fbpx

Katie Cassidy parla di Gossip Girl

Lo scorso novembre abbiamo pregato la CW di dare al personaggio di Katie Cassidy di Merlose Place una delocalizzazione coast-to-coast visto che Ella Simms (e per estensione, Katie) si meritava molto di più di quella soap non alla sua altezza. Fortunatamente è più o meno quello che è successo a seguito della cancellazione di MP. (seguono spoilers)

Mentre Ella Simms non è riuscita a fare il salto, Katie lo ha fatto e ha potuto portare in vita un altro personaggio diabolicamente delizioso: Juliet Sharp, una donna misteriosa che non ha perso tempo ad intrufolarsi nelle vite di quei ragazzi e ragazze “Gossip”. E’ stato rivelato che il suo “simpatico incontro” con Nate non è stato un caso e stasera un altro pezzo del puzzle andrà al suo posto, facendo luce sulle vere intenzioni di Juliet. Ma perfino Katie non sapeva che direzione avrebbe intrapreso Juliet quando si è unita al cast come ho scoperto durante la nostra chiacchierata l’altro giorno — si è scoperto che la gioia di lavorare con i creatori di Gossip Girl Josh Schwartz e Stephanie Savage e con la sua co-star Leighton Meester in “Monte Carlo” era tutto ciò di cui aveva bisogno per sperare in un volo LAX–>JFK!

La CW non è stata abbastanza sveglia da tenere in vita il tuo personaggio di Merlose Place, ma sono contento che non ti abbiano lasciata andare via. Cos’è successo più o meno?
E’ stato un mix di cose – conoscevo da un po’ Stephanie e Josh e prima di andare a girare “Monte Carlo” con Leighton c’erano state discussioni riguardo al farmi entrare nella serie per una grande partecipazione. Ho parlato con loro e mi è piaciuto quello che avevano da dirmi. Senza dirmi troppo su di lei, avevo già accettato.

LEGGI ANCHE: Gossip Girl: trama, cast, trailer e curiosità sul reboot della serie TV

In quella situazione, quanto conoscevi dell’entrata in scena di Juliet?
Non molto [ride]. Mi hanno raccontato il suo background, ma non erano esattamente aperti. Sapevo che sarebbe potuta essere un po’ maliziosa e per un po’ chiedevo perfino se era buona o cattiva. Ma c’era solo un modo per interpretarla quindi dovevo solo proseguire per come la vedevo io.

Detto questo, sei andata alla fine del copione e hai pensato, “sono Gossip Girl?!?”
[ride] Veramente non l’ho vista in quel modo finchè non l’ho guardato in TV e come avevano montato il tutto. Posso capire perchè la gente lo potrebbe pensare.

Quindi non sei Gossip Girl?
Senza dire troppo, probabilmente no [ride].

Ma ha un altro scopo – verrà alla luce?
Sì, penso che quando avrò finito qui, tutte le domande avranno una risposta. Tutti i nodi verranno al pettine e vi daranno più di una spiegazione di dove proviene Juliet e le ragioni per il suo strano comportamento da stalker [ride].

Sembra quasi che tu interpreti due persone — quella che vede il pubblico e quella che vedono i personaggi.
Sì, è un po’ diverso da qualsiasi cosa abbia mai fatto prima – è molto intima e c’è senza dubbio un lato diverso di lei quando sta parlando con loro a differenza di quando è da sola. Voglio dire, come avete visto nel primo episodio, Juliet sta riattaccando le etichette sui suoi vestiti, così sta portando una maschera quando è intorno a Nate, Serena e Blair. Allo stesso tempo, non vuol dire che i suoi sentimenti per Nate non siano veri, o che non lo diventeranno. E’ intrappolata nel mezzo.

Finora è stata per lo più simpatica, arriveranno delle azzuffate per lei?
Ci sono sicuramente degli scontri.

Com’è passare dall’interpretare la migliore amica di Leighton in Monte Carlo alla sua avversaria in Gossip Girl?
E’ divertente litigare con qualcuno quando nonostante tutto è falso. E’ divertente scatenarsi. E’ stato così bizzarro con Leighton perchè i nostri personaggi in “Monte Carlo” sono così diversi da quelli in GG. Il mio personaggio in “Monte Carlo”, Emma, è questa dolce ragazzina naive del Texas che vuole tutto ed è piena di vita. Juliet è così drasticamente differente. E la relazione tra Juliet e Blair è così drasticamente diversa da quella tra Emma e Meg. Quindi penso che sia stato divertente dimostrare queste differenze. Ricordo noi due che ci siamo guardate pensando, “questo è così strano – chi sei tu ora?!” [ride].

NYPost.com

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button