fbpx
Recensioni Serie Tv

Once Upon A Time: Recensione dell’episodio 2.11 – The Outsider

Aver promosso nel cast regular della seconda stagione una buona attrice come Emile De Ravin e non sfruttarla a dovere. Era questa una delle critiche che i fan di Once Upon a Time imputavano agli autori della serie. Dico era perché la trama principale di The Outsider ruota quasi esclusivamente intorno al personaggio di Belle, per l’appunto interpretato dalla De Ravin, protagonista sia a Storybrooke che nel mondo della Foresta Incantata.

The Outsider ha innanzitutto il pregio di approfondire il rapporto tra Belle e Tremotino rimasto per troppo tempo abbozzato, buttato lì senza dargli i giusti contorni, proprio a causa delle scarse apparizioni della De Ravin. Episode-2-11-The-Outsider-Belle-once-upon-a-time-33251923-3000-2000Tremotino e Belle sono una coppia bella da vedersi. Li unisce un rapporto particolare, ben più di una semplice coppia di amici, senza mai arrivare a far intendere che tra loro ci sia del tenero. Il vero Tremotino è quello che vediamo insieme a Belle, l’unica capace di vedere del buono in lui. Una dimostrazione che Belle riesce a placare i tormenti e la sete di vendetta di Tremotino ce la dà quando quest’ultimo si trova faccia a faccia con Hook sul vascello nascosto agli occhi degli abitanti di Storybrooke. Ma facciamo un po’ di ordine prima di ritornare a questo punto.

Tremotino ha trovato una soluzione per lasciare Storybrooke senza avere crisi d’identità. E’ risaputo ormai da tempo che chi lascia la piovosa cittadina del Maine perde qualsiasi legame col proprio passato fiabesco. Per far sì che tutto questo si avveri occorre una semplice pozione da versare su un oggetto al quale una persona è legata con affetto. Testando l’esperimento su Spugna, Tremotino può prepararsi a lasciare Storybrooke per andare alla ricerca di suo figlio ma non ha fatto i conti con lo sbarco di Hook a Storybrooke che, assetato di vendetta nei confronti dell’ex Mr. Gold, ruba l’oggetto (un grande scialle) per nasconderlo nel vascello. Un indizio porta Belle a scoprirlo e, usando un po’ di polvere, riesce a salirci sopra e ne approfitta anche per liberare il povero Archie che a Storybrooke avevano già seppellito.

Anche se l’arrivo di Tremotino sul vascello era assai scontato e prevedibile, la resa dei conti tra lui e Hook è stata il piatto forte di questo episodio con un Robert Carlyle in grande spolvero. Memorabile la scena dove Tremotino, che ha in pugno Hook, si rivolge a Belle dicendo: “Vedi, si merita di morire”. Applausi a scena aperta. Ed è proprio qui che Belle riesce a convincere Tremotino a non uccidere Hook. Lui può e deve essere diverso da come lo hanno dipinto. Tremotino, riappropriatosi dello scialle, oltrepassa la linea che separa Storybrooke dal resto del mondo. L’esperimento funziona anche su di lui che, appena messo piede dall’altra parte, si ricorda subito di Belle. Tutto è bene quel che finisce bene, ma non in questo caso. Belle viene raggiunta da un colpo di arma da fuoco da parte di Hook che la spinge insanguinata e smemorata al di là della linea. once-upon-a-time-the-outsider-hook-rumpelstiltskinMa da quelle parti probabilmente esiste una giustizia divina ed è questo che ha pensato Tremotino quando vede arrivare una macchina a tutta velocità che va ad investire Hook (uccidendolo?). L’ultima inquadratura dell’episodio è la targa di questa vettura (Pennsylvania) che ci fa tornare alla memoria una nostra vecchia conoscenza: il padre di Henry.

Di scarsa rilevanza e poco appassionante il flashback nel mondo delle favole che vede protagonista anche qui una Belle temeraria, sagace e furba che parte alla ricerca di una mostruosa creatura che terrorizza gli abitanti del paese. Nella caccia a questa specie di rinoceronte infuocato Belle s’imbatte in Mulan, a mio modo di vedere uno dei personaggi peggiori della serie. Belle riesce a ferire la bestia che scopriremo poi essere il principe Filippo caduto in una maledizione da parte della Regina Malefica. Le strade di Filippo e Mulan saranno destinate ad incrociarsi e da qui in poi la storia la sappiamo già, compresa quella della prigionia di Belle da parte di Regina.

Tirando le fila dell’episodio possiamo dire che la parte a Storybrooke batte nettamente, ancora una volta, quella dei flashback. Sarebbe un peccato dire definitivamente addio a Belle ora che con questo episodio ha espresso tutto il suo potenziale, ma l’arrivo a Storybrooke di quello che sembra a tutti gli effetti il padre di Henry ci fa ben sperare per il proseguimento della seconda metà di stagione.

Daniele Marseglia

Il cinema e le serie tv occupano gran parte della mia giornata. Nel tempo libero, vivo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio