fbpx
Cinema

Pirati dei Caraibi – La maledizione della Prima Luna: 45 cose che (forse) non sai del film

pirati dei caraibi 1

Correva l’anno 2003. I pirati dell’immaginario collettivo erano ancora quelli di Roman Polanski o del più recente Hook – Capitan Uncino con Dustin Hoffman nei panni del temibile bucaniere. Poco ne sapevamo di Jack Sparrow e di come avrebbe stravolto non soltanto la nostra immagine tipica della pirateria. Ma è grazie alla Disney e a Gore Verbinski che Pirati dei Caraibi – La maledizione della Prima Luna avrebbe iniziato un nuovo capitolo del cinema.

Oggi non c’è bambino che non conosca Jack Sparrow – o, se ce n’è qualcuno è perchè è troppo piccolo per aver mai visto la saga dei Pirati dei Caraibi. La Maledizione della Prima Luna (titolo originale: The Curse of the Black Pearl) è ormai un classico del cinema contemporaneo, un film per grandi e piccini da rivedere ancora e ancora. Johnny Depp, Geoffrey Rush, Keira Knightley e Orlando Bloom hanno gettato le basi di una saga straordinaria, resa ancor più indimenticabile dal produttore Jerry Bruckheimer e dalla regia di Verbinski. Un classico, ormai.

Come per ogni classico ci sono curiosità su La Maledizione della Prima Luna che non si conoscono o si dimenticano… ma per fortuna ci siamo noi, no?

pirati dei caraibi 1

Ecco tutte le curiosità sul primo capitolo della saga dei Pirati dei Caraibi 1 – La Maledizione della Prima Luna.

Tutti temevano che il film sarebbe stato un flop

1 – Fino a poco prima del lancio promozionale, la Disney voleva chiamare la pellicola semplicemente Pirati dei Caraibi. Alla fine si convinse ad aggiungere al titolo La Maledizione della Prima Luna nella speranza che il film potesse avere successo e si facesse anche un sequel. Il film è risultato il quarto film per incassi dell’anno 2003.

2 – Ad oggi, il film Pirati dei Caraibi 1 – La Maledizione della Prima Luna è il dodicesimo franchise per incassi della storia del cinema. Nella top tre troviamo: Marvel Cinematic Universe, Star Wars e la saga di Harry Potter.

3- Gli sceneggiatori Ted Elliott e Terry Rossio hanno rivelato che il primo script del film era pronto già agli inizi degli anni ’90. Steven Spielberg, che ne era venuto in possesso, aveva accarezzato l’idea di realizzare la pellicola con Bill Murray, Steve Martin o Robin Williams nei panni di Jack Sparrow. Disney negò il via libera al progetto.

4 – Inizialmente il ruolo di Jack Sparrow era stato offerto a Robert De Niro, che l’aveva rifiutato. L’attore infatti pensava che un film sui pirati non avrebbe avuto successo al box office. Si è poi ricreduto e ha accettato il ruolo del capitano pirata in Stardust cinque anni più tardi, nel 2007.

5 – Johnny Depp ha numerosi tatuaggi. Durante le riprese sono stati utilizzati correttore e vestiti per coprirli tutti. Tuttavia il tatuaggio “Jack Sparrow” sul suo braccio era un tatuaggio finto. Una volta terminate le riprese l’attore ha tuttavia fatto un tatuaggio identico per davvero, in onore di suo figlio Jack.

6 – A proposito di tatuaggi. Orlando Bloom, che interpreta Will Turner, ha fatto un tatuaggio con il resto del cast de Il Signore degli Anelli. Si tratta del numero 9 in elfico. Il tatuaggio è stato coperto per buona parte del film ma è ben visibile nel duello tra lui e Jack nell’officina. Siamo più o meno al minuto 25 del film, per i più curiosi!

pirati dei caraibi 1

Tra gli attori considerati per il ruolo di Sparrow anche Chistopher Walken e Jim Carrey

7 – In principio Johnny Depp aveva proposto alla Disney che il suo personaggio avesse paura di cose sciocche, come il banale raffreddore oppure il pepe. La Disney non ha naturalmente accettato.

8 – Lo sceneggiatore e co-creatore Stuard Beattie ha rivelato di aver scritto il personaggio di Jack Sparrow modellandolo all’attore Hugh Jackman. Lo stesso nome del personaggio è un occhiolino al cognome dell’attore. All’epoca purtroppo Jackman non era molto famoso e la Disney ritenne rischioso affidargli il ruolo. La scelta ricadde su Johnny Depp, seppure anche lui non fosse un investimento sicuro al 100%. Alla fine la scelta ripagò!

