fbpx
Orphan Black

Orphan Black: Recensione dell’episodio 3.04 – Newer Elements of our Defense

La terza stagione di Orphan Black prosegue in modo molto compatto nel seguire la trama principale che è stata introdotta alla fine della scorsa stagione, ossia quella dei cloni del progetto Castor che va ad incentrarsi, principalmente, sull’origine stessa dei due progetti maschile e femminile.

Quella del secondo gruppo di cloni è stata una scelta che, alla luce dei primi episodi di questa stagione, si sta rivelando decisamente azzeccata. Ne ha beneficiato, come dicevamo prima, lo svolgimento che è molto più concentrato su una trama che è potenzialmente ricca di colpi di scena ed è infatti ben sfruttata dal suo creatore Manson che continua a rimescolare le carte di alleati e nemici, orphan black 304dlasciando un ampia zona grigia nella quale alla fine i cloni dei due progetti risultano spesso solamente sfruttati e parte debole anche se spesso messi uno contro l’altro dalle circostanze e da chi li manipola.

I cloni del progetto Castor devono ancora fare il percorso che le loro sorelle del progetto Leda hanno avuto più facilità a compiere verso una maggiore indipendenza e consapevolezza della loro individualità. Chiaramente su loro pesa l’addestramento militare che hanno ricevuto fin da piccoli (presumo) che li ha spersonalizzati e resi “macchine da guerra” che ripongono, malamente, la loro fedeltà nella “madre”. Risulta decisamente interessante vedere questi due lati della medaglia, di due gruppi di cloni, uno “allevato” nella mancanza di consapevolezza della propria natura e monitorato dall’ombra, mentre all’opposto vediamo dei cloni che crescono nella piena consapevolezza di cosa sono e risultano irregimentati in modo militare. Il risultato palese è che nella mancanza di conoscenza si crea una piena indipendenza, mentre nella pienezza delle informazioni la propria personalità viene annullata a discapito del gruppo.

orphan black 304eMa queste due monolitiche contrapposizioni vanno sgretolandosi: se per le cloni femmine del progetto Leda è stato lo scoprire le proprie “sorelle” a rendere dei singoli un insieme coeso, per i maschi del progetto Castor stiamo vedendo in questi episodi come la riscoperta della propria individualità e il confronto con le loro controparti femminili li rende più umani e meno ciecamente fiduciosi in quello che è il loro credo. O almeno iniziamo a vedere questo sgretolamento in atto. Mark è il più vicino ad essere singolo tra molti e non una parte di un intero, così come lo stesso Seth poco prima di morire si stava avvicinando a questo. La scena, cruda, del clone sottoposto ad esperimenti a cranio aperto e la dolcezza di Helena nel dargli pace ci fanno presagire come sia possibile un avvicinamento tra questi due mondi che possa rimescolare nuovamente le carte in gioco.

orphan black 304cNuovi elementi in questo episodio sembrano portare più vicini ad una maggiore chiarezza sulla nascita dei cloni e sulla possibile risoluzione della loro “difettosità” , ma abbiamo imparato che in Orphan Black dietro ogni passo avanti si nasconde un nuovo rompicapo e la soluzione resta sempre lontana. Adesso che il fuoco narrativo si sposta da un Helena prigioniera mentre Sarah è alla sua ricerca ad una nuova situazione concentrata nel quartier generale del progetto Castor dove tutti i protagonisti principali (di questa parte di stagione, almeno) convergono, qualcosa di importante potrebbe accadere e una svolta importante me la aspetto entro un paio di episodi al massimo.

Parlavo di protagonisti principali, ad ora, perché, mentre Cosima al momento è bloccata in “laboratorio” ma resta comunque connessa alla storia, Alison è ormai un mondo a parte. orphan black 304bFaccio fatica a capire questo isolamento ad una storyline “comica” che sa solo di riempitivo e che pare una sorta di Desperate Housewife in salsa grottesca. Sicuramente è un alleggerimento della trama (serviva davvero?) ed è simpatico da vedere ma non centra nulla col resto. Magari prima o poi si rivelerà utile anche questa storia, ma ne dubito fortemente.

In conclusione, un episodio buono, con ritmo e che fa fare passi avanti importanti alla trama, coinvolgendo di nuovo anche i Proleteani, che sembrano avere un ruolo decisamente importante e che restano decisamente inquietanti e brillantemente odiosi (ma con me vincono facile, i fanatici religiosi sono una roba brutta di loro).

Per restare sempre aggiornati su Orphan Black, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Orphan Black Italia

Comments
To Top