fbpx
Orphan Black

Orphan Black: Recensione dell’episodio 3.08 – Ruthless in purpose and insidious in method

Prima era toccato a “L’origine della specie” di Charles Darwin, poi alle opere di Francis Bacon, ora all’ultimo discorso pubblico di Dwight Eisenhower. I titoli degli episodi di “Orphan Black” sono sempre stati scelti in modo per nulla casuale e, sebbene siano innegabilmente un omaggio ai fortunati prescelti, la loro successione ha un senso logico che permette di seguire e mettere ordine nel frenetico svolgersi della stagione. Così dopo la pausa della settimana scorsa giocata sul caotico ma dopotutto divertente scambio di persone tra Alison e Cosima, questo nuovo episodio di “Orphan Black” torna a fare quello che sa fare meglio. Correre a perdifiato tra rivelazioni e colpi di scena. E lo fa restando fedele alla frase di Eisenhower: “spietato come intento, insidioso come metodo”.

OrphanBlack3x08FelixSpietato come solo possono esserlo Delphine, da una parte, e Rudy, dall’altra. Ma anche una Rachel ansiosa di tornare protagonista e non vittima degli eventi. E, in fondo, come la stessa Sarah che, pur a malincuore, decide di mentire e costringere Felix a recedere dai suoi propositi buonisti. Vittima di questa spietatezza è Krystal Goderitch, ennesimo clone ed ennesima prova di bravura di Tatiana Maslany che aggiunge un nuovo personaggio alla già lunga galleria di volti che ha rivestito in “Orphan Black”, riuscendo ogni volta a cambiare non solo abito ed acconciatura, ma anche carattere e modi di fare. Krystal è solo apparentemente la classica ragazza superficiale attenta solo al gossip e da quanto sono curate bene le unghie di mani e piedi (ed il look eccessivo con il trucco marcato, l’abito aderente e i capelli tinti vogliono dare questa impressione). Perché Krystal, pur nel marasma confusionario di eventi che non capisce, ha comunque l’impressione viva che le stranezze che le sono accadute non sono casuali, ma parte di un piano più complesso in cui è coinvolta suo malgrado.

Krystal non ha la determinazione di Sarah o l’intelligenza di Cosima o il dinamismo di Alison o la follia di Helena. È solo una ragazza innocente che non riesce a credere di poter essere più di quello che è. Ed è questo a fare di lei una potenziale vittima da sacrificare nella lotta tra Castor e Leda, un clone la cui vita conta troppo poco per entrambe le fazioni per preoccuparsi di quale sia il suo destino. A capirlo bene è Felix che deve vincere la tentazione di rivelarle che ha ragione, che lei è più di quel che le hanno fatto credere, che dirle che è una sopravvissuta non è un complimento da american gigolò (e complimenti a Jordan Gavaris per la bravura con cui cambia il suo accento inglese con quello targato US), ma un dato di fatto che non può ancora capire. Krystal alla fine soccombe suo malgrado perché Sarah decide di essere, a suo modo, spietata impedendo a Felix di accogliere anche lei nel Clone Club che appare sempre più l’unica ancora di salvezza per i cloni del progetto Leda.

OrphanBlack3x08RachelParadossalmente proprio questa insolita freddezza di Sarah sarà il motivo della loro sconfitta. Perché, se Sarah agisce essenzialmente lasciandosi guidare da un istinto che quasi sempre le fa fare le scelte giuste, c’è un altro clone che, invece, è maestra nel pianificare progetti insidiosi e tessere alleanze inattese. Il cliffhanger finale mostra, infatti, che colei a cui il dottor Nealon si riferisce quando parla di un coma probabilmente irreversibile è Krystal e non Rachel che, magari non avrà ancora recuperato del tutto la capacità di parlare, ma non ha di sicuro perso l’abilità di volgere a suo vantaggio ogni situazione potenzialmente utile.

Così, mentre finge di aiutare Sarah a tradurre il codice del libro, sta invece tramando per rubare l’identità di Krystal e liberarsi del giogo oppressivo con cui Delphine pensava di riuscire a controllarla. Invece, Rachel stava semplicemente recuperando una condizione fisica accettabile prima di poter sferrare il suo attacco decisivo approfittando sia del doppio gioco del fedele dottor Nealon che dei suoi agganci con i misteriosi piani alti a cui probabilmente poco importa della guerra tra Castor e Leda perché magari controllano segretamente entrambi i progetti rivali (come parrebbe di capire anche dal colloquio della dottoressa Coady con l’agente segreto che rivela l’esistenza di una talpa alla Dyad).

Cosima (TATIANA MASLANY) and Delphine (EVELYNE BROCHU)Se Rachel è sicuramente nella lista dei vincitori di questo episodio, chi invece non può che essere considerato perdente è la povera Cosima. Disperatamente alla ricerca di un amore sincero che possa alleggerirle il pesante fardello di un destino tragicamente segnato da una malattia finora incurabile, Cosima finisce per essere ancora una volta ingannata. Come in un beffardo contrappasso dantesco, proprio il più razionale dei cloni è quello che fa le scelte più avventate come provare a sfuggire ai controlli medici (con il tentativo di scambio di urine dell’episodio scorso) o mostrare a Shay (che conosce dopotutto da poco) il laboratorio e il libro segreto. Ma, soprattutto, il desiderio di amore di Cosima è tanto forte da accecarla al punto da non comprendere subito che non può essere un caso che, subito dopo aver consegnato a Scott il libro in presenza di Shay, il redivivo Rudy è a casa dell’incolpevole nerd per recuperare il prezioso testo.

A doverle sbattere in faccia l’amara verità è Delphine mostrandole cosa hanno scoperto su Shay (e il trailer della prossima puntata lo chiarisce ancora meglio) e soprattutto licenziando sia lei che Scott. Una scelta drastica, quella di Delphine, dettata anche dalla delusione per essere stata tenuta stupidamente fuori dai giochi quando proprio il suo aiuto poteva essere determinante. Il personaggio della bionda ex amante di Cosima (a cui è però ancora legata sentimentalmente) è quello che forse è maggiormente cambiato in questa stagione apparendo inizialmente come una fredda business woman, ma mostrando spesso intenzioni non proprio ostili nei confronti dei cloni. Un’alleanza non facile da gestire e difficile da accettare, ma che potrebbe essere un’arma irrinunciabile per Sarah.

OrphanBlack3x08HelenaContinua ad essere staccata dalla storyline principale l’avventura di Alison e Donnie nel mondo del crimine che si arricchisce in questo episodio della partecipazione speciale di Helena e Gracie, protagoniste di un intenso scambio di battute che getta un momento di serietà in quella che è la parte comica di questa stagione. Lato divertente che torna prepotentemente quando Helena, spiazzante negli abiti di Alison, ci prova spudoratamente con Donnie o quando Alison prova a respingere la corte assillante di Jason, protagonista di una scazzottata con Mr Chubbs che rende ancora più sincera l’ammirazione per gli sforzi di quest’ultimo di proteggere l’integrità della sua famiglia.

“Orphan Black” si prepara a volare a Londra con Sarah, Felix e Miss S alla ricerca del clone primario. Meglio allacciare le cinture di sicurezza e godersi una serie che ha ripreso a volare.

Per restare sempre aggiornati su Orphan Black, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Orphan Black Italia

Comments
To Top