9 – Per il ruolo di Jack Sparrow vennero presi in considerazione anche gli attori: Michael Keaton, Jim Carrey e Christopher Walken. Inoltre per qualche tempo la Disney accarezzò l’idea di ingaggiare Matthew McConaughey come Sparrow per la sua incredibile somiglianza a Burt Lancaster, che aveva ispirato (nello script originale degli anni ’90) il personaggio.

10 – Una delle battute più celebri di Jack Sparrow “Comprendi?!” (in inglese “Savvy?”) è stata improvvisata dall’attore.

11 – Durante le riprese l’attore ha indossato delle lenti a contatto per non continuare a strizzare gli occhi per il sole. Le lenti, infatti, servivano più come protezione contro i raggi UV che non per cambiare colore degli occhi. Anche la collega Keira Knightley le indossò (nell’ultima scena del film): ha in seguito ammesso che le hanno fatto venire un terribile mal di testa e che le ha gettate il giorno stesso per non usarle mai più.

Keira Knightley ha quasi perso per un pelo l’audizione per il ruolo di Elizabeth

12 – Keira Knightley, che interpreta Elizabeth Swann, ha ammesso che era convinta che sarebbe stata licenziata dopo solo pochi giorni di riprese. Per questa ragione non ha portato molte cose con se, solo pochi vestiti. Naturalmente si sbagliava.

13 – L’attrice, inoltre, è riuscita ad arrivare per un pelo al suo provino per via del traffico. Se fosse effettivamente accaduto Amanda Bynes, Jessica Alba o Jaimie Alexander – che erano tutte in lizza per la parte – avrebbero potuto avere il suo ruolo.

14 – L’aspetto dell’attrice di Orgoglio e Pregiudizio è stato pesantemente “rimaneggiato” per il film. Prima di tutto dell’imbottitura è stata aggiunta al suo corsetto (e al resto dei vestiti) per esaltarne il seno piccolo (per sua stessa ammissione il regista voleva che “si vedesse che lì c’è qualcosa“). I suoi capelli, ancora corti per il suo ruolo precedente, vennero invece allungati con delle extensions.

15 – Dopo una delle riprese notturne su una delle isole dei Caraibi, Keira Knightley, sua madre e lo skipper della loro barca rimasero coinvolti in un incidente. Vennero salvati poche ore dopo e nessuno si fece male ma questo convinse la produzione a sospendere le riprese notturne on-location e invece a proseguire tutte le riprese in notturna mancanti dentro uno studio.

16 – L’ultima battuta del film Pirati dei Caraibi 1 – La maledizione della Prima Luna “Portami all’orizzonte!” pronunciata da Jack Sparrow è stata pensata da Johnny Depp la mattina stessa delle riprese. È stata quindi inserita nel film.

Keith Richards un punto di riferimento e ispirazione

17 – Secondo la sua personale concezione, Depp pensava che i pirati del diciottesimo secolo fossero l’equivalente delle rock star dei giorni nostri. Ecco perchè ha strutturato il proprio personaggio seguendo l’esempio di Keith Richards. L’attore ha però ribadito che non si è trattato di un’imitazione. Lo stesso Keith Richards è apparso nel terzo film della saga dei Pirati dei Caraibi nei panni del padre di Jack Sparrow.

LEGGI ANCHE: Black Sails – 5 motivi per recuperare la serie tv sui pirati

18 – La bandiera di Jack Sparrow è un mix di note bandiere piratesche. Si tratta infatti di una fusione tra la bandiera di “Calico” Jack Rackham, amante di Anne Bonny (chi ha visto Black Sails sa di cosa stiamo parlando!), da uci ha ereditato il teschio. Le ossa incrociate c’erano in svariate bandiere, e quasi sempre indicavano qualche riferimento alla morte.

19 – Gore Verbinski era indeciso se affidare il ruolo di Will Turner a Orlando Bloom o a Heath Ledger, gli ultimi due candidati per il ruolo dopo i casting. Alla fine pensò di scegliere Bloom perchè aveva già un ruolo nella saga del Signore degli Anelli e sperava che la sua fama spingesse più persone a guardare il film. Non a caso il primissimo trailer della pellicola Disney venne trasmesso al cinema prima del film Il Signore degli Anelli – Le Due Torri.

