fbpx

Kevin Williamson: voglio vampirizzare Taylor Swift

Di seguito un’intervista pubblicata sul NYPost.com di Jarett Wieselman a Kevin Williamson, ideatore della serie “The Vampire Diaries”.
Con “Vampire Diaries”, Kevin Williamson ha voluto prendere alcune caratteristice dai suoi precedenti progetti (Scream, Dawson’s Creek…) e mischiarle tra loro per realizzare una serie televisiva intelligente, paurosa, ditruggi-nervi e divertente allo stesso tempo. Ho incontrato Kevin e gli ho chiesto se la scia di morte a Mystic Falls continuerà a crescere, quale personaggio – tra quelli sino ad ora incontrati e ideati – è il suo preferito e se c’è qualche personaggio che potrebbe richiamare alcuni suoi personaggi/attori passati (Katie, Neve…)

“Vampire Diaries” sembra un prodotto che mescola perfettamente tutto ciò che hai imparato con “Dawson’s Creek” e “Scream”.
Kevin Williamson: E’ assolutamente un mix tra due dei miei progetti del passato. C’è molto cuore come l’aveva “Dawson’s Creek” ma siamo lontani dal chiacchiericcio spicologico tipico di quel teen drama. Stiamo solamente cercando di scrivere divertenti personaggi rimanendo fedeli il più possibile al libro.  Ma questo è tutto ciò che ho sempre adorato nella scrittura dei teen drama e dei miei film horror: cercare di fare fare il più possibile rimanendo sempre coerenti al prodotto originale.

Sebbene tu stia cercando di rimanere fedele ai libri, pensi di essere andato in una direzione che non aspettavi di intraprendere in questa stagione?
Kevin: abbiamo preso in prestito qualche momento tipico dai libri e li abbiamo ampliati prendendo spunto dalla mitologia di altri libri. Ma sappiamo dove deve finire la prima stagione; so già l’ultima sequenza, conosco già i grandi momenti della seconda stagione e la storia principale che dovremo sviluppare. Nonostante ciò, non abbiamo ancora “prenotato” i prossimi 22 episodi. Abbiamo ancora la necessità di pianificare alcuni cambiamenti all’ultimo minuto. Comunque se hai letto i libri, sapevi già che avremmo ucciso l’allenatore Tanner ma relativamente all’uccisione di Vicki durante Halloween, la scena è stata diversa perchè il suo personaggio, nella saga letteraria, non è morto.

Kayla Ewell ha dichiarato che il personaggio di Vicki potrebbe tornare. E’ vero?
Kevin: No. Il suo personaggio è veramente andato, non abbiamo piani per farla tornare.

I fans possono respirare e prendersi un momento di calma oppure dovrebbero essere preoccupati per qualche altra morte pianificata a breve?
Kevin: Nessuno è al sicuro nel nostro show e abbiamo piani per uccidere altri personaggi ma questo è la natura imprevedibile dello show. Spero che quando uccideremo un altro personaggio, questo momento sia accettabile e soddisfacente in modo che l’audience non dica “Ti odiamo ora.” Non vogliamo essere odiati, vogliamo sorprendere sempre.

Damon è il tuo personaggio preferito fronte scrittura?
Kevin: Chiaramente mi diverte scrivere di lui, ma più di quello adoro scrivere di entrambi I fratelli perchè sono così differenti e opposti fra loro. Più si mette Stefan con Damon, e più Stefan torna alla vita nei vari episodi futuri. Mi diverte scrivere di lui perchè mi diverte far vedere l’apertura e il cambiamento di Stefan. Andare contro la sua natura, negandola e negando tutto quello che sa, tutto questo è uno degli elementi più importanti della stagione. Stefan ha una vera lotta interiore che ci porta al futuro, ad un possibile cambiamento a lungo termine del carattere del personaggio, mentre Damon sarà sempre Damon.

Se Stefan è il protagonista, mi domando come potrebbe esserer “Vampire Diaries” senza Damon
Kevin: Oh Dio, non voglio neppure pensarci ora. Ti prego, dimmi che stai parlando della  quarta stagione. Voglio dire, ci potranno essere sempre dei cambiamenti, sono sicuro che ci sarà un terzo fratello Salvatore là fuori, ma cerchiamo di non portarlo ancora in scena.

Che cosa mi dici dell’idea di portare ex colleghi in questo show come ad esempio i ragazzi di “Creek”?
Kevin: Forse ma non in questo momento. Ho comunque chiesto a Neve [Campbell] di venire per recitare la parte di una vampira. Purtroppo ora è occupatissima con delle riprese di un film ma magari in futuro…

Che mi dici di Katie Holmes? La gente impazzirebbe se l’attrice vestisse i panni di una vampira!
Kevin: Credo sia un pesce troppo grosso in questo momento, la mia nuova ossessione è  Taylor Swift!

Oh, Taylor Swift… sarebbe grandioso!
Kevin: Credo però che sia veramente troppo “grande” ora per “Vampire Diaries”. Ho provato a portarla nello show una volta ma era in tour. Sono praticamente caduto in disperazione nel volerla come vampiro. Non sarebbe grandioso quanto Kirsten Dunst in “Intervista con il vampiro”? O mio Dio, non posso dirvi con quanta forza stia cercando di portarla nello show, ucciderei pur di averla nel cast!

Ma ho sentito che stai portando un cacciatore di vampiri…
Kevin: Si, questo è come lo chiamiamo perchè nei libri è come il personaggio di Van Helsing, anche se proprio non ci assomiglia per nulla. E’ semplicemente un ragazzo in cerca di qualcosa che scopre qualcosa di diverso. Matt Davis ne veste i panni ed è veramente bravo. E’ il nuovo professore di storia.

Per piacere Kevin, potresti rendere questo cast un po’ più brutto? Voglio dire, cavoli…
Kevin: Lo so, il cast più brutto della televisione. Tutti, anche Matt, sono bruttissimi da guardare [ride].

OK, ho due domande importanti; primo, perchè hai scelto di non rendere i vampiri in polvere dopo che vengono trafitti?
Kevin: Stiamo lavorando ancora con le antiche leggende. La ragione della tossicità del legno per un vampiro è perché è un elemento morto. Quindi l’idea è che quando un vampiro viene trafitto nel cuore, il legno tossico si diffonde come veleno in tutto il corpo. Ecco perché l’effetto della morte di un vampiro è stato progettato in questo modo.
E l’idea dietro l’occhio vampiresco è che quando i vampiri si eccitano, il sangue sale agli occhi. E’ per questo che si vedono le vene delle pupille riempirsi di sangue.

Ha senso. Seconda e ultima domanda: sono dubbioso sul fatto che i genitori di Elena siano davvero morti, lo sono veramente?
Kevin: Oh, va bene … abbastanza possibilista. Chiaramente con i Gilbert ci sono molti segreti da svelare. Mi piace la parabola dei cattivi genitori e dei bravi figli. Adoro anche la città e la mitologia legata alle famiglie fondatrici: i Gilbert, i Lockwood, i Forbe e i Salvatore…

Mara D.

Founder e Admin di Telefilm-Central.org. Amante delle serie tv, del cinema e dell'universo Internet :-)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio