.

Insomma dopo stagioni e stagioni in cui Ali veniva dipinta come una bulla bionda con molto cervello ed egocentrismo, basta un episodio per convincere lo spettatore che in realtà fosse una specie di Gandhi sotto mentite spoglie, capace di aiutare Spencer con la droga, di salvare Toby dalla ceca, di dare consigli fashion alla loser Mona, di perdonare tutti e forse è questo l’unico neo dell’episodio. L’improvvisa santificazione del personaggio di cui abbiamo sentito parlare male fino a pochi episodi fa.

0Ma rimane l’unico difetto, per per il resto c’è tensione pura, quella che si respirava nella prima stagione che mi ha avvicinato allo show ed il contorno di questo elemento sono chiarimenti e punti fermi che i fan chiedevano a gran voce e che Marlene, anche per chiarirsi un po’ le idee, doveva dare.

Dunque, quella notte Ali ha scartato dalla lista molti nomi; nell’ordine: Toby, Ian, Melissa, Spencer, le liars rimanenti, Ezra, babbo Aria e Mona,  e nonostante ciò sa che sua madre, conosce la persona che l’ha “uccisa” e ha continuato a coprirla fino ad ora. A questo punto, sembrano chiare due cose: la prima è che a Rosewood le mamme sono le ultime persone di cui vi dovete fidare, secondo probabilmente A è qualcuno che appartiene alla famiglia Di Laurentis, quindi o Jason o la famosa gemella di Ali su cui circolano infinite cyber-teorie.

Resta da capire perchè Cece abbia accusato Spencer ingiustamente e cosa c’entra Melissa nell’omicidio della ragazza bionda che riposa nella bara di Alison ma per una volta questo non pesa, per una volta gli ulteriori interrogativi non sono così pesanti da sopportare, perchè le famose “risposte” citate dal titolo dell’episodio hanno fatto quadrare tantissime cose, compensando tutti i buchi narrativi scritti fino ad ora.

L’episodio si conclude con il ferimento di Ezra (non credo proprio che Mr Divano ci lasci le penne) che inspiegabilmente è diventato il mio personaggio preferito e le cinque Liars sui tetti di Philadelphia. Ce la faranno a salvare Fitz? Ali tornerà in città? Spencer dietro le 4x24sbarre? Ma si diplomeranno mai le bugiarde? Noel Khan non era in Star Trek? Ma una minorenne può gestire un negozio di Liquori? La signore Di Laurentis avrà una Grunwald anche lei?

Le risposte a questi interrogativi potranno essere date presumibilmente a giugno, quando comincerà la quinta stagione che a mio parere dovrebbe essere l’ultima. Credo che dopo un finale così chiarificatore e la vicinanza delle ragazze ad A, sia inutile portare avanti la serie stiracchiando ulteriormente la trama. La quarta stagione rimane sicuramente quella con gli episodi più brutti mai visti, tra cui lo speciale di Halloween e l’episodio in bianco e nero e quello con le scoperte più scioccanti: Ali che è viva, Ezra è un maniaco, Spencer si drogava. Rimane nel complesso una stagione non positiva, ma neanche così brutta come descritta da alcuni, in cui,  a causa della lunga pausa tra le due parti e di storyline poco felici (mamma di Toby chi diavolo sei?), il ritmo è stato altalenante e questo chi conosce Hitchcock, sa bene che è la cosa peggiore per un buon thriller.

Good Luck Bitches!

valutazione globale

Chiarificatore

Valutazione Globale

User Rating: 3.1 ( 6 votes)

La_Seria_

Studentessa universitaria, persa nella sua Firenze,sfoga lo stress da esame nello streaming selvaggio, adora le serie crime e fantasy lasciandosi trasportare a tratti dai teen drama. Cerca ancora di capire perchè le piace la pioggia incessante

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button