20 – Il personaggio di Orlando Bloom è omonimo del vero capitano William Thomas Turner (1856 – 1933) che tu capitano della R.M.S. Lusitania.

will turner elizabeth swann

Orlando Bloom scelto per Pirati dei Caraibi 1 perchè era già famoso

21 – Prima che la scelta ricadesse su Orlando Bloom per il ruolo di Will Turner in Pirati dei Caraibi 1 vennero anche considerati, oltre a Heath Ledger, anche: Jude Law, Ewan McGregor, Tobey Maguire, Ben Peyton, Christopher Masterson e Christian Bale.

22 – Jerry Bruckheimer e Gore Verbinski avrebbero voluto usare il grande serbatoio d’acqua usato per le riprese di Titanic e Pearl Harbor per alcune delle scene del film. Purtroppo durante il periodo delle riprese la “piscina gigante” era già stata prenotata per il film Master & Commander – Sfida ai confini del Mare.

23 – Le riprese al Forte di Port Royal non si sono svolte a St. Vincent bensì in un parco diversimenti chiuso. Si tratta del parco Marineland che si trova a Rancho Palos Verdes, in California.

24 – La pellicola non è stata rilasciata in Cina dal momento che ha diversi riferimenti a fantasmi ed elementi sovrannaturali.

pirati dei caraibi 1

Qual è il rimedio per il mal di mare…?

25 – Molti dei membri del cast e della crew del film Pirati dei Caraibi 1 – La Maledizione della Prima Luna hanno sofferto di mal di mare durante le riprese. Tra queste anche Keira Knightley, che decise di prendere una pillola per farsi passare la nausea. La poverina finì addormentata per un bel pezzo proprio a causa degli effetti collaterali della medicina.

26 – Barbossa, interpretato da Geoffrey Rush, avrebbe dovuto essere di origini italiane e non inglesi, all’inizio. Inoltre l’attore è australiano e, curiosamente, Barbossa tiene in mano una mela Granny Smith per buona parte del film, sperando sia la prima cosa che potrà mangiare una volta tornato in vita. Questo tipo di mela è australiano.

LEGGI ANCHE: Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar: Recensione del film con Johnny Depp e Javier Bardem

27 – La scimmia Jack è interpretata da due scimmie cappuccine: una è una femmina di dieci anni chiamata Tara e l’altra una di otto, di sesso maschile, di nome Levi.

28 – Zoe Saldana, che nel film interpreta Annamaria, ha ammesso di aver passato dei momenti terribili durante le riprese. La responsabilità, a sua detta, non era del cast ma dell’ambiente, in cui si è sentita trattare come un mero numero. Il suo ruolo è un possibile riferimento alle piratesse del diciottesimo secolo, Anne Bolly e Mary Read.

29 – Sebbene la traccia principale della colonna sonora sia stata composta da Hans Zimmer (e resta quella più nota del film), il resto delle musiche è stato composto e curato da Klaus Badelt. In realtà il suo intervento segue al progetto iniziale di ingaggiare come compositore Alan Silvestri. In alcuni poster promozionali del film Pirati dei Caraibi 1 – La maledizione della Prima Luna, infatti, si può leggere ancora la dicitura “Musiche di: Alan Silvestri”. Si tratta, naturalmente, di un errore.

pirati dei caraibi 1

Pirati dei Caraibi 1 – Primissima premiere cinematografica al Disneyland Resort

30 – Si tratta dell’unico film della Disney con delle musiche di Klaus Badelt fino al 2018. Quell’anno, infatti, ha composto le musiche per Il ritorno al Bosco dei 100 Acri, film con Jude Law e Hayley Atwell.

31 – La storia di Giselle e Scarlett, interpretate da Vanessa Branch e Lauren Maher, le due donne che schiaffeggiato Jack Sparrow, dopo che lui e Will arrivano a Tortuga, è spiegata nel dettaglio nel corto Pirates of the Caribbean: Tales of the Code: Wedlocked. È stato rilasciato nel 2011.

32 – La premiere mondiale del film venne organizzata al parco divertimenti Disneyland Resort in California il 28 giugno 2003. Il parco divertimenti è infatti la casa dell’attrazione originale dei Pirati dei Caraibi. Si è inoltre trattato della primissima premiere cinematografica presentata a Disneyland in assoluto.

33 – La band inglese Bring me The Horizon prende il nome direttamente dalla battuta finale di Jack Sparrow che, nella versione inglese, dice “Bring me that Horizon” prima di salpare con la Perla Nera verso l’orizzonte.

