fbpx
News Serie TV

Mediaset premium: le 15 serie in prima tv da Settembre

mediaset-premium

Saranno ben 15 i titoli nuovi – serie inedite e new season – che la nuova Mediaset premium ha messo in cartellone a settembre, considerato il primo mese della nuova stagione tv. Praticamente un titolo nuovo ogni due giorni. Si va dalla sorprendente serie bulgara poliziesca “Undercover” (Premium Action dal 3 settembre) al drama “Chasing Life” (Premium Stories dal 4 settembre), storia di una giornalista che scopre di avere il tumore al grido di “cancer sucks”; dal poliziesco dramedy “Mysteries of Laura” (Premium Stories dal 5 settembre) che vede il ritorno di Debra Messing di “Will&Grace” nel trench della protagonista, alle spies-stories ai vertici del potere di “Allegiance” e “State of Affairs” (serata a tema su Premium Stories dal 7 settembre). Fino all’avvio di “Satisfaction” (Premium Stories dall’11 settembre), riguardante gli eventi che inducono un tranquillo investitore finanziario a diventare un gigolò dopo aver scoperto la moglie a letto con uno di loro. Senza contare, sempre a settembre, le nuove stagioni in anteprima di “The Musketeers” (la 2°, su Premium Action dal 13 settembre), “Murder in the First” (la 2°, su Premium Crime dal 16 settembre), “Orange Is The New Black” (la 3°, su Premium Stories dal 17 settembre) in accoppiata con “Shameless” (la 5°, sempre su Premium Stories dal 17 settembre subito dopo “OITNB”); “The Following” (la 3° e conclusiva, su Premium Crime dal 21 settembre), “Chicago Fire” (la 3°, su Premium Action dal 22 settembre), “Mom” (la 2°, su Joi dal 24 settembre), “Undateable” (la 2°, su Joi dal 29 settembre) e “The 100” (la 2°, su Premium Action dal 30 settembre).

Ecco in breve il palinsesto di Mediaset premium

undercover

UNDERCOVER”, IL “SERPICO” BULGARO CHE DIVENTA SPIETATO PER SOPRAVVIVERE MA S’INNAMORA DELLA FIGLIA DEL BOSS
PREMIUM ACTION, IN PRIMA TV DAL 3 SETTEMBRE, OGNI GIOVEDI’ IN PRIMA SERATA

Undercover”, la serie bulgara di detection che Premium Action trasmette in anteprima assoluta dal 3 settembre, apre la nuova stagione di Premium Mediaset all’insegna della serialità “non solo Usa”. La storia è una sorta di “Serpico” dalle parti di Sofia ai giorni nostri. L’agente speciale Martin Hristov (Ivaylo Zahariev) ha il compito d’infiltrarsi “undercover” nella gang mafiosa del boss Djaro (Mihail Bilalov). La missione non è facile: nel corso degli eventi il poliziotto deve condividere azioni criminali per non farsi smascherare e, soprattutto, deve combattere l’attrazione per Sunny (Irena Miliankova), la figlia del boss. Più Martin si dimostra violento e spietato, più diventa credibile agli occhi dei malavitosi. Più ha chance per sopravvivere. La serie, giunta in patria alla 4° stagione, si ispira a fatti di cronaca nera odierna, dalle inchieste sulla corruzione alle rapine in banca e al traffico di droga, riproducendo una realistica scala gerarchica delle gang mafiose vigenti in Bulgaria.

chasing life 101c

“CHASING LIFE”, PROMETTENTE GIORNALISTA 24ENNE CON TUMORE RISCRIVE LA SUA VITA

PREMIUM STORIES, IN PRIMA TV DAL 4 SETTEMBRE, OGNI VENERDI’ IN PRIMA SERATA

 Come sopravvivere al cancro, oltretutto scoperto in giovane età, è il messaggio di speranza e solidarietà che traspare da “Chasing Life”, in prima tv su Premium Stories dal 4 settembre (ogni venerdì in prima serata). Al grido di “Cancer sucks!”, la 24enne April Carver (Italia Ricci) è un giovane giornalista di Boston che alterna la sua vita in redazione con la madre vedova Sara (Mary Page Keller), la sorellina ribelle Brenna (Haley Ramm), nonché frequentando il collega Dominic (Richard Brancatisano). Il destino le riserva tuttavia un brutto ostacolo quando viene a scoprire dallo zio medico che ha il cancro. La serie ideata da Susanna Fogel, Joni Lefkowitz, già rinnovata per la 2° stagione, è basata sulla serie messicana “Terminales” di Ricardo Alvarez Canales. Laura Harring di “Mullholland Drive” e Edward Asner di “Lou Grant” compaiono da guest-stars. Su “Variety” Brian Lowry ha commentato: “è solo dal terzo episodio che la protagonista realizza la gravità della malattia e di come la sua vita possa e debba cambiare di fronte alla possibilità della morte. Anzi, inizia a vivere come se dovesse vivere un solo giorno. La sua prospettiva diventa intrigante, condita da una buona dose soap che non rende il tutto obbligatoriamente drammatico e fatale”.

A questo link la nostra recensione del pilot

The Mysteries of Laura

MYSTERIES OF LAURA”, IL RITORNO DI DEBRA MESSING DI “WILL&GRACE”, DETECTIVE INCASINATA DI NY

PREMIUM STORIES, IN PRIMA TV DAL 5 SETTEMBRE, OGNI SABATO IN PRIMA SERATA

Il ritorno in grande stile di Debra Messing di “Will&Grace” avviene in “Mysteries of Laura”, in prima tv su Premium Stories dal 5 settembre (ogni sabato in prima serata). Firmata da Jeff Rake, è basata sulla serie spagnola “Los misterios de Laura” di Carlos Vila e Javier Holgado, prossimamente trasposta anche nella fiction italiana “I misteri di Laura” su Canale 5 con Carlotta Natoli nel trench della protagonista. I riflettori della serie si accendono sulla doppia vita di Laura Diamond (Messing), una detective che si occupa di omicidi per il dipartimento di polizia di New York ma che deve far fronte altresì al ruolo di madre di due figli gemelli, oltre che esser sposata con il suo capo – Jake Broderick (Josh Lucas) – al quale vuole chiedere il divorzio. La firma DOC di Greg Berlanti (“Arrow”, “The Flash”) compare tra i produttori esecutivi della serie già rinnovata per la 2° stagione, nonché candidata agli ultimi People’s Choice Awards nella categoria “Favorite New Tv Comedy”. Anche McG, già dietro i successi di “The OC” e “Chuck”, contribuisce alla produzione e alla regia. Imperdibile la 16° puntata, dove Messing si riunisce con il collega Eric McCormack di “Will&Grace” sullo stesso set! Prima della Messing, la produzione aveva pensato a Demi Moore e Felicity Huffman per il ruolo della protagonista. Kelly Rutherford, Steve Guttenberg, Melissa Joan Hart e Janel Parrish sfilano da guest-stars. Brian Lowry su “Variety” ha commentato l’avvento della serie con “è come se ‘Colombo’ si fosse messo una parrucca rossa!”.

Allegiance - Mediaset Premium

ALLEGIANCE”, UNA FAMIGLIA E’ UNA CELLULA DORMIENTE RUSSA IN AMERICA. UNO DI LORO NON LO SA E LAVORA ALLA CIA!

PREMIUM STORIES, IN PRIMA TV DAL 7 SETTEMBRE, OGNI LUNEDI’ IN PRIMA SERATA

Allegiance”, in prima tv su Premium Stories dal 7 settembre (ogni lunedì in prima serata), è l’ultima serie spionistica tra le tante tratte da un format israeliano dove “Homeland” è stata la capostipite. Il serial in questione prende spunto da “Ta Gordin” di Ron Leshem. Una cellula dormiente russa è formata da una famiglia in cui un membro di loro è all’oscuro delle reali intenzioni dei parenti stretti e, oltretutto, costui lavora alla CIA. Katya O’Connor (Hope Davis) è una spia russa ritiratasi dall’attività; suo padre, generale del KGB, l’ha reclutata all’età di 17 anni. Mark O’Connor (Scott Cohen) è un uomo d’affari americano assoldato in segreto da Katya per attività spionistiche sovietiche. Alex O’Connor (Gavin Stenhouse) è un analista della CIA all’oscuro delle trame spionistiche della sua famiglia. Natalie O’Connor (Margarita Levieva) è impiegata da quando ha 20 anni presso il SVR (Sluzhba Vneshney Rrazvedki), il servizio segreto russo. Originariamente la serie si sarebbe dovuta intitolare “Coercion”. La scritta in russo che compare nella sigla iniziale, più che “Allegiance”, significa letteralmente “Devotion”. Le riprese sono avvenute tra Philadelphia e New York. Giancarlo Esposito, volto noto lanciato da Spike Lee nei suoi film, recentemente in tv con “Breaking Bad”, “Revolution” e “Once Upon A Time”, sfila con ben 3 identità diverse. Brian Lowry su “Variety” ha fatto notare: “rispetto a ‘The Americans’ le vicende si attualizzano e il racconto viaggia costantemente e pericolosamente su due binari, quello spionistico e quello familiare. Come riesca a funzionare la bilancia tra i due pesi, risulta determinante per il buon impasto. Più interessante, forse, il focus sugli strascichi lasciati dall’ex KGB sul nuovo SVR, visti con gli occhi degli americani”.

State of Affairs - Mediaset Premium

STATE OF AFFAIRS”, KATHERINE HEIGL ALLA CASA BIANCA!

PREMIUM STORIES, IN PRIMA TV DAL 7 SETTEMBRE, OGNI LUNEDI’ IN PRIMA SERATA

Katherine Heigl, la Izzy di “Grey’s Anatomy”, lascia l’ospedale e si trasferisce alla Casa Bianca. L’attrice si è infatti profusa anima e corpo nel progetto “State of Affairs” (in prima tv su Premium Stories dal 7 settembre, ogni lunedì in prima serata dopo “Allegiance”): oltre ad esserne la protagonista, Heigl firma la serie da produttore esecutivo. Charleston “Charlie” Tucker (Heigl) è una delle migliori analiste della CIA e il suo compito principale è dare le giuste priorità alle crisi internazionali che il Presidente degli Stati Uniti Constance Payton (Alfre Woodard) deve affrontare. Oltre ad essere a capo di un team di persone specializzate al servizio dell’uomo più potente della Terra, Charlie condivide un altro tipo di relazione con il Presidente: era infatti la fidanzata di suo figlio, ucciso tragicamente in un attacco terroristico. Sopravvissuta a quello stesso attacco, Charlie appare assai determinata a punire i responsabili. Nella ricerca della verità sull’omicidio dell’amato, la nostra viene a conoscenza di uno scioccante mistero…La puntata-pilota è stata girata a New York, le restanti a Los Angeles. Rumors da gossip: lo showrunner iniziale del serial, Ed Bernero, è stato allontanato per via di “differenze creative” con Heigl (in realtà sarebbe stato individuato quale responsabile delle riprese, in sede di montaggio, dove la Heigl appare…troppo “culona”). La serie è ideata da Alexi Hawley, già dietro le quinte di “Castle”, “The Following”, “Body of Proof”. Oltre la Heigl, tra i produttori compare anche sua mamma, Nancy, che le fa oltretutto da agente. Adam Arkin sfila tra i volti noti. “La serie si poggia sull’appeal della Heigl – ha commentato Brian Lowry su ‘Variety’ – risultando perfetta per il ruolo da protagonista. Per quanto riguarda la sceneggiatura, il più delle volte gli intrighi internazionali sono più interessanti delle vicende sentimentali”.

 

Satisfaction - Pilot

SATISFACTION”, MARITO SCOPRE LA MOGLIE A LETTO CON L’AMANTE A PAGAMENTO E DIVENTA GIGOLO’

PREMIUM STORIES, IN PRIMA TV DALL’11 SETTEMBRE, OGNI VENERDI’ PRIMA SERATA

Tornare a casa anzitempo – eventualità da evitare per qualsiasi consorte – e trovare la moglie a letto con un altro. Ma non uno qualsiasi: un gigolò. Nella colluttazione che ne consegue, il cornuto si ritrova in mano il cellulare dell’uomo dispensa-piacere e decide di assumerne la…professione. “Satisfaction”, in prima tv su Premium Stories dall’11 settembre (ogni venerdì in prima serata), è tra le serie-sorpresa della stagione (tant’è che è stata già rinnovata per la 2° stagione). L’agente di cambio Neil Truman (Matt Passmore) intraprende una vita parallela di incontri e appuntamenti all’insaputa della moglie Grace (Stephanie Szostak) che lo inducono a ripensare al futuro del matrimonio. La serie è ideata da Sean Jablonski, già dietro le quinte di “Law&Order”, “Nip/Tuck” e “Suits”. Michael Vartan è guest-star. Le riprese sono avvenute ad Atlanta. Su “Variety” Brian Lowry ha chiosato: “la serie è interessante dal punto di vista narrativo, nell’introspezione dei personaggi degna di ‘American Beauty’, come quando il protagonista, scoperto il tradimento, giustifica la sua nuova vita da gigolò con ‘volevo scoprire cosa non andasse in me’, come se gli appuntamenti per far sesso fossero una sorta di terapia…”.

A questo link la recensione del pilot

 

Via comunicato stampa

Comments
To Top