fbpx
Once Upon a Time

Once Upon a Time: Recensione dell’episodio 4.21 – Mother

La mamma è sempre la mamma. Di mamma ce n’è una sola. Ogni scarrafone (scarafaggio) è bello a mamma sua. E via così con la sagra del proverbio low cost in offerta speciale per grandi e piccini. Un episodio che si chiami “Mother” e che ti costringa a ricordare tutti questi detti meriterebbe una attenzione particolare e magari affronterebbe il delicato rapporto amorevole e conflittuale tra una madre che indissolubilmente rimane legata alla sua prole e dei figli che quel legame arrivano a percepire come un fastidioso laccio che bisogna ad un certo punto spezzare per raggiungere una agognata indipendenza. Se non fosse che “Mother” è l’episodio 4.21 di “Once upon a time” ed allora diventa l’ennesima fiera del nonsense e dei motivi per cui questa quarta stagione segna l’insindacabile il declino di una serie che era nata come un originale modo di riscrivere le fiabe classiche immergendole in un contesto innovativo.

OnceUponATime4x21MalIl diverso modo di essere madre dovrebbe essere il leit motiv di questo episodio e madri sono tutti i personaggi intorno a cui ruotano le vicende narrate. Una madre è Maleficent che finalmente incontra la perduta Lily riportata a casa da una Emma che è riuscita a non cedere al fascino del lato oscuro della forza (e qui la citazione di Star Wars ci sta tutta) come dimostra eloquentemente il trucco e parrucco tornato in ordine (e che una serie debba affidarsi a questo per caratterizzare un personaggio la dice lunga sul livello raggiunto). A parte le mie personali difficoltà ad accettare che Maleficent continui a vestirsi in modo anacronistico senza apparente ragione (oh, de gustibus), la reunion con la ritrovata figlia segue un più che prevedibile canovaccio con la mamma adorante e la figlia recalcitrante che pensa solo alla vendetta perché in qualche modo bisogna far vedere gli effetti malefici di tutta questa presunta cattiveria che scorre nel suo sangue per colpa del duo Snow – Charming (finalmente riappacificatisi con Emma che proprio non si sopportavano più quelle scenette con la bionda che teneva il broncio). Solo che poi Kitsis e Horowitz si ricordano che “la mamma è sempre la mamma” e quindi Lily recede facilmente dai suoi fino a cinque minuti prima incrollabili propositi per accettare di prendere lezioni da mammina su come controllare la trasformazione in drago e alla fine ogni drago (o scarrafone) è bello a mamma sua. Una risoluzione fin troppo rapida di quello che doveva essere un rapporto conflittuale e che invece viene annacquato dalla fretta di schierare Maleficent dalla parte dei buoni. Non che sia molto utile, a dirla tutta, visto che si fa rubare il cuore di Belle da Will e Rumplestilskin con il trucco più banale del mondo. Oh, niente da fare, Mal è proprio la gioia di ogni ladruncolo: prima l’uovo, ora il cuore. Si vede che a fare la guardia i draghi sono peggio di un chihuahua.

OnceUponATime4x21Cora“Di mamma ce n’è una sola” dice il proverbio. “E meno male” risponderebbe Regina replicando la più abusata delle battute. Perché se la mamma è Cora di ritorno da Wonderland giusto per tirare qualche altro scherzo cattivo alla tanto adorata (si, come no, proprio, credici) figlia, molto meglio essere orfani. Il ritorno della perfida madre della fu Evil Queen (la cui vita passata finirà per esserci raccontata giorno per giorno se continuano ad abusare di questi flashback sempre sullo stesso personaggio) doveva essere, forse, nella mente del dinamico duo K&H un gradito omaggio alla serie delle origini, ma neanche per un attimo il meno scafato degli spettatori crederebbe alla sincerità di quel “sono tornata per ritrovare l’uomo della tua vita perché meriti l’amore”. Pretendere poi che Regina caschi nel trucco dello sceriffo di Nottingham vestito da cosplayer di Robin Hood è sfidare tutte le leggi della sospensione della credibilità. Come troppo arzigogolato è il piano di Cora (far diventare madre Regina per poi mettere il nipote sul trono e controllarlo a piacere) per avere qualche speranza anche remota di successo. Così come ridicolmente estrema è la scelta di Regina di bere l’anticoncezionale definitivo solo per dare un dispiacere a Cora facendo così la figura del marito che si taglia gli attributi per fare un dispetto alla moglie fedifraga. Un personaggio tanto intelligente quanto quello interpretato dalla sempre brava Lana Parrilla avrebbe fatto scelte decisamente meno stupide.

OnceUponATime4x21ZelenaMa, almeno, in quell’aneddotico passato, Regina ha seguito una strategia chiara per quanto controproducente. Invece, nel presente, non si capisce cosa voglia fare con Zelena. La rinchiude in carcere per tenerla lontana da Robin nonostante poco prima il principe dei ladri abbia ribadito ancora una volta che non può lasciare la madre del suo prossimo figlio. Perché mai poi la Wicked Witch sia tanto arrendevole e non usi alcun potere per evadere è un mistero glorioso. Come altrettanto incomprensibile è l’atteggiamento di Robin a cui non sta bene lasciare Zelena, ma va benissimo tenerla in carcere o farla spedire da Regina chissà dove sfruttando l’Autore. Si, perché Regina è riuscita laddove un moribondo (che poi, pure qui, non è chiaro che significhi che Rumple può morire, ma l’Oscuro no; decidetevi) Rumplestilskin aveva fallito. Rubata la penna magica a un Mr Gold che se la fa prendere come le caramelle ad un bambino e rapito l’Autore che cede la sua fedeltà al primo che passa, Regina ha anche ritrovato l’ingrediente finale per l’inchiostro semplicemente raccogliendo una goccia del sangue di Lily che conteneva la malvagità repressa di Emma. E quindi, di grazia, a che diamine serviva tutto il piano di Rumple di ritrovare Ursula e Cruella, resuscitare Maleficent, costringere Emma a uccidere la De Vil, convertire la salvatrice e tutto il resto appresso? Non era più semplice tornare a Storybrooke con un trucco qualsiasi, liberare l’Autore e trovare Lily? Ah, già, poi come le riempivamo 21 puntate?! Stendiamo poi un velo pietoso su Isaac (almeno non hanno chiamato Walt l’autore come si era capito all’inizio) che dovrebbe avere ora poteri immensi visto che ogni cosa che scrive si avvera, ma invece decide di tornare da Rumple perché …. perché?

“Mother” è un episodio che ti costringe alla fine a chiamare la mamma come quando da piccoli si stava male e si chiedeva “mammina, aiutami tu” ché questi ne combinano una dopo l’altra. Coraggio, figliolo, è quasi finita.

Comments
To Top