34 – Il capitano Norrington (Jack Davenport) viene promosso nel film al rango di Commodoro. Peccato che nella Marina Britannica questo non sia un ruolo a cui qualcuno può essere “promosso”. Si tratta di un rango detenuto da un capitano che aveva, presso un incarico temporaneo, il comando di più di una nave. Indicava anche il privilegio di indossare lo stemma di Vice Ammiraglio per la durata complessiva dell’incarico. Una volta che quest’ultimo era completato tornava al suo rango abituale, ovvero quello di Capitano.

LEGGI ANCHE: Saghe film da vedere – Ecco le maratone di film da guardare a casa

Un successo (stellare) al botteghino

35 – In una delle prime versioni della sceneggiatura, Norington chiedeva ad Elizabeth di sposarlo e veniva respinto. Come conseguenza di univa a Barbossa per la conquista dei mari. La proposta, naturalmente, è stata respinta.

36 – La pellicola ebbe un grandissimo successo al botteghino. Guadagnò infatti 654,3 milioni di dollari a fronte di un budget di 140 milioni iniziale.

37 – La principale location per le riprese fu St. Vincent, dal momento che aveva una spiaggia tranquilla. Furono costruiti 3 pontili e un retro per Tortuga e Port Royal.

38 – Le navi principali della pellicola sono: Perla Nera, Dauntless e Interceptor. Per motivi di budget le navi vennero costruite vicino alla spiaggia e non in mare aperto. Alcuni dettagli vennero ultimati con la computer grafica. La nave Interceptor, invece, è una versione allestita della Lady Washington, una replica in scala della nave di Aberdeen, Washington.

39 – Oltre alle navi in scala una replica in miniatura della nave Interceptor venne realizzata per le riprese della tempesta in cui è coinvolta.

40 – Gli effetti speciali per replicare al meglio i pirati nella loro forma “scheletrica” hanno richiesto molto lavoro e quindi il team degli effetti speciali ha iniziato a lavorarci fin da subito. Per la resa più realistica possibile, le scene con gli scheletri sono state girate due volte: una con i veri attori e la seconda con dei segnaposti in cartone. Una terza ripresa aveva richiesto che gli attori recitassero nuovamente le proprie scene in studio, con lo sfondo verde.

johnny depp orlando bloom maledizione della prima luna

Effetti speciali per più di 600 ore di post produzione

41 – Il montaggio del film Pirati dei Caraibi – La maledizione della Prima Luna venne fatto a ridosso dell’uscita del film, iniziato da Verbinski e dal suo team meramente 4 mesi prima della data di rilascio. Il regista ha passato giornate da 18 ore sul montaggio, tempo di cui 600 ore sono state impiegate sulle riprese con effetti speciali. Di quest’ultime ben 250 ore sono state impiegate per rimuovere barche moderne dallo sfondo delle scene.

42 – Nonostante il timore iniziale sul fatto che il film sarebbe stato un flop, la pellicola ha in realtà ottenuto delle ottime recensioni da critica e pubblico. In particolare molti hanno lodato l’interpretazione di Johnny Depp nei panni di Jack Sparrow.

LEGGI ANCHE: Johnny Depp – Film, carriera e curiosità sull’attore

43 – Per la sua interpretazione di Jack Sparrow, Johnny Depp ha ricevuto una nomination agli Oscar come Miglior Attore protagonista. In totale la pellicola ha ricevuto ben 5 nomination agli Oscar. Seppure non abbia portato a casa la statuetta degli Academy Awards, l’attore ha ricevuto il premio come Miglior Attore agli Mtv Movie Awards e ai SAG Awards.

44 – La costumista della pellicola, Penny Rose, ha vinto un Saturn Award per il suo lavoro ai costumi del film. Ha sconfitto quindi le costumiste di: Il Signore degli Anelli – Il Ritorno del Re, La leggenda degli Uomini straordinari e Peter Pan.

45 – Malgrado lo scetticismo generale, la pellicola Pirati dei Caraibi 1 – La Maledizione della Prima Luna ha avuto diversi sequel. Inizialmente avrebbe dovuto essere una trilogia – i capitoli 2 e 3 (La Maledizione del Forziere Fantasma e Ai Confini del Mondo) sono usciti rispettivamente nel 2006 e 2007. In seguito sono stati rilasciati due ulteriori sequel: Oltre i Confini del Mare nel 2011 e La Vendetta di Salazar nel 2017.

Comments
To Top