fbpx
Attori e Attrici

Norman Reedus: le 10 cose che non sapete sull’attore di The Walking Dead

La maggior parte dei fan conosce Norman Reedus come Daryl Dixon in The Walking Dead, un personaggio che ha interpretato sin dall’inizio della serie e quello che lo ha reso famoso.

Arrivato per la prima volta a Hollywood per il suo ruolo nel film del 1999 The Boondock Saints e nel suo sequel del 2009, The Boondock Saints II: All Saints Day, Reedus da allora è apparso in numerosi progetti cinematografici e televisivi.

Sappiamo tutti che è bravissimo con una balestra e sexy anche se sporco lercio come nel suo ruolo all’interno di un’apocalisse zombie, ma forse ci sono molte cose da scoprire su questo attore.

Ecco alcune curiosità su Norman Reedus:

Norman Reedus in The Walking Dead
L’attore in The Walking Dead

E’ un artista anche fuori dal set

Norman è un artista anche nella vita privata. L’attore si dedica infatti alla pittura, scultura e fotografia tanto che alcune sue opere sono state esposte in gallerie a New York, Berlino e Francoforte. Fonte: etonline.com

Norman Reedus adora il cioccolato

Ama talmente tanto il cioccolato che mangia una barretta quasi ogni sera prima di andare a dormire. Secondo USmagazine.com oltre al cioccolato Norman adora maccheroni e formaggio.

Non si interessa di sport

Norman Reedus non segue alcuno sport e non ha squadre sportive preferite. A US Weekly l’attore ha inoltre dichiarato che una delle cose che adora maggiormente è riposare (dorme senza cuscino).

Norman Reedus insieme a Andrew Lincoln in The Walking Dead
Insieme a Andrew Lincoln in The Walking Dead

Ha un pezzo di metallo nell’occhio e quattro viti nel naso.

Secondo il sito norman-reedus.us, l’attore ha un’orbita di titanio e quattro viti nel naso a seguito di un tremendo incidente che l’ha coinvolto nel febbraio 2005 quando era in Germania per il Berlin Film Festival. Dopo esser stato scaraventato fuori dal parabrezza, l’uomo è stato ricoverato in ospedale e sottoposto a svariati interventi chirurgici. Durante un’intervista a Entertainment Weekly l’attore ha dichiarato “La mia testa era come un hamburger. Ho pensato ‘Non diventerò mai un attore, è finita’”. E’ rimasto in ospedale per molti mesi e il regista e sceneggiatore tedesco Christian Alvart è stato al suo fianco aiutandolo nelle traduzioni. I due avevano lavorato insieme per Antikörper (2005) e successivamente in Pandorum – L’universo parallelo (2009).

LEGGI ANCHE: Ride with Norman Reedus: AMC conferma l’arrivo della stagione 2

Ha lavorato in un negozio di moto

Prima di fare l’attore, Norman ha lavorato in un negozio di motociclette a Venice (California) dove guadagnava $7.50 all’ora. Fonte: etonline.com

Norman Reedus in Death Stranding
L’attore in Death Stranding

Norman Reedus è padre

L’attore è stato insieme alla top model Helena Christensen dal 1998 fino al 2003 e da questa relazione ha avuto un figlio: Mingus Lucien Reedus (nato il 13 ottobre 1999). Successivamente nel 2018 ha avuto una figlia di nome Sky con l’attrice Diane Kruger, con cui ha una relazione dal 2017.

E’ anche un regista

Norman è attore ma anche regista. Nel 2006 ha infatti scritto e diretto il film I Thought of You.

E’ un appassionato di tatuaggi

Norman ha diversi tatuaggi tra i quali uno con il nome di suo padre (anche lui Norman), un diavolo sul braccio destro, il nome del figlio sull’avambraccio destro, una stella sulla mano destra, una piccola “X” sopra la clavicola sinistra, due demoni sulla schiena, un cuore sul polso destro e un serpente sulla gamba sinistra.

E’ appassionato di film

Secondo USmagazine.com tra i suoi film preferiti ci sono Mad Max, Midnight Cowboy e Saturday Night Fever.

Norman Reedus ha lavorato come modello

L’attore ha lavorato come modello per Prada, Alessandro Dell’Acqua, D’Urban, Levi’s, Lexus, e Morgenthal Frederics.
E’ apparso anche in alcuni video musicali tra i quali “Flat Top” di Goo Goo Dolls, “Cats in the Cradl” di Ugly Kid Joe, “Mean to Me” di Tonic, “Strange Currencies” di REM, “Fake Plastic Trees” dei Radiohead, “Violently Happy” di Björk, “Wicked As It Seems” di Keith Richards, “Sun Down” di Tricky (feat. Tirzah), “Judas” di Lady Gaga, “Gypsy Woman” di Hilary Duff, “No Cities to Love” di Sleater-Kinney.
Di seguito il video clip “Judas” dove Norman Reedus veste i panni di Giuda Iscariota, mentre Lady Gaga quelli di Maria Maddalena.

Mara D.

Founder e Admin di Telefilm-Central.org. Amante delle serie tv, del cinema e dell'universo Internet :-)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button