Attori, Registi, ecc.

Lost: Intervista a Josh Holloway sull’ultima stagione

I fan dell’innovativo ed enormemente popolare drama Lost sono sia tristi che la loro serie preferita sia arrivata ad una fine, sia ansiosi di vedere come tutto finirà. Hanno passato molto tempo a cercare di trovare le risposte a tutte le domande che sono state costruite nelle cinque passate stagioni.

Nei panni di James “Sawyer” Ford, l’attore Josh Holloway è passato dall’essere il truffatore a cui non importava di nessuno quando il Volo Oceanic si è schiantato sull’isola misteriosa, a capo della sicurezza per la Dharma Initiative, come risultato dei viaggi temporali che lo avevano portato indietro negli anni ’70. Straziato tra il suo amore per Kate (Evangeline Lilly) e la vita che si è costruito con Juliet (Elizabeth Mitchell), Sawyer è diventato uno dei personaggi più popolari dello show.

Dopo la presentazione di Lost al Television Critics Association Winter Press Tour, e prima di riprendere il volo per le Hawaii per finire di girare, Josh Holloway ci ha parlato del tempo che ha passato nella serie, di come crede che l’abbia aiutato ad ottenere credibilità come attore, e di come i fan dello show rideranno e piangeranno mentre la stagione finale darà il meglio di sè.

Hai un momento, un arco di puntate o un episodio preferito, da quando hai iniziato lo show?

Ne ho così tanti. Mi piacciono le scene di gruppo. Servono due o tre giorni per essere girate perché devi coprire tutti. Ma, se ti posizioni bene, vieni tagliato e ti diverti per la maggior parte del tempo. E poi, occasionalmente, devi fare la tua particina. Sono diventato un artista nel posizionarmi dove posso divertirmi di più sul set, tutto il giorno.

Come ti senti dato che lo show sta per finire?

C’è molto cameratismo sul set ora. Sembra che ci sia molta magia, come nella prima stagione. È stato un anno incredibilmente magico, e l’intera esperienza, certamente, è stata incredibile.

Che tipo di emozioni hai provato, da quello che hai già girato finora di questa stagione?

La premiere è sembrata grande. Sembrava come un finale. Era sullo stello livello.

Allora non hai nessuna idea di come finirà lo show?

Non lo so e non lo voglio davvero sapere. Sono viziato. Prendi quello che viene e vai.

Se fosse per te, cosa vorresti per Sawyer? Che tipo di futuro vorresti per lui, se potessi scriverlo?

Prima, pensavo che sarebbe dovuto morire salvando una rana o qualcosa di pazzo così, ma ora penso che forse si sia meritato una seconda possibilità nella vita. Ma, non è un ciak chiaro. Ha alcune cose che ha bisogno di rettificare e si spera che le lezioni che ha imparato sull’isola si trasferiranno nella vita reale e che possa avere una seconda possibilità. Penso che debba morire ora? No.
Lost Stagione 1

Josh Holloway

Starai alle Hawaii o tornerai a Los Angeles?

Entrambe le cose. Mi sono veramente innamorato delle Hawaii e ho una casa là, ma L.A. è dove c’è il lavoro, quindi sarò qui.

Quant’è emozionante questa stagione finale? Quante volte piangeranno i fan?

Piangerete subito. La penso così. Credo che riderete, piangerete, farete tutto. Quasi ogni episodio di questa stagione è un duro colpo. Stanno dando il meglio, emotivamente e fisicamente. C’è molta azione e succedono molte cose.

L’hai capito tu lo show?

Non l’ho mai capito. Ho smesso di provarci. È proprio come la vita. È pieno di mistero, e il giorno in cui credi di aver capito e scoperto tutto, il giorno dopo non sai più niente. Va esattamente in quel modo, e tutti dicono sempre, “Cosa succederà alla fine?”. Alla fine, non sappiamo cosa succederà nella vita e questa è stata l’intelligenza di questi creatori. Gli hanno permesso di essere come la vita e di raccontare storie, e seguire qualcosa che loro vedono in un personaggio per poi scriverlo nello show, come una parte del carattere di quella persona. L’hanno fatto per tutto il tempo. Se un attore fenomenale arriva come guest star, viene inserito nella storia. Funziona così, e sono stati molto aperti in questo.

In molti modi, il tuo personaggio è diventato il personaggio principale in Lost. Da quando hai iniziato, pensi al viaggio che ti ha portato fin qui?

Wow. Sì, ho pensato a molte cose e tutto torna a un, “Dannazione, sono contento di non essere ancora morto”. È davvero così per me, e spero di continuare ad essere una parte intricata di Lost. Significa molto per me. Essere un personaggio che è in qualche modo difficile è un onore e una pressione, ma buona. Mi piace. È stato divertente.

Cos’hai pensato quando hai realizzato che il tuo personaggio stava diventando una parte importante dello show?

È iniziato quando ho letto il pilot e ho detto, “Questo ragazzo è veramente uno stronzo. Devo scoprire come sopravvivere”. Ma non ne avevo idea. A proposito di questo, mi ricordo di aver detto a mia moglie, “Non buttare via quelle scatole perché a meno che questo personaggio non sviluppi un’altra dimensione, verrà ucciso molto presto”. Quindi, è stato un bel viaggio. Non avevo idea di dove sarebbe andato questo personaggio, o dove sarebbe andata la storia, onestamente. Ma è stato un viaggio fenomenale per me, interpretare lo stesso personaggio, ma cercare due prospettive diverse. Cambia in continuazione. Ed è stato un onore per me interpretare così tanti aspetti di formazione del carattere di qualcuno. È stato uno spettacolo per me. Non ne avevo idea.

Quali sono le tue osservazioni sulla crescita personale del tuo personaggio, e sulla tua crescita personale dovuta all’interpretarlo?

Wow. È stata soprattutto una camminata su una linea sottile per scoprire la sua umanità, e sta ancora camminando sul bordo. È stato il mio percorso per l’intero viaggio. L’hanno messo in ogni situazione possibile, emotivamente e fisicamente. Questo, in se stesso, è stato un viaggio. La crescita di Sawyer e le cose che gli sono state chieste di fare, specialmente con Juliet, sono state illuminanti, è stato un onore ed è stato spaventoso. Pensavo davvero che il pubblico potesse rigettare quel lato più tenero di Sawyer. Il mio lavoro, come attore, era camminare su quella linea, scoprire la sua umanità, ma rimanere salato riguardo ad essa. È stato un viaggio sorprendente. Vorrei spiegarlo meglio, ma non ci riesco. Ho avuto così tante esperienze di cambiamenti di vita, da quanto è iniziato lo show. Mi sono sposato, ho comprato la mia prima casa, ho ricevuto la convalida come attore e abbiamo avuto un figlio. Non posso dire abbastanza su questo. È stato un viaggio fenomenale e un onore.

Sawyer è diventato sempre più simpatico. Sarà ancora così in questa stagione finale?

Porterà indietro un po’ di sale quest’anno. È completamente distrutto emotivamente e non gli importa più tanto della vita. Comunque, le lezioni che ha imparato sull’isola e l’umanità che è stato costretto a conoscere e sviluppare, entreranno anche loro in gioco. Questa è probabilmente l’unica cosa che lo trattiene dal farsi fuori.

Ci saranno più lotte di potere tra Jack e Sawyer in questa stagione?

Penso che vedrete molte lotte per il potere e cambiamenti nei personaggi in generale. Non credo che si limiterà ad essere una cosa tra Jack e Sawyer. Quest’anno è la stagione finale, quindi la storia è davvero arrivata ad un punto in cui è praticamente un altro personaggio. Ora è la storia a guidare quelle relazioni.

Loste terza stagione

Come ti sei sentito quando hai guardato il finale della scorsa stagione?

Stai scherzando? Mi ha spezzato il cuore.

Probabilmente non ti saresti mai immaginato che Sawyer potesse pensare a Juliet vero?

Sì, né io né Juliet. Eravamo come, “Cosa?!”. Ma è stata una relazione fantastica da portare in vita, e poi speravamo che il pubblico la seguisse. Così quando ha funzionato così bene e ha avuto una fine così potente, eravamo entrambi piacevolmente sorpresi, ma girarlo è stato straziante per il cuore.

Ci sarà ancora il triangolo amoroso in questa stagione ora, o è cambiato tutto per sempre?

Oddio, non so più come andrà a finire. Chi lo sa?

Alla fine, nel tuo cuore, Sawyer è con Kate o con Juliet?

Credo con entrambe, in realtà. Sono diverse. Una è un amore innegabile che esiste e basta come succede nella vita, e l’altra è iniziata come un’amicizia, o come inimicizia diventata amicizia e poi si è sviluppata in qualcosa che è una relazione più tenera e più matura. Una è per scelta e l’altra no, quindi sono entrambe valide, nel loro modo.

Com’è stato avere indietro alcuni membri del cast originale di Lost, come Ian Somerhalder?

È uno spettacolo rivederci perché siamo tutti amici intimi ora. È una grande famiglia. Era tutto caricato emotivamente quando la gente veniva uccisa o lasciava lo show, quindi ogni persona tornata è stata come un’esplosione. Solo rivederli, uscirci insieme, riunirsi, ridere su certe cose e stare insieme sulla spiaggia è stato bello.

C’è mai stato un sondaggio del cast su chi sarebbe stato ucciso in ogni stagione?

Ne abbiamo parlato, ma penso che fossimo tutti un po’ nervosi all’idea che saremmo stati anche noi sulla lista, quindi non lo abbiamo fatto.

C’è un taglio di capelli nel tuo futuro, dopo questa stagione?

Possibilmente. Dirò che, visto che amo tanto Robert Redford, probabilmente non terrò lo stesso taglio di capelli per tutto il resto della mia carriera. Li taglierò.

Hai detto che tutto questo ti ha dato credibilità come attore. A che punto del processo l’hai capito?

Probabilmente l’anno scorso. Mi ci sono voluti cinque anni per accettarlo, “Aspetta un attimo, sono un attore e non devo essere imbarazzato quando lo dico alle persone”. È stato intorno all’anno scorso quando ho iniziato a sentirmi a mio agio.

Visto che Sawyer ha un soprannome per tutti gli altri, tu hai un soprannome per lui?

No. È una bella domanda comunque.

iesb.net – feb. 2010

Comments
To Top