fbpx

Life on Mars – Episodi Stagione 1

 

Guida Episodi Prima Stagione

Interamente curata da Valentina Cappelletti



UK
dal 9 Gennaio 2006
ITALIA
dal 7 Giugno 2009

 


Titolo originale: Episode 1
Data di trasmissione UK
: 9 gennaio 2006 su BBC One
Data di trasmissione in Italia
: 7 giugno 2009 su Raidue
Scritto da
: Matthew Graham, Tony Jordan e Ashley Pharoah
Diretto da
: Bharat Nalluri

Trama: Sam Tyler e Maya Daniels sono due detective di Manchester che stanno indagando su un serial killer. Il sospettato, Colin Raimes viene interrogato ma l’avvocato difensore riesce a provare che l’uomo, per la sera dell’omicidio, aveva un alibi e viene rilasciato. Maya però decide di seguire Raimes senza il collega e viene rapita. Sam si precipita sul luogo della sparizione e trova la camicia della detective, abbandonata su un’altalena, sporca di sangue; rimasto scosso, viene investito da un’auto e resta sull’asfalto. Si risveglia in un luogo diverso da dove si trovava prima, il modello della sua automobile è cambiato e anche gli abiti che indossa non sono gli stessi che aveva poco prima. Il detective torna alla centrale di polizia e la trova completamente cambiata così come diversi sono i suoi colleghi e il capo: Gene Hunt, un tipo molto arrogante e pieno di sé (con cui Sam spesso si troverà in conflitto). Sam cerca invano di mettersi in contatto con il cellulare di Maya chiedendo al centralino di rintracciare il numero di telefono della collega ma la centralinista lo tratta in malo modo credendo che si tratti di uno scherzo, infatti lei non sa cosa sia un telefono cellulare. Sam viene a sapere che si trova nell’anno 1973, questa notizia lo sconvolge a tal punto che deve ricorrere alle cure della poliziotta Annie Cartwright (l’unica alla quale il detective confiderà di appartenere a un’altra epoca suscitando in lei grande perplessità). Sam comincia ad avere allucinazioni uditive: sente il rumore di un defibrillatore e la voce di un dottore che parla di lui e del suo stato. Una notte, svegliatosi di soprassalto, vede in televisione un dottore che sta parlando proprio di lui e del suo stato di coma, ma è solo un sogno.

Alla centrale, i colleghi parlano del ritrovamento del cadavere di una ragazza scomparsa due giorni fa. Hunt affida a Sam le indagini ma il detective si accorge ben presto che i mezzi della polizia sono assai limitati, essendo negli anni ’70. Tuttavia riesce a trovare delle fibre sintetiche sotto le unghie della ragazza uccisa e quelle lo portano ad arrivare fino all’assassino che è il vicino di Colin Raimes, il sospettato di Sam nel 2006.

Curiosità:

  • Life on Mars è composta da due stagioni, questa che viene mandata in onda da Raidue è la serie inglese andata in onda nel 2006, che ha vinto un Emmy Award come miglior serie drammatica internazionale. Esiste anche un remake americano che va in onda su Fox.
  • Nell’episodio viene mostrato un iPod nella macchina di Sam poco prima che lui venga investito, la canzone che viene trasmessa è Life on Mars di David Bowie che dà il titolo alla serie.
  • L’attrice Archie Panjabi, che nella serie interpreta Maya Daniels, ha recitato nel film A Mighty Heart al fianco di Angelina Jolie e Dan Futterman.
  • Ogni puntata inizia con la voce di Sam che dice: <<Mi chiamo Sam Tyler, ho avuto un incidente e mi sono svegliato nel 1973. Sono impazzito, sono in coma o sono tornato indietro nel tempo. Qualunque cosa dia accaduta è come se fossi atterrato su un altro pianeta. Forse se riesco a capirne la ragione riuscirò a tornare a casa>>.
  • Da Life on Mars è nato Ashes to ashes, ambientato nel 1980, con protagonista l’ispettore Gene Hunt.

