Lucifer

Lucifer: L’irresistibile fascino del diavolo. Recensione della seconda stagione

Tom Ellis

Diciamocelo chiaramente: all’inizio di questa serie tv c’erano tutte le premesse perchè scadesse in un prodotto banale, sempliciotto. Più semplicemente avevamo bisogno di essere convinti che una serie tv su Lucifer che vive a Los Angeles con gli umani, gira in una decapottabile e suona il pianoforte in un locale di sua proprietà intitolato (ironicamente) Lux fosse anche solo minimamente convincente. Dopo due stagioni (e una terza in arrivo), è chiaro che il fascino dell’Angelo Caduto non solo ha saputo toccare le corde giuste ma ha saputo intrattenere il pubblico ben oltre le aspettative.

Se la prima stagione di Lucifer aveva avuto lo scopo di introdurre le dinamiche tra i protagonisti, sottolineando con tratti marcati la sfravillante personalità di Lucifero e del suo interprete, Tom Ellis, la seconda stagione ha iniziato a ragionare con un’ottica più metodica. Il primo elemento che ha contribuito a ravvivare le vite di Lucifero e Amenadiel a Los Angeles è stato senz’altro l’arrivo della divina mamma. Fornire una figura materna a due angeli “grandi e grossi” è stato un azzardo. Uno che, tuttavia, si è rivelato la scelta vincente, dal momento che la dinamica introdotta da Charlotte Richards (Tricia Helfer) non ha fatto altro che ampliare la già ricca gamma di sfaccettature di un personaggio come Lucifero.

Una seconda stagione “casalinga”, con Mamma Morningstar in visita

lucifer trixie

La seconda stagione, se così la si vuol definire, è stata più “casalinga”. Oltre ad esplorare ulteriormente il rapporto tra Lucifero e Amenadiel, abbiamo visto il re degli Inferi uccidere il suo stesso fratello – Uriel – in modo da poter proteggere Chloe. Amenadiel, a sua volta, ha esplorato la carnalità di una relazione con Maze. Possiamo tranquillamente dire che i personaggi ancora acerbi hanno trovato una loro tridimensionalità in questi diciotto episodi. Molti hanno scoperto fin dove sarebbero disposti a spingersi per difendere le persone che amano, altri hanno capito che la famiglia non è solo quella su carta ma è quella che scegli e che sceglie tu. Se la lealtà di Maze per il suo padrone non aveva mai vacillato il passato, in questi 18 episodi ha fatto i suoi primi incerti passi da persona indipendente e libera dalla sua influenza. 

In particolare un rapporto che ha sicuramente fatto scintille è stato quello di Maze e Linda. Le due hanno stretto un’amicizia davvero autentica, una in cui Maze non sempre è stata costretta a nascondere ciò che era. Ha trovato qualcuno – oltre Lucifer – che possa accettarla per quello che è. La supplica che ha rivolto ad Amenadiel, nell’ultimo episodio, quando Linda è in fin di vita, è un chiaro esempio di quanto la dottoressa significhi per lei. Altrettanto piacevole l’interazione di Maze con Chloe e la piccola Trixie, inclusa molto più del solito nell’azione – come nell’episodio Deceptive Little Parasite, in cui Lucifer la coinvolge in un caso spacciandola per sua figlia.

A ciascuno la sua storia, a ciascuno il proprio “momento di gloria”

lucifer maze

Difficile trovare un personaggio dimenticato o trascurato in questa stagione. Ognuno ha avuto il suo momento di gloria, ognuno ha avuto modo di essere al centro di qualcosa di interessante. Amenadiel ha salvato Lucifero e ha protetto Chloe quando il fratello gliel’ha chiesto; Charlotte ha avuto una relazione con Dan; abbiamo già parlato di Maze, naturalmente, ma anche Linda si è data da fare, entrando di diritto nel “club degli angeli ed essere sovrannaturali di Los Angeles”. Quella che forse è stata meno interessante è stata proprio Chloe, il cui ruolo ha avuto meno margine di movimento rispetto alla scorsa stagione. L’avere tanti personaggi e tutti parimenti importanti ha reso quasi imperativo trascurarne qualcuno la cui storia e personalità aveva già avuto sufficiente peso.

Questo non sminuisce, certo, la storia di Chloe e Lucifer. Ci provano, questo glielosi può concedere, ma come necessariamente accade quando una coppia sta per tagliare il traguardo dell’happy ending, il momento rose e fiori viene rimandato. Per fortuna, dato che abbiamo modo di goderci la finta-moglie dell’angelo caduto nell’episodio Candy MorningstarE’ evidente come gli sceneggiatori non vogliano sprecare una storia d’amore con il rischio di trasformare – in negativo – un personaggio accattivante. Per intenderci, non vogliono che Chloe abbia l’effetto “Elena Gilbert” su Lucifer. In questa equazione Lucifer sarebbe Damon, per intenderci. 

Episodi interessanti per una seconda stagione coinvolgente e divertente

lucifer chloe

La caratterizzazione dei personaggi è seguita da una buona dinamica procedurale, che permette alla serie di ingranare una marcia giusta e un ritmo adatto. Un ritmo che scandisce episodio dopo episodio. Quasi tutti, infatti, sono particolari e memorabili a modo loro. Non possiamo certo dimenticare l’episodio in cui Lucifer torna volontariamente all’inferno, scegliendo di morire nel processo e farsi riportare in vita dalla povera Linda. Così come non possiamo trattenere un sorriso ripensando a God Johnson ed alla figura di Dio che, fino alla fine, non riusciamo a collocare nel divino o nella pura (e più semplice) follia di un istituto mentale. Dalla già citata Candy Morningstar a Monster, in cui finalmente Lucifer si decide a mostrare il suo vero volto alla dott.ssa Linda.

Malgrado sembri d’obbligo il momento del canonico “però”, la verità è che Lucifer riesce a regalare al pubblico – vuoi per i motivi sovracitati, vuoi semplicemente per il fascino di Tom Ellis – episodio dopo episodio, un prodotto accattivante e mai eccessivo. Il fascino del protagonista viene circondato da una sfera di personaggi e situazioni che rendono difficile distogliere l’attenzione dallo schermo. Con questo non parliamo di una serie tv dalla superba fotografia o dalla regia innovativa. La forza di Lucifer non è mai stata nè mai sarà nel suo involucro bensì nel suo contenuto. Per adesso, posso tranquillamente affermare che il contenuto è più che sufficiente.

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

Lucifer - Stagione 2
  • Accattivante
Sending
User Review
4.73 (15 votes)
Comments
To Top