fbpx
Cinema

Doppio Schermo: Irrational Man – la recensione del film di Woody Allen (negativa)

Titolo: Irrational Man 

Anno: 2015 – Durata: 96′

Regia e sceneggiatura: Woody Allen

Cast: Joaquin Phoenix, Emma Stone

Se il cinema nasce per far provare emozioni, per coinvolgere, per scuotere lo spettatore, l’amato e celebre regista Woody Allen ha purtroppo fatto un (altro) buco nell’acqua. Entrando a vedere Irrational Man, con il suo cast eccezionale del calibro di Joaquin Phoenix e Emma Stone, si entra in sala aspettandosi grandi visioni o quanto meno qualche risata. Ma le nostre aspettative vengono noiosamente disattese. Che succede Woody?Irrational Man cover

Una storia come tante altre ne ha già proposto il grande schermo, trattata con le tecniche più classiche del cinema classico. Da un lato troviamo un professore di buona fama e uomo maturo (Abe Lucas, interpretato da Phoenix), emotivamente turbato da una depressione cronica, che trova un temporaneo sollievo solo nel fiaschetto di whiskey di puro malto. Facendosi schermo con i contenuti delle sue lezioni di esistenzialismo o forse immedesimandosi troppo nei suoi discorsi, egli si crogiola in un’autocommiserazione che lo spinge ad sostenere che la vita non abbia senso, che la sua non abbia nulla che le dia significato e spessore. Il fascino dell’eterno incompreso e del perenne afflitto tuttavia riscuote non poco successo sul fronte femminile. Dall’altro lato infatti vediamo Jill Pollard (Emma Stone), una giovane e brillante studentessa universitaria, che nega inizialmente al suo ragazzo ed a se stessa di essere invaghita di Abe, per poi innamorarsi follemente di lui.

Sarà colpa del sex appeal suscitato dall’uomo maturo (e che uomo!)? Saranno i bei discorsi filosofeggianti tanto quanto piaccioni e un po’ semplicistici? Sarà l’istinto da crocerossina radicato fermamente in molte donne? Quanto basta. Ai piedi di Abe cade ben presto anche una sua collega un po’ fuori dagli schemi, Rita Richards (Parker Posey), che viene prontamente accolta nel letto del nostro Phoenix-esistenzialista, ma senza grandi soddisfazioni.

Irrational Man 2Due donne che lo desiderano al di fuori delle loro relazioni amorose e coniugali, una carriera brillante, cattedra assicurata, casa su due piani in gentile concessione dell’università americana, un tempo atmosferico ideale, ma lui soffre dentro, non trova un senso a niente. Nulla di originale o inverosimile, ma lasciamo correre la situazione di partenza che trascina l’occhio un po’ stufo o socchiuso dello spettatore (provato dai pranzi natalizi!) per circa mezzo film. Non c’è nemmeno tanto da ridere, anzi, non si ride mai e, d’altra parte, non si freme nemmeno per la tensione quando sarebbe auspicabile.

Quando finalmente il protagonista trova il faro nella notte, guidato dall’ardente bisogno di un capro espiatorio per poter riprendere il controllo della propria vita, ci si aspetterebbe un po’ di originalità in stile Allen, forse il film partirà… ma lo sguardo bovino del pubblico non si sbilancia, mentre l’ingenua ragazza pensa di essere stata lei a dare una svolta alla vita di quell’uomo e la professoressa si arma di superiorità culturale da spirito libero sposato.

Nessuna suspense, nessuna risata, nessuna ripresa particolare che diano un taglio meno classico ad un film con un’idea di fondo piuttosto povera: non si impara tutto dai libri, bisogna essere razionali/filosofici ma la vita vera è un’altra e i veri insegnamenti vengono dalle esperienze vissute di petto. Wow, meno male che ce lo dice Allen.

Si trattasse di un regista alle prime goffe armi potrebbe essere anche compreso e lasciato passare come molti altri film di cui ci si dimentica pochi giorni dopo. Dietro a Irrational Man ho impressione che ci sia un uomo vecchio, stanco, senza le grandi idee o trovate simpatiche di una volta, ma desideroso di produrre e di scrivere sceneggiature tanto attese quanto tendenzialmente banali. Fortunatamente gli attori si mostrano sempre nel loro inscalfibile talento, che potrebbe tuttavia essere speso meglio, per comunicare messaggi e emozioni che abbiamo un qualche spessore.Irrational Man

Meno male che gli attori sono bravi…ma fateci vedere qualcosa di più! Uno spettatore che conosce le potenzialità di Allen può innervosirsi e rimanere piuttosto insoddisfatto, perché i film di questo tipo “sono solo canzonette” infarcite di riferimenti letterari e filosofici che strizzano l’occhio a chiunque abbia una minima infarinatura culturale. Allen non era così, o se lo era, quanto meno faceva ridere. Ora, a Natale, non ci viene regalata nemmeno una risata, e nemmeno un po’ di pathos.

Spero proprio non continui così, per inerzia su questa scia monotona e insipida, in cui tutto si assomiglia e nessuna emozione viene trasmessa. Merita di essere riportato un commento finale, conciso, un po’ rude, ma efficace, di uno spettatore infastidito dalla visione: “ti trombo, ti ammazzo, è sempre la stessa musica!”. Sì, è sempre la stessa, ed è la stessa da un po’ di tempo a questa parte.

Qui la recensione positiva di Irrational Man.

Irrational Man
  • Scialbo
Sending
User Review
4 (3 votes)
Comments
To Top