 


Titolo originale: Episode 2

Data di trasmissione UK: 16 gennaio 2006 su BBC One

Data di trasmissione in Italia: 14 giugno 2009 su Raidue

Scritto da: Matthew Graham, Tony Jordan e Ashley Pharoah

Diretto da: Bharat Nalluri

Trama: Nonostante sia ancora incapace di capire come sia finito nel 1973, Sam si rende conto che l’unica cosa che può fare è aiutare i suoi colleghi. Il detective si accorge che il capo Gene Hunt vuole fabbricare delle false prove, in mancanza di quelle vere, per trattenere in arresto Kim Trent, un famoso ladro. Sam si oppone e fa in modo che Kim venga rilasciato. Poco dopo il gruppo capitanato da Trent compie una rapina in una banca, Hunt e Sam si precipitano sul posto e sono coinvolti in una sparatoria con i ladri, nel corso della quale resta gravemente ferita una collega. Unendo le sue capacità investigative con le tecniche poco ortodosse di Hunt, Sam riesce a incastrare Kim e la sua gang, grazie anche alla testimonianza di un ragazzo sordo che aveva assistito in prima persona alla sparatoria e aveva visto Trent in volto. Intanto le allucinazioni uditive e visive continuano: a Sam appare la bambina con il pupazzo che è raffigurata sullo schermo della televisione quando le trasmissioni finiscono, che gli parla del suo stato di coma.

Curiosità:

  • Quando Kim Trent viene arrestato, Sam chiede che non sia messo nella cella che ha un odore insopportabile, alla risposta negativa di Hunt, il detective cita la prigione di Guantanamo.
  • Sam va a trovare in ospedale la collega rimasta ferita durante la sparatoria e qui ha un battibecco con Hunt. I due arrivano alle mani e durante il combattimento Sam fa una serie di mosse con le mani che ricordano il film Matrix.
  • Sam riesce a convincere il ragazzo sordo a recarsi alla centrale per riconoscere il ladro che ha visto in volto. Il detective lo rassicura sul fatto che non dovrà temere perché il ragazzo sarà protetto da un vetro speciale che gli permetterà di non essere visto. Solo che Sam si dimentica che sono negli anni ’70 e poco dopo il ragazzo si trova faccia a faccia con i malviventi.
  • Alla fine dell’episodio Hunt attacca nel suo ufficio un poster del film Il buono, il brutto e il cattivo diretto da Sergio Leone nel 1966.

Titolo originale: Episode 3

Data di trasmissione UK: 23 gennaio 2006 su BBC One

Data di trasmissione in Italia: 22 giugno 2009 su Raidue

Scritto da: Matthew Graham, Tony Jordan e Ashley Pharoah

Diretto da: Bharat Nalluri

Trama: Sam viene chiamato a indagare sulla morte di uno dei lavoratori di una fabbrica tessile che di lì a poco avrebbe chiuso per fare posto alla costruzione di appartamenti. Sam si accorge con stupore che la fabbrica si trova nella zona dove sorgerà il suo appartamento nel 2006. Per il capo, il colpevole c’è già, è Derek Bannister, un sindacalista che ha organizzato uno sciopero contro la chiusura della fabbrica e che Hunt spinge alla confessione. Bannister avrebbe ucciso l’uomo perché intenzionato a chiudere la fabbrica. Tuttavia le prove a carico dell’uomo non sono sufficienti e Sam si batte perché le indagini continuino con gli interrogatori di tutti i dipendenti. Alla fine il detective scoprirà che non si è trattato di un omicidio ma di un incidente, l’uomo è morto perché una delle fibbie del macchinario con il quale lavorava si è staccata e lo ha colpito. Intanto però, il figlio di Bannister, insieme ad altri lavoratori della fabbrica ha deciso di rubare l’incasso, ma devono fare i conti con Sam e gli altri colleghi che li fermano. Alla fine i poliziotti si ritrovano tutti al bar per festeggiare la risoluzione del caso.

Curiosità:

  • Uno degli operai che protestano davanti alla fabbrica è il padre di John Simms interprete di Sam Tyler.
  • Quando Sam e gli altri poliziotti si preparano per andare nella fabbrica dove sta per avvenire il colpo, uno dei poliziotti chiede al detective se sappia sparare e lui risponde: <<dovresti vedere il mio punteggio sulla Play (Station n.d.r.)>>, ma il poliziotto non conosce la consolle perché ancora non

