fbpx
Once Upon a Time

Once Upon a Time – 2.07 Child of the Moon

Child of the Moon è un episodio non particolarmente interessante dal punto di vista delle due parallele avventure che questa serie sta portando avanti – la dimensione degli abitanti rinsaviti di Storybrooke ed Emma insieme a Mary Margaret nel Mondo delle Fiabe devastato dalla maledizione di Regina. Child of the Moon, settimo episodio della seconda stagione di Once Upon a Time, offre infatti allo spettatore un momento di transizione in cui si racconta ed approfondisce la storia passata di un determinato personaggio. Per quello che riguarda invece il filone narrativo principale, le uniche due note di merito sono: il ritrovamento da parte dei nani di una miniera di diamanti fatati (utili a produrre polvere magica per ravvivare il cappello rotto del Cappellaio Matto) ed Henry alle prese con strani incubi che sembrano creare una connessione tra lui e la Principessa Aurora, attualmente nella stessa dimensione di Emma e Mary Margaret.

Child of the Moon riprende quindi la storia di Ruby che, all’avvicinarsi della luna piena e del tempo dei lupi, teme la sua trasformazione in un feroce lupo assassino e la possibilità di nuocere gravemente agli abitanti di Storybrooke. Vani i tentativi di rinchiudere Ruby nella cella frigo del ristorante della Nonna, infatti, dopo la prima notte di trasformazione, Ruby sembra essere la responsabile della morte di Billy, nel Mondo delle Fiabe il topo Gus di Cenerentola mentre a Storybrooke il meccanico della cittadina.

I sensi di colpa assalgono ben presto Ruby che, nonostante la sua apparente colpevolezza, può comunque contare sull’aiuto della Nonna e di David, disposto a rinchiuderla all’interno di una cella del posto di polizia di Storybrooke e controllare così la sua trasformazione. Scopriamo ben presto che, nel Mondo delle Fiabe prima della maledizione, Cappuccetto era riuscita a trovare una pacifica convivenza con il suo essere sia lupo che umana, grazie al casuale ritrovamento della sua vera madre, a capo di un branco di uomini e donne lupo, e l’addestramento su come controllare il lupo dentro di lei e conviverci pacificamente.

E allora perché Ruby, dopo ventotto anni dall’ultima trasformazione, ha perso comunque il controllo del lupo dentro di lei? Colpa della maledizione o c’è dell’altro? A tramare alle spalle di Cappuccetto, ma soprattutto a quelle di David, è il rancoroso Re Giorgio, il commissario Albert Spencer, che – dopo aver ucciso il povero carrozziere Billy ed aver inscenato un assassinio per mano di un feroce lupo – cerca di mettere la popolazione di Storybrooke contro David, colpevole di voler proteggere Ruby/Lupo mettendo in pericolo l’intera comunità. Svelato l’intrigo e il mistero, Ruby, grazie alla fiducia di David nei suoi confronti, ritorna a controllare “la bestia dentro di lei” e ritrova la pace. Non va altrettanto bene a David che incappa ancora una volta nella vendetta di Re Giorgio, responsabile della distruzione repentina del cappello di Jefferson, unico legame con il Mondo della Fiabe in cui si trovano Emma e Mary Margaret.

Questo episodio, decisamente sommario rispetto al filone centrale degli eventi, a mio avviso, rimane comunque piacevole dal punto di vista dello spettatore solo grazie al personaggio di Ruby, uno dei pochi all’interno della serie che si distacca dalla concezione comune che tutti abbiamo dei diversi personaggi delle fiabe che popolano Once Upon a Time. Cappuccetto infatti non è un’indifesa bambinetta ma un lupo che può contare sulla sua forza quanto sulla sua bontà ed onestà d’animo, creando un tradizionale personaggio “buono” nel mondo delle fiabe ma comunque soddisfacente. Al contrario, gli eventi collaterali, trattati molto sommariamente, lasciano a desiderare.

Comments
To Top