fbpx
Recensioni Serie Tv

Merlin – 3.02 The Tears of Uther Pendragon part 2

Dopo una settimana va in onda la seconda parte della season premiere della terza stagione, abbiamo lasciato Uther sempre più debole, l’esercito di Cenred che avanzava inesorabile verso Camelot e Merlin salvato dal drago, Morgana sempre più cattiva, cosa ci aspetterà da questa seconda parte? 

La puntata si apre con il drago che spiega a Merlin che deve per forza rispondere al richiamo della voce del dragon lord, e poi iniziano a chiarirsi su vari punti, Merlin si prende le colpe per quanto successo e il drago gli dice che ha comunque avuto coraggio nelle sue scelte,  e merlin ammette che ha fatto quello che ha fatto perché pensava che fossero uguali, lui e morgana, ma ora capisce che lui non sarà mai come lei. Il drago fa  notare a Merlin che  “la tua ostinazione a vedere del buono nelle persone sarà la tua rovina, ma temo che i vostri destini ora siano uniti per sempre lei è l’oscurità contrapposta alla tua luce, l’odio contro il tuo amore.”

 

E dopo un bel volo sul drago Merlin torna a Camelot!!! Prima di andarsene il drago lo lascia con un monito “ Devi essere forte poiché il destino di Arthur ed il futuro di Albione sono nelle tue mani” (alzi la mano chi non ha pensato subito alle querce di Albion della Zimmer Bradley!)

Nel frattempo nella stanza di Uther Morgana continua con la sua opera “facciamo impazzire del tutto il Re”, compito che sta portanto avanti molto bene, l’espressione di Uther mette molta ansia anche a noi ( bravissimo Anthony), unico neo:si vede che non hanno detto a Morgana di smetterla con le sue espressioni “sono cattiva sisi lo sono tantissimo” è veramente insopportabile!qualcuno le può tirare uno schiaffo,almeno la potrebbe smettere così.

Con il ritorno di Merlin la mandragola viene subito distrutta, ma non può rivelare  ad Uther che è stata Morgana l’arteficie di tutto, come ha fatto notare Gaius, poiché il re crederebbe solo a Morgana e ci andrebbero di mezzo le vite di Merlin e Gaius.Duranto il Consiglio Arthur  decide che bisogna  prepararsi per l’assedio, nonostante non tutti siano d’accordo, ma Arthur ha preso la sua decisione e Camelot si prepara, il popolo si dovrà trasferire all’interno delle mura, e tutti dovranno essere pronti. 

Ginevra Arthur  era da un po’ che non li si vedeva interagire e quale momento migliore se no ora prima dell’assedio, mentre Arthur ha paura, infatti  le chiede cosa pensi il popolo e lei risponde che il popolo è felice che egli abbia preso il comando e che lei crede in lui più che in uther o di qualsiasi uomo, tutti ci aspetteremmo un bacio, ma per fortuna non si cade nell’ovvio vi sono solo 2 mani che si toccano, meno male!

 Mourgase per portare a termine il suo piano di distruzione di Camelot affida a Morgana  uno strano ramo (foto) intagliato nel sorbo che cresce nell’isola dei beati  e che solo le grandi sacerdotesse hanno visto e questo strumento dovrebbe guidarla ( a me sembra un piccolo bonsai senza foglie, non mi mette molta soggezione come oggetto magico e potente) e darle potere, in maniera tale da favorire l’esercito di Cenred.

 

I momenti fra Arthur e Merlin sono i miei preferiti, come avevo scritto nella scorsa recensione, ti fanno sorridere e si vede la ottima chemistry tra i due attori, ma riescono molto bene anche nei momenti seri  ed intensi, come prima della battaglia quando Merlin  lo incoraggia (dopo che era stato al capezzale del padre per promettergli che non l’avrebbe deluso) dicendogli che lui crede nel destino di Arthur, il destino di diventare il più grande re di Camelot, e che “deve solo credere in se stesso”, e ho apprezzato molto la risposta di Arthur “ci sono momenti, Merlin in cui mostri una certa, non so cosa sia, voglio dire. Non è saggezza… anche se forse Si è quella. Non essere tanto compiaciuto il resto del tempo sei un completo idiota”. Perfetta scrittura  degli sceneggiatori  che non eccedono in un senso o in un altro, perfetta.

   

La battaglia ha inizio e per fortuna non c’è il discorso di incoraggiamento ma vien solo detto “per l’amore di Camelot,”, Uther si sveglia e decide di andare in battaglia ma verrà lievemanete ferito da una freccia e sarà portato in salvo da Arthur.  L’esercito di Camelot è in ritirata su nella cittadella e come ci da notare Cenred per vincere hanno bisogno di un aiuto dall’interno e la nostra Morgana riesce a risvegliare i morti, grazie al little bonsai bella mossa, e ottimi gli effetti speciali.

 Merlin trova Morgana e i due  discutono, per fortuna lui  tiene la bocca chiusa e non rivela di avere dei poteri , l’ascolta mentre lei si definisce una outsider ( davanti a un servo, complimenti) e che soffre tanto a causa della sua natura che deve tenere nascosta e bla bla, poi, nonostate Merlin le dica che ci può essere un’altra via per risolvere le cose Morgana preferisce il duello e la spada, ma grazie ad un’abile mossa Merlin la disarmare e distrugge little bonsai. Camelot è salva.

 

La puntata termina con la vittoria di Morgana, infatti viene celebrata lei per aver distrutto il little bonsai e aver capito che dietro tutto questo c’era la magia e un aiuto dall’interno, ma non fa il nome di Merlin, astuta mossa.

Bella puntata, sono riusciti a non cadere troppo nelle ovvietà, ottima la regia, e la recitazione,  (tranne Morgana, che anche si tira su il cappuccio del mantello deve fare la faccia del son cattiva io) mi è proprio piaciuta questa seconda parte. Speriamo la stagione continui su questi livelli

 

Voto 7.5 poteva essere anche 8, ma le facce di Morgana fanno perdere almeno mezzo punto.

Serena

sin dalla tenera età davo già idea di quello che sarei diventata da grande: una divoratrice di "storie" e di sapere ed il mio peggiore nemico era la noia! Adoravo e adoro tutte le "storie", e ogni modo in cui potevano essere raccontate dai cartoni alle serie televisive, dai libri fino ai film, ad un opera d'arte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio