fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

Masters of Sex: Recensione episodio 2.04 -Dirty Jobs

Simone de Beauvoir diceva che la donna, qualsiasi scelta di vita faccia, si sentirà sempre in colpa per non aver intrapreso una strada diversa; se preferirà i figli alla carriera rimpiangerà di averlo fatto e viceversa. Non mi perderò nella citazione di facile di qualche canzone della Mannoia, ma voglio sottolineare come l’essere femmina sia un poliedro di emozioni e stati mentali di difficile definizione e comprensione (e non solo da parte del mondo maschile). E questo piccolo rimando letterario mi è venuto subito alla mente una volta conclusosi l’ultimo episodio di Masters of sex, Dirty Jobs. Sappiamo benissimo che questa serie si è fatta più volte portatrice del tema della donna e della sua storia di rivalsa, ma mai come in questo episodio appare chiaro quanto il passato rispecchi e descriva il futuro, e quanto nonostante tutti gli anni che separano noi dalle vicende narrate siamo un po’ tutte o Virginia o Betty o Lillian.

Certo le cose sono cambiate (o quasi) dagli anni 50 ma il sentirsi donna no. Virginia come molte di noi è in bilico tra il voler masters of sex 2.04riuscire nel lavoro, in quello che ha scoperto essere la sua passione, la sua vita e il riuscire a mantenere sé stessa e i due figli. Vuole mostrarsi indipendente, perché è conscia delle sue potenzialità e di quanto vale, ma teme di essere ricordata per sempre come la “mistress” di Bill Masters e niente più. Il suo nome è sullo studio e lei forse per ingenuità, forse perché è davvero innamorata di Bill, ha lasciato tante cose per seguirlo. Come molte di noi, Virginia fa del suo stesso sesso il primo nemico; infatti, preferisce mentire alla donna che dopotutto le ha dato un lavoro e che ha lasciato che la vedesse fragile come non mai, tutto questo perché non si fida e prova vergogna per quello che è divenuto il suo rapporto con Bill, ha paura di essere giudicata da chi forse potrebbe capirla meglio. Virginia è determinata a farcela da sola, a fingere di stare bene di sentirsi bellissima per vendere qualche dimagrante pur di non dover dipendere dal nome di nessuno.

Betty invece è distaccata dal sentire umano, cammina a gambe larghe coperta da pellicce e cappellini incurante di chi la osserva e delle suppliche di Bill che non vuole più fingere l’impossibile. La vediamo recitare il ruolo della sbruffona, della senza paura che non si scompone neanche davanti al marito in lacrime alla notizia della sua sterilità eppure improvvisamente cede. Lascia cadere tutta la maschera dal viso e smette di fingere nel momento in cui la situazione volge più a suo favore. Avrebbe potuto dissuadere il marito e invece non lo fa, stanca di una sé stessa che non riconosce e che il suo sposo conosce meglio di quanto creda. Come molte di noi non può più nascondersi dietro l’apatia e la non volontà di soffrire per quello che le è successo e decide di farlo scegliendo come sempre, il momento sbagliato. La scena dei due a tavola è toccante, ed è impressionante l’improvviso cambio di espressione della Ashford capace di passare dal comico al drammatico in due secondi.

masters of sex 2x04Ed infine Lillian, una dottoressa che vive del suo lavoro ma che come accade non può più proseguirlo a causa di una forza maggiora, in questo caso il cancro. Si ritrova sola, con la sua ricerca tra le mani che spera di poter affidare alla donna su cui ha fatto affidamento e che l’ha sostenuta durante la malattia, ma che si rivela una delusione ancora più grande. Lillian scopre che Virginia non ha abbandonato lo studio con Masters e che non vuole neanche confidarsi con lei. La delusione della migliore amica è una cicatrice che abbiamo tutte e in questo caso, è causa della resa della dottoressa che preferisce vedere il suo studio portare il nome di un altro dottore piuttosto ché affidarlo a Ginny.

Siamo donne e siamo madri, questo sembra voler urlare Libbie al marito ogni volta che torna a casa. La signora Masters deve fare i conti con le insicurezze e le paure di essere genitore e deve farlo da sola; bastano i pidocchi a mandarla nel panico a far vacillare la sua piccola autostima ed il licenziamento di Bill  a farla scoppiare. Nervosa, stressata e profondamente sola Libbie cerca alleati nelle poche donne che le passano accanto, ma nel modo sbagliato fingendo di essere una stupida con le mogli dei colleghi del marito e trattando come una bestia la povera babysitter.

Siamo tutte presenti in questo episodio, nessun aspetto del nostro essere manca all’appello. Dopo l’episodio masters of sexclaustrofobico (in senso positivo) della scorsa settimana, che io ho adorato, Masters of sex ritorna ha dare respiro alla sua storia e ai suoi personaggi, senza però far passare quello che è successo la settimana passata senza conseguenze ma allargandole e adattandole alla realtà corale della serie. Bill ha un nuovo ospedale, Virginia è determinata a non essere solo un’amante, e noi aspettiamo pazientemente altri sette giorni per sapere come faranno a portare a termine lo studio.

Good Luck Ladies!!

Valutazione Globale

Donna

Valutazione Globale

User Rating: 4.28 ( 2 votes)

La_Seria_

Studentessa universitaria, persa nella sua Firenze,sfoga lo stress da esame nello streaming selvaggio, adora le serie crime e fantasy lasciandosi trasportare a tratti dai teen drama. Cerca ancora di capire perchè le piace la pioggia incessante

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button