fbpx
Serie Tv

Mindhunter 3: tutto quello che sappiamo sulla terza stagione della serie TV di Netflix

Mindhunter serial killer

Totalmente entusiasta dello show di Fincher, Netflix aveva concesso a Mindhunter due stagioni, ancora prima che alcun episodio fosse stato trasmesso.

L’emozionante e raffinato telefilm dedicato alla nascita dell’unità di analisi comportamentale dell’FBI, creata per studiare e cercare di comprendere la psicologia e i comportamenti dei criminali seriali, ha fin da subito convinto pubblico e critica con la sua impeccabile regia e l’intelligenza dei dialoghi.

E la fiducia nello show è stata pienamente confermata con una solida seconda stagione, che pur cambiando un poco la formula narrativa rispetto alla prima, ha mantenuto tutta la sua qualità.
La fine della seconda stagione ci ha lasciato con numerose domande aperte: come si comporterà Wendy? Dove sono fuggiti Nancy e Brian? E Bill riuscirà a riconquistare la loro fiducia? E Holden si è davvero liberato dei suoi attacchi di panico? Per non parlare di tutti i serial killer che ancora aspettano di essere esplorati dalla serie o che sono stati solamente accennati nelle prime due stagioni come il BTK killer.

LEGGI ANCHE: Mindhunter: Dalla teoria alla pratica – Recensione della seconda stagione

Mindhunter 3 è nel limbo

E’ di questi ultimi giorni la sconfortante notizia che Netflix ha sospeso indefinitamente la serie di Fincher.

La notizia non deve sorprendere più di tanto, considerati gli impegni attuali del regista che è tornato al cinema per realizzare il film Mank, che chissà per quanto lo terrà impegnato. Fincher sta anche lavorando alla seconda stagione di Love, Death & Robots (sempre per Netflix), e se consideriamo che gli ci vogliono almeno due anni per realizzare una stagione di Mindhunter, è facile capire come stiano le cose.

Il contratto degli attori protagonisti Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv è stato quindi lasciato scadere da Netflix che ha dichiarato:

David è concentrato sulla regia del suo primo film per Netflix, Mank, e sulla produzione della seconda stagione di Love, Death and Robots. Potrebbe ritornare a Mindhunter in futuro, ma nel frattempo non sarebbe stato giusto impedire agli attori di cercare altri lavori mentre lui si dedicava ad altro.

Questo vuol dire che non vedremo altri episodi di Mindhunter? E’ bene ricordare, che nella mente del suo creatore, Mindhunter nasceva come una serie che si articola in cinque stagioni e the tutto il cast e Netflix stessa si sono dichiarati ben disposti a continuare la serie. Ma se questo accadrà oppure no, sarà David Fincher a stabilirlo quando, conclusi i suoi impegni e ritrovata la voglia di parlare ancora di serial Killer, tornerà a rivolgersi a questa serie tanto amata.

mindhunter stagione 2
Mindhunter 3

LEGGI ANCHE: Jonathan Groff: 10 cose che non sapete sul protagonista di Mindhunter

Comments
To Top