Titolo originale: Episode 4

Data di trasmissione UK: 30 gennaio 2006 su BBC One

Data di trasmissione in Italia: 28 giugno 2009 su Raidue

Scritto da: Matthew Graham, Tony Jordan e Ashley Pharoah

Diretto da: Bharat Nalluri

Trama: Sam arresta uno degli scagnozzi di Stephen Warren, un gangster molto conosciuto in città. Il detective scopre con grande sorpresa che molti dei colleghi poliziotti ricevono mazzette da Warren in cambio di favori. Sam cerca di incastrare il gangster ma i colleghi, compreso il capo Hunt, non sono molto d’accordo. Intanto Sam sente la voce della madre che gli parla: è vicino al capezzale del figlio che è ancora in coma. Questo induce il detective a recarsi nella sua vecchia casa per incontrare la madre ancora giovanissima. Per Sam è una strana sensazione trovarsi a parlare con la madre, che gli racconta del figlio (Sam da piccolo) e del padre. Mentre i due stanno parlano entra nell’abitazione uno degli scagnozzi di Warren che chiede il pagamento dell’affitto, ma la donna non possiede i soldi. Sam lo manda via in malo modo ed è sempre più convinto di voler porre fine alla vicenda. Più tardi Joannie, una delle ballerine del locale gestito da Warren, si reca alla centrale e chiede di parlare con Sam. La ragazza gli dice che lei è minacciata dal gangster e chiede al detective di aiutarla perché sa che lui è l’unico a non essere corrotto in quella centrale di polizia. Chiede a Sam di ospitarla a casa sua per una notte, per poter fuggire il mattino dopo. Sam accetta, ma si tratta di una trappola orchestrata da Warren, infatti il detective durante il sonno viene legato al letto dalla ragazza, spogliato e fotografato. Le foto verranno usate da Warren se Sam deciderà di ribellarsi. Il detective si reca nel locale di Warren e sfoga tutta la sua rabbia verso la ragazza che, pentita, decide di incontrare di nuovo Sam e in sua presenza brucia i negativi delle foto, per poi rivelare che il giorno dopo sarebbe partita con la madre. Ma la ragazza viene uccisa proprio da Warren, è uno degli scagnozzi del gangster a rivelarlo a Sam e Hunt che riescono a estorcergli una confessione. I due quindi si recano dal gangster per arrestarlo. Alla fine tutti i poliziotti si congratulano con Sam per il suo coraggio.

Curiosità:

  • Sam sta cenando a casa sua con Joannie, la ballerina del locale di Warren. Lui le ha preparato un piatto messicano e lei dopo averlo assaggiato commenta: <<questo è davvero delizioso, da Gambero Rosso>>. Nella versione inglese la ragazza dice: <<questo è davvero delizioso, da Galloping Gourmet>>. Il Galloping Gourmet è stato uno dei primi show sulla cucina, molto famoso in Inghilterra, che andò in onda dal 1968 fino a metà degli anni ’70. Nella traduzione italiana citare il Gambero Rosso è un errore perché questa rivista culinaria nasce nel 1986 ed era impossibile che Joannie ne fosse a conoscenza perché ancora non esisteva.

 


Titolo originale: Episode 5

Data di trasmissione UK: 6 febbraio 2006 su BBC One

Data di trasmissione in Italia: 29 giugno 2009 su Raidue

Scritto da: Matthew Graham, Tony Jordan e Ashley Pharoah

Diretto da: Bharat Nalluri

Trama: Un uomo viene assassinato. Vicino al corpo, Sam e colleghi trovano la sciarpa della squadra del Manchester United, pochi giorni dopo si sarebbe tenuto il derby con il Manchester City. Il detective è costretto a dare la brutta notizia al figlio e alla moglie dell’uomo assassinato. Il ragazzo andava sempre allo stadio con il padre e Sam si rende conto che quel derby è stato l’ultima partita di calcio che ha visto con il padre. Alla centrale della polizia temono che questo omicidio possa causare un’ondata di violenza tra tifosi. Per Hunt la morte dell’uomo è legata al calcio: pensa che sia stato un tifoso del Manchester City, Sam invece pensa che sia stato un regolamento di conti interno alla squadra visto che poco prima della morte l’uomo era uscito dal Tafford Arms, pub sportivo della squadra del Manchester United, insieme a un’altra persona. Perciò il detective organizza un’operazione sotto copertura e con Hunt e Annie si spacciano per barman del Tafford Arms. Sam scopre che stanno organizzando uno scontro con i supporter del Manchester City per il giorno del derby.

Recatosi dal figlio dell’uomo assassinato scopre che la sciarpa che aveva l’uomo non era sua perché la sua l’ha il figlio, quindi grazie all’aiuto di Annie che riconosce l’odore del dopobarba sulla sciarpa e alla ferita ritrovata sul corpo dell’uomo, Sam scopre che l’omicidio è stato commesso da un tifoso del Mancherster United con l’intento di sollevare i supporter contro quelli del City. Sam arresta il colpevole non prima di avergli detto che il calcio non è violenza e che persone come lui non devono avere niente a che fare con lo sport.

Curiosità:

  • Mentre sono al Tafford Arms Annie sta parlando con Sam riguardo all’uomo ucciso e lo paragona a San Francesco d’Assisi perché tutti gli volevano bene e lui non aveva nessun nemico.

 

 

 

Maura Pistello

Fondatore/ Admin Giornalista pubblicista Serie tv dipendente, accanita lettrice, amante del cinema e dell'arte

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio